Crisi: effetto Fed sulle Borse, per l’Europa settimana “positiva”

ROMA – “La settimana trascorsa è stata molto positiva per l’Europa”, è la valutazione congiunta del premier Mario Monti e della Cancelliera tedesca Angela Merkel. Riportata in una nota di Palazzo Chigi che riferisce di una telefonata tra i due leader europei.

– Un’evoluzione positiva è stata riscontrata circa la consapevolezza da parte dell’opinione pubblica europea che soluzioni all’attuale crisi finanziaria devono emergere da una più intensa cooperazione nell’ambito europeo – si legge ancora nella nota.

Piazza Affari ieri ha corso al fianco dei principali listini europei, trainati dalla mossa della Fed a sostegno dell’economia Usa. E così la borsa di Milano ha chiuso in deciso rialzo e il Ftse Mib ha guadagnato il 2,34% a 16.624 punti.

Secondo il presidente Bce Mario Draghi è “difficile dire” quanto durerà l’effetto positivo sui mercati dopo l’annuncio della Bce di poter procedere ad acquisti dei titoli di stato ma “c’è una lunga strada ancora da fare”. Quanto all’attivazione del piano anti-spread, ribadisce, esso richiede “strette ed efficaci condizioni”.

L’Europa sta già vedendo “positivi risultati” dall’annuncio della Banca centrale europea di essere pronta ad acquisti illimitati di titoli pubblici emessi da paesi dell’eurozona, dichiara Draghi, in una intervista al giornale tedesco Suddeutsche Zeitung. Draghi ammette di dover ancora lavorare per convincere alcuni in Germania. Intanto, la commissione Europa del parlamento tedesco lo ha invitato per un’audizione.

Condividi: