Fiducia Monti al 52%, ma il governo è al 37%

ROMA – Cresce la fiducia nei confronti di Mario Monti, mentre per il suo esecutivo il giudizio è negativo (la tendenza al calo, in atto da mesi, si riconferma infatti anche a settembre). E’ quanto emerge dal sondaggio effettuato dall’Istituto IPR Marketing, diretto da Antonio Noto, per conto di Repubblica.it. Il Premier e il Governo – I mesi estivi hanno generato un incremento significativo di fiducia nei confronti del Premier che torna a superare la soglia del 50% dei consensi (52% oggi,+3 rispetto a luglio).

Di segno completamente opposto il risultato per il governo nel suo complesso: l’Esecutivo scende di 3 punti e si colloca a quota 37%, registrando il suo peggior risultato dall’insediamento. Coloro che hanno poca o nessuna fiducia nell’Esecutivo sono il 55%, con un aumento di 4 punti rispetto alla precedente rilevazione. I Ministri – Nessun ministro riesce a ottenere la fiducia della maggioranza degli italiani. Al comando con il 50% di fiducia (pur perdendo 3 punti da luglio) si conferma il ministro dell’Interno, Anna Maria Cancellieri, mentre al secondo posto, con il 46% troviamo appaiati il titolare dello Sviluppo e delle Infrastrutture, Corrado Passera, e Andrea Riccardi, ministro per la cooperazione internazionale (quest’ultimo è l’unico, insieme a Clini, che ha fatto registrare un segno positivo nel corso degli ultimi due mesi). Seguono Paola Severino, ministro di Grazia e Giustizia, che con il 45% sconta un calo del 3%, e il ministro dell’Istruzione Francesco Profumo che mantiene inalterato il suo 43%. In penultima posizione compaiono con il 38% il Ministro dell’Economia Vittorio Grilli (al suo debutto in classifica) e il ministro del Lavoro Elsa Fornero (in calo di due punti).

Fanalino di coda il ministro dell’Ambiente Corrado Clini che registra però una crescita del 2% arrivando al 37%. Il sondaggio prende in considerazione solo gli otto ministri che hanno un livello di conoscenza tra gli italiani maggiore del 25%. Il sondaggio è stato effettuato da Ipr Marketing per Repubblica.it intervistando, con il proprio sistema esclusivo Tempo Reale, il 13-14 settembre, un campione di 1.000 italiani rappresentativo per età, sesso ed area di residenza della popolazione maggiorenne residente.