‘Ndrangheta, arrestato assessore accusato di voto di scambio

Pubblicato il 10 ottobre 2012 da redazione

MILANO – ‘’Sti politici e ‘merda, piccoli e grandi, sono uno peggio dell’altro’’. A esprimere il giudizio sono due presunti affiliati alla ‘ndrangheta e l’intercettazione può diventare lo ‘specchio’ di un’inchiesta esplosa ieri e che ha dimostrato, secondo l’accusa, che quella mafia calabrese, non solo parla così al telefono della classe politica, ma si è comprata un assessore della Regione Lombardia.
Domenico Zambetti del Pdl, all’assessorato alla Casa dal 2010, è finito in carcere assieme ad altre 19 persone, tra cui presunti boss e affiliati alla cosca Mancuso-Di Grilli, un medico e Ambrogio Crespi, fratello del noto sondaggista. Mentre il sindaco di Sedriano, hinterland milanese, è agli arresti domiciliari.
Per la prima volta è stato accertato, con conseguente arresto, il voto di scambio in Lombardia, dopo che diversi blitz nella regione, compresa la maxi-operazione ‘Infinito’, nei mesi scorsi avevano sollevato un velo sulla cosiddetta ‘zona grigia’ della ‘Ndrangheta, ‘sfiorando’ anche alcuni politici. In poche parole, infatti, Zambetti, che è accusato di concorso esterno in associazione mafiosa, scambio elettorale politico-mafioso e corruzione, avrebbe pagato 200 mila euro agli uomini del clan per ottenere da loro un ‘pacchetto’ di 4 mila voti, al prezzo di 50 euro a voto, per essere rieletto alle Regionali del 2010 (prese circa 11 mila preferenze).
– La democrazia e la libertà di voto sono state violate – ha sintetizzato il ‘capo’ della Dda milanese, Ilda Boccassini, che ha coordinato le indagini con il pm Giuseppe D’Amico. E’ saltato fuori poi che il clan avrebbe inquinato anche le elezioni comunali di Milano del 2011, raccogliendo voti per Sara Giudice, la cosiddetta ‘anti-Minetti’ (non venne eletta), dopo un presunto accordo tra il padre di lei, Vincenzo (indagato), e uno degli arrestati.
L’inchiesta, condotta dai carabinieri del Comando Provinciale, è anche l’ennesima che rischia di travolgere il Pirellone. In questo caso, però, ed è lo stesso gip Alessandro Santangelo a spiegarlo nella sua ordinanza, si parla di ‘Ndrangheta che è riuscita a ‘’infiltrarsi in uno dei gangli decisivi dell’istituzione regionale’’. Dalle carte dell’inchiesta, infatti, emerge che il presunto boss della ‘ndrangheta, Giuseppe D’Agostino, in un incontro con l’assessore avrebbe esibito ‘’all’esponente politico una ‘lettera-pizzino’ predisposta dalle famiglie mafiose’’, nella quale veniva descritta la ‘’genesi’’ dei rapporti tra le cosche e l’assessore (da tre anni almeno, secondo l’accusa) e gli accordi ‘’del patto di scambio stretto in vista delle elezioni regionali’’.
Voti in cambio di soldi e soprattutto favori continui. Un patto mafia-politica che prevedeva anche ‘’sanzioni e ritorsioni’’. In una telefonata intercettata si sente Eugenio Costantino, l’altro boss che avrebbe avuto in mano il politico, dire:
– Hai visto quel ‘pisciaturu’ (uomo di poco conto, ndr) di Zambetti ha pagato… eh … lo facevamo saltare in aria.
In cambio a quelli che gli si erano presentati addirittura come ‘’portavoci’’ della ‘ndrangheta, Zambetti avrebbe concesso o promesso ‘’l’assegnazione preferenziale di appalti pubblici gestiti dalla Regione’’, l’assunzione della figlia di un affiliato all’Aler (azienda regionale di edilizia residenziale), persino il ‘’rinnovo del contratto di parrucchiera per la sorella’’ di Costantino e ‘’l’assegnazione di una casa Aler in favore della sua amante’’.
L’ultima mazzetta, una tranche di 30 mila euro, Zambetti ‘’alias Mimmo (si legge nell’ordinanza)’’, l’avrebbe consegnata il 15 marzo 2011 nell’ufficio della sua associazione ‘Centro e Liberta’’.
– Bisogna fare attenzione… con il mangiare – diceva D’Agostino al telefono all’assessore, ‘’spaventato’’ fino alle lacrime, perchè non avrebbe più voluto pagare ma ormai non poteva più uscirne. La mafia calabrese, infatti, per portargli 4 mila voti, stando all’ordinanza, si era impegnata costruendo una ‘rete’ di affiliati e anche ‘vecchi’ boss che dovevano procacciarli. Tra l’altro, ‘’2.500 voti di preferenza’’ li avrebbe portati Ambrogio Crespi.

