India, trasporti bloccati dalle proteste contro l’aumento dei carburanti

NUOVA DELHI – Disagi nei trasporti pubblici in India, dove centinaia di persone hanno bloccato i treni per protestare contro il taglio dei sussidi per il carburante, deciso dal governo. Diversi partiti dell’opposizione hanno organizzato uno sciopero nazionale per ieri, ma l’impatto è stato minore del previsto e molti negozi e uffici restano aperti soprattutto nelle due città principali del Paese, la capitale Nuova Delhi e Mumbai. Il pacchetto di riforme economiche presentato la settimana scorsa dal governo ha causato malcontento e proteste diffuse, indebolendo la coalizione del premier Manmohan Singh. I principali disagi si sono registrati negli Stati di Uttar Pradesh e Bihar. I dimostranti si sono seduti sui binari e alcuni hanno bruciato un pupazzo raffigurante il primo ministro.