La Fiorentina spaventa la Juve

Pubblicato il 25 settembre 2012 da redazione

FIRENZE – La Fiorentina non riesce a realizzare il sogno di un’intera città che aspetta da 14 anni di vedere la Juventus sconfitta al Franchi. Ma ha saputo comunque fermare quella che appariva già un’inarrestabile corsa costringendo gli avversari ad accontentarsi di un pareggio per 0-0, il primo di questo campionato per i bianconeri. Ma non solo: alla squadra di Conte-Carrera, alla fine, è andata bene. Perché per gran parte del match è stata la Fiorentina a fare gioco, ad avere il pallone tra i piedi e a creare più occasioni gol colpendo anche una traversa nel finale del primo tempo con Jovetic, l’osservato speciale. Basti pensare che Viviano non ha fatto una parata in tutti i 90’.
Insomma, se i viola hanno superato l’esame riscattando in pieno il ko umiliante dello scorso campionato per 5-0.
E alla fine sono stato applausi scroscianti. Mentre Agnelli ha lasciato la tribuna a gara neppura conclusa, come se si fosse accontenato del punto, come se avesse sventato il pericolo.
Montella rilancia Pasqual e Ljajic schierato accanto a Jovetic e opta inizialmente per Romulo preferito a Migliaccio. Anche Carrera torna ad affidarsi ai titolari Pirlo e Barzagli che hanno rifiatato contro il Chievo ma nella Juve ci sono due sorprese: Giaccherini per Marchisio e Giovinco per Vucinic che affianca il confermatissimo Quagliarella.
Il Franchi è una bolgia, Antonio Conte da oltre un’ora assiste alla gara dalla postazione di Juve Channel insieme a Paratici, proprio sopra la tribuna autorità dove la società viola gli aveva riservato un posto. Qui poco prima del match si presentano sotto una pioggia di fischi Andrea Agnelli, dopo il giro di campo per seguire il riscaldamento della sua squadra, cosa inconsueta per un presidente di calcio, e il dg Marotta. Poco dopo ecco Andrea Della Valle seduto accanto al sindaco Matteo Renzi, i due applaudono la spettacolare coreografia in curva Fiesole con 12.000 bandierine per lo più viola. E’ l’antipasto di una sfida che da sempre ha regalato emozioni. Ed è così anche stavolta, dopo un primo tempo che vede una Fiorentina senza timori riverenziali, abile nel possesso e nella circolazione di palla, nei suoi ‘tagli’, nel suo gioco lucido e solido.
La Juve non sembra la stessa a parte qualche fiammata, appare quasi intimorita, fatica a organizzarsi e non è un caso che dopo un tiro di Giovinco al 9’ e le proteste dei viola per un intervendo ruvido ma puntuale di Vidal su Pasqual in area, sia la squadra di Montella ad andare più vicina al gol specie nel finale di tempo: al 41’ Jovetic, il giocatore che la Juve ha fatto di tutto per strappare a Firenze, colpisce di testa la traversa su punizione di Ljajic, un minuto dopo è proprio il serbo lanciato da Cuadrado che dopo aver superato Bonucci spara a lato fallendo una nitida occasione. La Juve non ha mai impagnato Viviano rendendosi pericolosa solo con Pirlo al 39’ su punizione fuori di poco.
Anche nella ripresa è la Fiorentina a sfiorare il vantaggio prima con Roncaglia poi con Jovetic, a quel punto Carrera-Conte decidono di togliere Quagliarella, Pirlo e Giaccherini, poco concreti, per Vucinic, Pogba e Marchisio, insomma dentro la carrozzeria d’autore ma nulla cambia. Anzi sono sempre i viola a fare la partita anche se appaiono un po’ stanchi, così Montella lancia Mati Fernandez e nel finale Toni e al 36’ Pasqual sfiora il gol. Chiude così la Fiorentina, in avanti, con un pizzico di rimpianto mentre la Juve per una volta si accontenta.

Ultima ora

07:57Terremoti, sequenza sismica nel Canale di Sicilia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Sequenza sismica nel Canale di Sicilia: nella notte si sono registrate almeno 5 scosse di terremoto di magnitudo superiore a 2, le più forti di 3.9 e 3.7 alle 2:13 e alle 2:59. Epicentri circa 60 km a sud della ragusana Modica. Già ieri altre due scosse di magnitudo 3.5 e 3.6 erano state registrate nella zona tra le 12 e le 13. Non si segnalano danni a persone o cose.

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

Archivio Ultima ora