Ultima ora

21:15‘Boicotta Espresso’, ma blitz Forza Nuova fallisce a Torino

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - Avevano in programma un'azione dimostrativa sotto la redazione torinese del quotidiano La Repubblica, simile a quella effettuata a Roma lo scorso 6 dicembre, i militanti di Forza Nuova che ieri sono stati fermati dalla polizia a Torino. Gli investigatori della Digos hanno intercettato il corteo, non autorizzato, prima che arrivasse in via Lugaro, sede del giornale, e i manifestanti si sono allontanati. Secondo quanto appreso, l'intenzione di Forza Nuova era quella di appendere uno striscione con la scritta 'Boicotta il Gruppo Espresso'. (ANSA).

21:12Calcio: 3-2 alla Sampdoria, Fiorentina ai quarti

(ANSA) - FIRENZE, 13 DIC - La Fiorentina ha battuto 3-2 la Sampdoria negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti affronterà la vincitrice di Lazio-Cittadella, in programma domani sera allo stadio Olimpico di Roma. Viola in vantaggio già al 2' grazie a Babacar. Il pareggio ligure lo firma Barreto a cinque minuti dall'intervallo. Nella ripresa l'arbitro Rosario Abisso, di Palermo, diventa protagonista fischiando tre rigori, due con l'ausilio della Var. Il primo lo trasforma Veretout, il secondo - quello del 2-2 - è opera di Ramirez al 32'. Al 90' ancora Veretout sul dischetto. Il francese non sbaglia battendo Puggioni con grande freddezza. Per la Samp anche un clamoroso palo colpito da Caprari su punizione.

21:10Calcio: Baldissoni “Roma patrimonio collettività,è una fede”

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "La storia della Roma ha un inizio, ma è senza fine. Questa squadra è patrimonio di una collettività e racchiude il capitale emotivo di una comunità. Parliamo di una storia che si aggiorna quotidianamente, perché le emozioni non muoiono mai. La Roma è una fede, una famiglia, è parte di tutti noi e lo sarà per sempre". Così il dg della Roma, Mauro Baldissoni, nel corso della presentazione del libro 'Dimmi cos'è', pubblicato per celebrare i 90 anni del club giallorosso. Il volume, a cura di Tonino Cagnucci e Luca Pelosi (casa editrice Skira), ripercorre la storia della Roma con illustrazioni, disegni d'autore, fotografie inedite. "Da quando è arrivata la nuova proprietà è stato creato un dipartimento dedicato all'archivio storico. Abbiamo fatto un lavoro incessante negli anni, recuperato e organizzato centinaia di migliaia di documenti, foto e oggetti - sottolinea Baldissoni -. Questo grande sforzo di raccolta è stato ora messo su carta, è fruibile da tutti e ne siamo estremamente orgogliosi".

21:09Uccise ladro: condannato a nove anni e quattro mesi

(ANSA) - BRESCIA, 13 DIC - La Corte d'Assise di Brescia ha condannato a 9 anni e 4 mesi per omicidio volontario Mirco Franzoni, il 33enne che la sera del 14 dicembre 2013 a Serle, nel Bresciano, uccise in strada con un colpo di fucile ravvicinato il ladro di origine albanese Eduard Ndoj, che era entrato nell'abitazione del fratello. Il pm aveva chiesto 16 anni, sempre per omicidio volontario.

20:59Nuoto: Europei 25 metri, Scozzoli vince l’oro nei 50 rana

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Due medaglie per l'Italia nella prima giornata di gare dei campionati europei di nuoto in vasca da 25 metri, in corso a Copenaghen. L'azzurro Fabio Scozzoli ha chiuso al primo posto la gara dei 50 rana con il tempo di 25"62, nuovo record europeo, che sottrae dieci centesimi al limite che lui stesso aveva stabilito nel 2013 in coppa del mondo a Berlino. Ha preceduto il russo Kirili Progoda, medaglia d'argento, e il britannico Adam Peaty, bronzo. La seconda medaglia è d'argento, conquistata dagli staffettisti della 4x50 stile libero. Luca Dotto, Lorenzo Zazzeri, Alessandro Miressi e Marco Orsi hanno chiuso in 1'23''67, dietro ai russi che si impongono in 1'23''23.

20:48Brasile: stampa, Temer in ospedale per serie esami urologici

(ANSA) - SAN PAOLO, 13 DIC - Il presidente del Brasile, Michel Temer, si sottoporrà oggi a una serie di esami urologici presso l'ospedale Sirio-libanese di San Paolo: lo rende noto la stampa locale. Il ricovero - precisano i media - era previsto per venerdì, ma sarebbe stato anticipato ad oggi su consiglio del medico curante del capo di Stato, il cardiologo Roberto Kalil Filho. Temer, che ha 77 anni, a fine ottobre aveva già subito un intervento chirurgico alla prostata.

20:42Biotestamento: ok art.3 sulle Dat con 158 sì, 62 no

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Passa nell'Aula del Senato l'articolo 3 del disegno di legge sul biotestamento. Un altro punto nodale del testo che riguarda le Dat, cioè le "disposizioni anticipate di trattamento". La norma passa con 158 sì, 62 no e 10 astenuti.

Archivio Ultima ora