Champions, Chiellini: “La miglior Juve per battere lo Shakhtar”

VINOVO – ”Lo Shakhtar e’ un avversario molto forte e anche sottovalutato: per me e’ stata la migliore delle seconde nel sorteggio e noi non siamo certo stati fortunati”. E’ il giudizio di Giorgio Chiellini sull’avversaria di oggi in Champions League. ”Noi vogliamo batterlo ma lo rispettiamo perche’ molti suoi giocatori brasiliani potrebbero giocare titolari nei club europei. La nostra arma e’ l’aggressivita’ e cercheremo di fare la partita. Ci vorra’ comunque la migliore Juve”.
“È un test importante – continua Chiellini -, abbiamo voglia di confrontarci. Sono straconvinto che non sbaglieremo l’approccio alla gara. Se possiamo arrivare in fondo? È giusto e bello che i tifosi sognino, il tempo dirà dove possiamo arrivare. È bello sognare traguardi importanti, negli anni scorsi non si poteva fare nemmeno quello. Noi però dobbiamo pensare al campo. Abbiamo le nostre certezze e vogliamo dimostrare la nostra forza anche in Europa. Non abbiamo intenzione di fare le comparse, di uscire al primo turno e non andare nemmeno in Europa League. Il nostro obiettivo è il massimo, ma dobbiamo pensare solo alla prossima partita”.
La pensa cosi’ anche Massimo Carrera, che definisce la squadra ucraina ”molto tecnica e allenata da uno che conosce bene il calcio. Ci sono tanti brasiliani che giocano bene la palla, dunque bisognera’ stare molto attenti”. L’unico dubbio della vigilia e’ il solito, in casa bianconera: quale sara’ l’attaccante che fara’ coppia con Vucinic.
“La Juve – prosegue – deve fare una gara da Juve, aggredire senza far respirare, ma di fronte avremo una squadra che non perde da 25 partite. Conte non è in panchina ma è sempre presente, l’ho visto fiducioso per il Tnas, ma ora pensa solo alla sfida di Champions e null’altro. Scelte in attacco? Solo dopo la rifinitura. Contro la Roma ho scelto Matri e Vucinic perché mi davano più garanzie. Pepe rientra in gruppo dopo la sosta”.
Vucinic, Giovinco, Quagliarella, Matri: le quattro carte d’attacco di Conte trovano comunque chiunque la via del gol e oggi la Juve puo’ issarsi in testa alla graduatoria del gruppo E scalzando gli ucraini che hanno ottenuto l’unica vittoria del girone con doppietta dell’armeno Mkhitaryan, ma forse l’incognita maggiore e’ rappresentata dal brasiliano Luis Adriano. E proprio a Matri potrebbe toccare l’onere di guidare l’attacco bianconero con un occhio all’impegno dei blues che se la vedranno con i neofiti danesi del Nordsjaelland, che hanno in organico Andreas Laudrup, figlio dell’ex juventino Michael. Ma per il Chelsea l’impegno in trasferta sembra una formalita’, specie dopo il 2-1 in casa dell’Arsenal che lo conferma in testa alla Premier.