I biancocelesti conquistano un punto contro gli Spurs

LONDRA – Più efficace che spettacolare, più solida che divertente, ma un po’ fortunata e abbastanza pragmatica da raccogliere un punto: missione compiuta, la Lazio esce imbattuta anche da White Hart Lane.
Nell’esordio di Europa League buona prova di Mauri e compagni che impattano contro il Tottenham di Villas-Boas. Il primo pareggio stagionale coincide con la prima gara della gestione Petkovic senza gol. Ma il punto sul campo più difficile è un ottimo presupposto per il cammino europeo.
La febbre di Candreva regala una maglia da titolare a Onazi. Più preoccupata a non offrire il fianco che ad attaccare, la squadra di Petkovic resta bloccata nella propria metà campo, lasciando agli esterni – capitan Mauri a destra e Lulic sulla corsia opposta – il compito di rifornire l’unica punta Klose. Ma sullo spunto dell’esterno bosniaco al 12’pt, Klose è in ritardo e sciupa la favorevole occasione. Da lì in poi è solo Tottenham anche se ai padroni di casa di raro riescono efficaci accelerazioni. Anzi, la prima occasione degli Spurs nasce da una disattenzione di Cavanda: il suo sventato appoggio è preda di Defoe e Bale, Marchetti si salva in angolo.
Lazio fortunata al 23’: Dempsey segna di testa ma la rete viene annullata per fuorigioco.
Gli Spurs però si sgonfiano presto, consentendo alla Lazio di chiudere la frazione in crescendo. E rendersi pericolosa quando Mauri aggancia al volo al limite dell’area, Klose svirgola malamente.
Dal settore che ospita i duemila laziali si alza un coro in onore del più celebre ex di entrambi i club, Paul Gascoigne. Il pubblico inglese dimostra di apprezzare e applaude fragorosamente. E prima dell’intervallo arriva l’occasione migliore per la Lazio: la conclusione al volo di Gonzalez supera Lloris ma si infrange sulla traversa.
La ripresa si apre tra le proteste dei tifosi di casa che chiedono il rigore per una spallata di Lulic su Lennon: sul conseguente tentativo di Dempsey salva sulla linea Biava. A metà ripresa altra rete annullata al Tottenham: sull’angolo di Bale, insacca Caulker. Ma questa volta la chiamata del direttore di gara, il rumeno Hategan, è giusta, chiara la trattenuta su Mauri. Il Tottenham non ha più forze, la Lazio si accontenta e così il pari sulla ruota di Londra è inevitabile.

Condividi: