La ‘polizia pacificatrice’ a Rocinha, terra di degrado e abbandono

Pubblicato il 21 settembre 2012 da redazione

BRASILIA – Un’enorme chiazza di mattoni rossi sullo sfondo verde delle floride montagne della Zona Sul di Rio de Janeiro sbuca all’improvviso alla fine di un tunnel tra i quartieri ricchi di Gávea e São Conrado: è Rocinha, la ‘favela’ forse più emblematica della metropoli carioca e la più grande del Brasile, terra di degrado, abbandono e violenza in cui per almeno tre decenni nessun poliziotto poteva azzardarsi a mettere piede.
A poco meno di un anno dalla spettacolare occupazione militare della baraccopoli, 70.000 anime, che mobilitò centinaia di agenti con l’appoggio di blindati ed elicotteri dell’esercito nel cuore della Rio benestante, la ‘favela’ liberata dai narcotrafficanti ha visto installarsi nel suo territorio la prima Unità della cosiddetta polizia pacificatrice (Upp). “La polizia è qui ed è qui per restarci, per sempre” ha promesso il governatore di Rio, Sergio Cabral, parlando ai piedi di un enorme arco disegnato dal celebre architetto brasiliano Oscar Niemeyer all’ingresso della ‘favela’ dove quest’anno si sono contati 12 morti. L’ultimo, la settimana scorsa, è stato un poliziotto di 25 anni ucciso mentre era di pattuglia a piedi, unico mezzo per spostarsi nelle anguste strade dell’insediamento che solo in minima parte possono essere percorse in automobile.
Un centinaio di videocamere saranno installate per vigilare un’area di 840.000 mq nella comunità che ospita da giovedì la 28esima unità dell’Upp sorta in una ‘favela’ carioca dal 2008, quando si diede il via all’occupazione militare delle baraccopoli in vista dei prestigiosi appuntamenti dei Mondiali di calcio del 2014 e dei Gioochi Olimpici del 2016. La polizia, sempre vista con sospetto e timore per la sua lunga e persistente storia di abusi e corruzione, si sarebbe ormai guadagnata la fiducia della popolazione o almeno così sostengono le autorità locali, pur sottolineando che la strada della pacificazione “è ancora lunga”.

Ultima ora

13:37Assenteismo, indagato comandante vigili urbani Arzachena

(ANSA) - ARZACHENA, 13 DIC - Dovrà rispondere di truffa aggravata e continuata ai danni del Comune di Arzachena, in Gallura, e di una lunga serie di reati tra cui l'abuso di atti d'ufficio, peculato e omessa denuncia. Questa mattina gli uomini della Guardia di Finanza di Olbia, guidati dal comandante Marco Salvagno, hanno notificato l'obbligo di firma al comandante della polizia locale di Arzachena Andrea Becciu, in carica dal 2015. Secondo le indagini,coordinate dal procuratore della Repubblica di Tempio Pausania, Gianluigi Dettori, era solito assentarsi numerose ore al giorno dall'ufficio per motivi privati di varia natura, in molte occasioni anche fuori Arzachena, timbrando il cartellino in orari in cui non vi era la presenza dei suoi collaboratori, così che nessuno potesse rilevare eventuali irregolarità. Ma da diverso tempo gli spostamenti del comandante erano tenuti sotto controllo dai militari delle fiamme gialle anche attraverso telecamere e dispositivi Gps nascosti nelle automobili in uso al funzionario. In alcune occasioni, prevalentemente nei giorni festivi, Becciu, dopo aver timbrato il cartellino lasciava il Comando per raggiungere le spiagge della Costa Smeralda. (ANSA).

13:36Modella rapita: Corte, la vittima non sarà ascoltata in aula

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Non verrà sentita la modella inglese Chloe Ayling nel processo a carico di Lucasz Herba, il 30enne polacco di Birmingham che l'avrebbe sequestrata e poi liberata, per metterla all'asta e accreditarsi così sul 'deep web' come persona in grado di offrire servizi illegali. Per il rilascio i due avevano anche chiesto un riscatto, senza ottenerlo. La Corte d'Assise di Milano ha bocciato la richiesta avanzata dalla difesa dell'imputato, l'avvocato Katia Kolakowska, che ha chiesto di ascoltare in dibattimento la giovane, già sentita in incidente probatorio. Istanza a cui si è opposto anche il legale della parte civile, Francesco Pesce, che ha sostenuto che la ventenne "non vuole tornare in Italia e vedere ancora il viso del suo sequestratore". Da quanto riferito, la giovane risiede in Gran Bretagna, ma è tornata in Italia per un'intervista con la televisione australiana. I giudici d'Assise hanno aggiornato l'udienza al 7 febbraio per l'esame dei primi testi del pm e hanno ammesso l'interrogatorio dell'imputato.

13:34Maltempo: tamponamento su A12 dopo grandinata, 20 feriti

(ANSA) - LA SPEZIA, 13 DIC - Un tamponamento a catena, causato probabilmente dal manto stradale reso viscido da un'improvvisa grandinata, ha coinvolto stamani una decina di auto sull' autostrada A12 tra Deiva Marina e Carrodano provocando una ventina di feriti lievi. L'autostrada è rimasta chiusa per circa due ore. Una parte dei feriti sono stati trasportati in codice giallo o verde dalle ambulanze nei pronto soccorso degli ospedali della Spezia, Sarzana e Lavagna, mentre altre dieci persone sono state assistite sul posto. Sul luogo dell' incidente, oltre ai vigili del fuoco di Brugnato e di Chiavari, anche la Polizia stradale della Spezia. Prima della riapertura del tratto si sono formate code di circa cinque chilometri.

13:29Tennis: Ift Dubai, Errani ai quarti

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Sara Errani si è qualificata per i quarti di finale del torneo Itf di Dubai (100 mila dollari di montepremi, cemento), negli Emirati Arabi Uniti: al secondo turno la romagnola, numero 143 del ranking mondiale, ha sconfitto per 6-4 7-6 (7-4) la bielorussa Vera Lapko, numero 134 Wta e ottava testa di serie del torneo.

13:22Carceri: detenuto di 20 anni suicida a San Vittore

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Un detenuto marocchino di 20 anni, condannato per rapina e con fine pena 2020, si è impiccato nel bagno della sua cella nel carcere San Vittore di Milano. Ne dà notizia il segretario regionale lombardo del Sindacato autonomo polizia penitenziaria (Sappe), Alfonso Greco: "L'uomo era detenuto nel V Reparto detentivo del carcere di San Vittore e si è impiccato nel bagno della cella - spiega Greco -. Nonostante il tempestivo intervento dell'Agente di Polizia Penitenziaria, non è stato purtroppo possibile salvargli la vita. Un gesto grave, che lascia in noi amarezza e sgomento". Donato Capece, segretario generale Sappe, denuncia: "Tre detenuti che si tolgono la vita in carcere in meno di una settimana sono un fallimento per lo Stato. Vittime innocenti di un disagio individuale a cui non si riesce a fare fronte nonostante gli sforzi e l'impegno degli operatori". Capece ricorda che "sabato si era tolto la vita un detenuto a Regina Coeli a Roma, domenica un altro di Terni".

13:18Basket: Nba, ko a Cleveland Atlanta perde ancora

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Niente da fare per Marco Belinelli e gli Atlanta Hawks, sconfitti a Cleveland dai Cavaliers: 123-114 il punteggio a favore di LeBron James (autore di 25 punti) e compagni. Per il giocatore azzurro 8 punti in poco più di 20 minuti di gioco. Per gli Hawks, ultimi nella Eastern Conference, si tratta della 21/a sconfitta su 27 partite disputate mentre i Cavs hanno totalizzato il loro 20/o successo mantenendo il secondo posto alle spalle dei Boston Celtics. Nelle altre partite del campionato Nba disputate la scorsa notte vittorie dopo un tempo supplementare dei New York Knicks sui Los Angeles Lakers (113-109) e dei Philadelphia 76ers in casa dei Minnesota Timberwolves (118-112). I Brooklyn Nets hanno superato 103-98 i Washington Wizards, i Dallas Mavericks si sono aggiudicati per 95-89 il derby texano sui San Antonio Spurs e i Sacramento Kings hanno piegato 99-92 i Phoenix Suns. Infine successo esterno per 103-84 dei Denver Nuggets sui Detroit Pistons.

13:16Uomo muore dopo allenamento in palestra nel Foggiano

(ANSA) - MONTE SANT'ANGELO (FOGGIA), 13 DIC - Un 34enne è morto dopo aver sostenuto un allenamento, ieri sera, all'interno di una palestra in via Manfredonia, a Monte Sant'Angelo (Foggia). L'uomo, secondo quanto accertato dai carabinieri del Comando provinciale di Foggia che indagano sull'episodio, aveva appena terminato l'allenamento e si era recato negli spogliatoi per cambiarsi e tornare a casa. All'improvviso si è sentito male e si è accasciato a terra. Malgrado l'immediato intervento dei sanitari del 118, per il 34enne non c'è stato niente da fare.

Archivio Ultima ora