Día Mundial de de la Concientización del Linfoma

Pubblicato il 14 settembre 2012 da redazione

CARACAS-  Este 15 de septiembre se celebra el Día Mundial de la Concientización del Linfoma. Según la Asociación Venezolana de Amigos con Linfoma (AVAL), en Venezuela se estiman más de 720 casos anuales de ambos tipos de linfoma. En Suramérica, por cada 100.000 habitantes, siete padecen de linfoma No Hodgkin, mientras que entre tres y cuatro casos, de Linfoma Hodgkin. En el mundo, anualmente cerca de 350.000 personas son diagnosticadas con esta enfermedad.

La sangre es una mezcla de plasma, glóbulos rojos, glóbulos blancos y plaquetas, la cual realiza una serie de funciones mientras circula por el cuerpo, como distribuir oxígeno y nutrientes a los tejidos, transportar dióxido de carbono a los pulmones, movilizar hormonas para que distintas partes del cuerpo se comuniquen, y transportar elementos que combaten las infecciones.

Los linfocitos circulan por todo el cuerpo a través del torrente sanguíneo y permiten al organismo producir anticuerpos, defenderse de infecciones virales e incluso atacar células cancerosas.

Cuando ocurren trastornos hematológicos que provocan el crecimiento inadecuado y descontrolado de los linfocitos, éstos se depositan en los ganglios linfáticos y reemplazan el tejido normal por células malignas.  Esta enfermedad es conocida como linfoma.

La Dra. Marisela Morales, hemato-oncólogo del Instituto de Hematología y Oncología de la Universidad Central de Venezuela, comentó que entre los factores que podrían predisponer la aparición del linfoma se encuentran: antecedentes familiares con enfermedades oncológicas, exposición a radiaciones o químicos de fumigación y padecer o haber padecido infecciones virales, como el Virus de Inmunodeficiencia Humana (VIH), que generalmente se asocia a linfomas muy agresivos.

Existen dos grandes clasificaciones: el Linfoma de Hodgkin y el Linfoma no Hodgkin. El Linfoma de Hodgkin se desarrolla en los linfocitos B y es de mejor pronóstico. Se presenta en grupos etarios más jóvenes, casi siempre afecta ganglios, principalmente los de la línea media (submaxilares, cervicales y axilas) y pocas veces se ubica en otras partes del cuerpo.

El Linfoma no Hodgkin presenta cerca de 60 variaciones y puede derivar de los linfocitos B o T. Este tipo de linfoma puede ubicarse tanto en los ganglios que forman parte del sistema linfático, como en cualquier sistema u órgano del paciente (piel, hígado, cerebro, estómago, riñones, etcétera) e, incluso, en varios sitios al mismo tiempo.

Dependiendo del tipo de linfoma los síntomas pueden variar, pero para ambos casos generalmente son: fiebre vespertina, sudoración nocturna, pérdida de más del 10% del peso, crecimiento de los ganglios, anemia y alteraciones en los valores hematológicos.

El tratamiento para pacientes con linfomas suele ser combinado por lo que casi todos los pacientes reciben quimioterapia y radioterapia. Los especialistas también suelen administrar las terapias inteligentes, las cuales son una alternativa novedosa basada en medicamentos biotecnológicos y que ofrecen mejor calidad de vida a los pacientes.

“Los medicamentos biotecnológicos, también conocidos como anticuerpos monoclonales, inmunoterapias, terapias dirigidas o inteligentes, a diferencia de la quimioterapia, actúan selectivamente sobre las células tumorales, sin afectar las células buenas, lo que representa para los pacientes tratamientos más eficaces, menos invasivos y que reducen los efectos secundarios”, comentó la Dra. Morales.

La Dra. Morales indicó que, aunque no en todos los casos se logra, el linfoma es una enfermedad que puede curarse, por lo que animó a las personas que presentan esta patología, a agruparse en asociaciones de pacientes que brindan apoyo psicológico y emocional, en el tratamiento de la enfermedad.

AVAL es una organización sin fines de lucro, no gubernamental, que ayuda a pacientes afectados por esta enfermedad.

“Nuestra organización está enfocada en la divulgación de información sobre el linfoma; buscamos fomentar el fortalecimiento de las relaciones pacientes-familiares, y generar vínculos entre la asociación y las personas afectadas por el linfoma en el país”, comentó Alexis Pérez, presidente ejecutivo de AVAL.

Ultima ora

19:47Compra anello per 10 sterline, ne vale 350mila

(ANSA) - LONDRA, 22 MAG - Un anello con diamante acquistato negli anni Ottanta in un mercatino delle pulci per 10 sterline verrà battuto all'asta da Sotheby's a luglio e, secondo le stime della nota casa londinese, dovrebbe raggiungere la ragguardevole cifra di 350mila sterline (poco più di 400mila euro). La proprietaria ha sempre pensato che il diamante fosse un articolo di bigiotteria e in questi anni ha indossato l'anello tutti i giorni. In realtà si tratta di un raro diamante da 26 carati del 19mo secolo tagliato a cuscino. Secondo la casa d'aste proprio il vecchio stile del taglio, che lo "rende leggermente più opaco" rispetto ai tagli moderni, ha indotto la proprietaria a pensare che si trattasse di un pezzo da bigiotteria.

19:42Moto: morto Nick Hayden

(ANSA) - BOLOGNA, 22 MAG - E' morto all'ospedale Bufalini di Cesena il motociclista Nicky Hayden, rimasto coinvolto in un incidente mentre si stava allenando in bicicletta nel Riminese. Da mercoledì era ricoverato in rianimazione per un gravissimo politrauma e una vasta lesione cerebrale causata dallo scontro con un'auto. Lo ha annunciato una nota dell'ospedale Bufalini. Le sue condizioni erano apparse fin da subito gravissime: aveva infatti riportato numerose ferite dopo essere stato sbalzato sul cofano della vettura e avere sfondato il parabrezza mentre la sua bici, spezzata, era finita in un fosso ai lati della carreggiata.

19:36Trump: Sarah e Melania si dicono fan l’una dell’altra

(ANSAmed) - TEL AVIV, 22 MAG - Sarah Netanyahu e Melania Trump si sono fatte reciprocamente i complimenti esprimendo ammirazione l'una per altra e sottolineando di avere in comune molte cose tra cui - ha detto la prima - l'antipatia verso i media. Lo scambio di battute informale - captato dai microfoni, secondo quanto segnalato dai media - è avvenuto all'incontro delle coppie una volta che i Trump sono scesi dall'Air Force One. Il presidente ha detto a Netanyahu che la moglie è "una grande fan della sua consorte". "Io l'amo - ha subito risposto Sarah - ed anche io sono una sua fan". "Posso testimoniarlo", ha spiegato Netanyahu mentre la moglie ha aggiunto: "La maggioranza del popolo, a differenza dei media, ci vuole bene... Abbiamo molto in comune".

19:28Consip: mercoledì riunione vertici procura Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 22 MAG - Le vicende legate al caso Consip - le polemiche sulla conduzione dell'inchiesta, le presunte irregolarità attribuite a un investigatore dei carabinieri, e l'avvio di un procedimento disciplinare nei confronti del pm Henry John Woodcock che svolse la prima fase delle indagini - saranno al centro di una riunione fissata per mercoledì prossimo, 24 maggio, alla quale prenderanno parte il procuratore facente funzione Nunzio Fragliasso e gli otto procuratori aggiunti che coordinano le varie sezioni dell'ufficio. E' la prima volta che viene affrontata, sia pure informalmente, la questione da parte dei magistrati della procura di Napoli da quando nelle scorse settimane gli inquirenti della procura di Roma indagarono per falso il comandante dei Noe di Napoli capitano Gianpaolo Scafarto per presunti falsi inseriti nell' informativa sia in relazione al coinvolgimento dei servizi segreti sia a proposito di una intercettazione che chiamava in causa Tiziano Renzi.

19:25Usa: Trump cerca mano Melania, First Lady si sfila via

(ANSA) - NEW YORK, 22 MAG - Trump cerca la mano di Melania e lei si sfila via non curante. Almeno e' ciò che appare dalla sequenza delle immagini di un video che ha fatto il giro della rete suscitando diversi commenti. L'episodio si riferisce all'arrivo della coppia presidenziale in Israele. I due sono stati accolti in pompa magna e alla loro discesa dall'Air Force One e' stato steso un lungo tappeto rosso. Dopo le foto con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e la moglie Sara, il gruppo si è avviato sul tappeto rosso. Il leader israeliano e la moglie si tenevano per mano e ad un certo punto e' sembrato che anche Trump cercasse la mano della moglie che invece di porgerla a sua volta sembra addirittura dare segno di volerla respingere. "Melania si e' appena rifiutata di dare la mano a Trump?" - si legge su Twitter. "Siamo tutti Melania", oppure, "Melania non vuole avere niente a che fare con lui. Nove giorni con Trump e non vede l'ora di tornare nel suo santuario a New York". Così alcuni alcuni dei commenti sul web

19:21Radicali, protesta a Milano contro Regione e Comune

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - Protesta dei Radicali a Milano contro "la violazione dei diritti di iniziativa popolare da parte del Comune e della Regione Lombardia". Marco Cappato, tesoriere della associazione Luca Coscioni, si è presentato davanti a Palazzo Marino esibendo due grandi matite di cartone per protestare contro il Comune "che dopo 21 mesi dal deposito delle firme sui quattro referendum del comitato 'Milano sì muove' non ha ancora rinnovato il Collegio dei garanti che devono dare il parere di fattibilità". La stessa protesta i Radicali metteranno in scena domani davanti al Pirellone, dove si tiene la seduta del Consiglio regionale. "Sono passati 15 mesi dal deposito delle leggi di iniziativa popolare per la regolamentazione della Cannabis terapeutica e per istituire il Registro dei testamenti biologici - ha detto Cappato -. La legge prevede che il Consiglio regionale abbia tre mesi di tempo per discutere le proposte depositate, scaduti i quali avviene l'inscrizione automatica. Ma non sono mai state calendarizzate".

19:20Turchia: demolito club strage di Capodanno

(ANSA) - ISTANBUL, 22 MAG - Il nightclub 'Reina' di Istanbul, teatro della strage di Capodanno rivendicata dall'Isis, in cui furono uccise 39 persone, è stato demolito stamani. La decisione è giunta dal Comune della metropoli sul Bosforo, che in una breve nota ha motivato l'abbattimento con una "violazione della normativa" edilizia. "È stato inatteso anche per noi. Il processo di demolizione è durato 45 minuti", ha detto a Hurriyet una fonte del locale. Il prossimo 11 dicembre avrà inizio il processo ad Abdulkadir Masharipov, l'uzbeko accusato di aver compiuto l'attacco, rinviato a giudizio con altri 56 presunti complici. Catturato dopo oltre due settimane di caccia all'uomo, Masharipov rischia 40 ergastoli e 2.397 anni di prigione.

Archivio Ultima ora