Niente svolta e tanta fatica. Battuta l’Armenia ma…

Pubblicato il 12 ottobre 2012 da redazione

Niente svolta e tanta fatica. Battuta l’Armenia ma…

 

YEREVAN  – La svolta netta auspicata da Prandelli non s’é vista, ma almeno gli azzurri non sono finiti dritti contro il muro armeno che a un certo punto sembrava essersi materializzato sulla strada per il mondiale del 2014. Dopo avere rischiato la figuraccia, oltre che la sconfitta, l’Italia vice campione d’Europa ha infatti colto nella notte di Yerevan il risultato che la conferma al vertice della classifica del girone eliminatorio: un 3-1 raggiunto grazie a un rigore di Pirlo e a due colpi di testa di De Rossi e Osvaldo. Un successo meritato, certo, ma sofferto oltre ogni ragionevole previsione contro una squadra paesana nell’impostazione e impreziosita solo dal gioiellino Mkhitaryan.

Nel bicchiere mezzo pieno oltre alla vittoria, venata di qualche rimpianto per un paio di rigori negati dall’arbitro croato Strahonja, ci sono le prestazioni dei veterani De Rossi, reduce da una settimana difficile e determinante al di lá del gol, Pirlo e Buffon. In quello mezzo vuoto il mancato cambio di passo e le defaillance di azzurri che stasera si giocavano tanto anche sul piano personale: Giovinco e Criscito in particolare. E dunque la serata va considerata interlocutoria in quel percorso di crescita che Prandelli cerca per ritrovare una squadra credibile ad alto livello dopo l’inizio poco brillante di stagione. Il commissario tecnico peró stavolta dovrá aspettare poco per vedere se qualche miglioramento si puó registrare: giá martedí al Meazza é di scena la Danimarca.

Come da copione l’intero repertorio dei canti patriottici armeni aveva preceduto l’avvio, anche se i prezzi fuori la portata degli abitanti medi di Yerevan riservavano un colpo d’occhio deludente sulle tribune: stadio per metá vuoto. Se ne giovava in qualche modo l’Italia, alle prese con un clima un po’ meno ‘caldo’ del previsto. Schierata da Prandelli nel 4-4-2 annunciato, con Giovinco al posto dell’influenzato Balotelli, la squadra azzurra partiva infatti forte approfittando forse anche dell’emozione dei padroni di casa. Che subivano tanto e rischiavano nei primi dieci minuti il tracollo: ne venivano fuori un tiro di Osvaldo parato a terra al 3′, una grande punizione di Pirlo deviata in angolo al 6′ e poi, dopo che Montolivo aveva sprecato un’opportunitá clamorosa all’8′, il gol del vantaggio. Discesa e cross di Criscito dalla sinistra, colpo di tacco di Montolivo ribattuto dal portiere, il centrocampista del Milan da terra rimetteva al centro ma la palla incocciava sul braccio di Mkopyan: rigore, che Pirlo trasformava con un tiro rasoterra alla destra del portiere.

Sembrava tutto facile per gli azzurri ed invece paradossalmente la gara si complicava: gli armeni si bloccavano e la mettevano un po’ sulla sfida da calcio antico, fatto di grandi rincorse e palloni lunghi. Il centrocampo italiano andava in difficoltá (anche perché le punte Osvaldo e Giovinco erano inesistenti e non facevano argine), cosií i padroni di casa avanzavano il baricentro: al 15′ con una punizione a giro di Uzbiliz impegnavano Buffon e rischiavano di subire il raddoppio azzurro al 26′ quando su un cross di Montolivo Bonucci finiva a terra reclamando il rigore senza che Osvaldo da pochi passi riuscisse a realizzare. Ma, scampato il pericolo, passavano gli armeni in un tripudio nazionalistico che accendeva persino i fuochi artificiali nel cielo sovrastante lo stadio: era il 27′ quando Maggio finiva a terra in uno scontro di gioco con un avversario, Mkhitharyan ne approfittava per involarsi sulla sinistra invano contrastato da De Rossi e infilava Buffon con un rasoterra di sinistro.  Gli azzurri accusavano il colpo e ora sí che lo stadio di Yerevan diventava una bolgia: era dunque giá molto se l’Italia chiudeva il primo tempo senza altri disastri.

Nella ripresa partiva ancora forte l’Armenia, ma la prima vera occasione capitava a Giovinco al 6′: lo juventino peró dopo avere azzeccato il dribbling in area calciava incredibilmente alto. Ancora proteste azzurre per un fallo di mano in area su punizione di Pirlo al 10′,quindi al 12′ su splendida azione di contropiede di Mkhitharyan, Manoyan andava al tiro al volo costringendo alla gran parata Buffon. Finalmente Prandelli sostituiva l’inconsistente Giovinco con El Sharawy e Criscito sfiorava subito il gol con una percussione seguita da bel sinistro. E al 19′ su azione repentina conclusa con un cross dalla destra di Pirlo, De Rossi metteva in rete di testa con gesto atletico prepotente la rete del 2-1. Due minuti dopo l’Italia sfiorava il colpo del ko con un contropiede concluso da un tiro di El Sharawy deviato in angolo, e allora al 29′ Prandelli tirava i remi in barca inserendo Giaccherini in copertura al posto di Pirlo. Ancora un brivido per Buffon alla mezz’ora, quando Bonucci perdeva un pallone in area senza che gli armeni riuscissero ad approfittarne. E allora In due occasioni era El Sharawy ad andare al tiro quasi a botta sicura, ma finiva incredibilmente rimpallato. Toccava cosi’ a Osvaldo, al 37′, realizzare di testa il gol della sicurezza su punizione dalla sinistra di De Rossi. Arrotondando cosí in un colpo il suo voto personale in pagella, e quello generale per l’Italia di Yerevan.

Ultima ora

20:19Calcio: Kakà, la mia carriera di giocatore finisce oggi

(ANSA) - SAN PAOLO, 17 DIC - "Questo è il punto finale: la mia carriera di giocatore finisce qui". L'annuncio è di un Kakà emozionato, e arriva dai microfoni di Rete Globo. L'ex milanista era tentato da un'offerta del San Paolo, che avrebbe voluto fargli chiudere la carriera nel club dove l'aveva cominciata, "ma la mia ultima maglia - ha detto Kakà - è stata quella dell'Orlando City". "Avevo bisogno di un po' di tempo per prendere una decisione in tranquillità - ha aggiunto -, poi ho chiesto ai miei genitori, mio fratello, la mia ragazza e mia cognata, un periodo di preghiera. Sono andato in Europa per sentire l'emozione delle partite lì dove il calcio ha raggiunto il pieno potenziale. E in maniera consapevole sono giunto alla conclusione che è arrivata l'ora di ritirarmi. Cosa farò? Mi preparerò per continuare nel calcio con un altro ruolo, ma non è detto che chi è stato un grande calciatore sia bravo anche da dirigente. Mi piacerebbe lavorare per uno dei club in cui ho giocato. Il Milan mi ha fatto una proposta, vedremo...".

20:11Nuoto: Europei 25 m, Orsi oro nei 100 misti

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Dopo Luca Dotto, oro nei 100 sl, tocca a Marco Orsi rimpinguare il medagliere dell'Italia agli Europei in vasca corta in corso a Copenhagen. L'azzurro delle Fiamme Oro Roma lo fa nel modo migliore, vincendo, in 51"76, nei 100 misti. Batte in rimonta, nella frazione a libero, il russo Fesikov che cede allo sprint con 51"94. Con quest'oro, mai vinto dall'Italia, sale a ben 19 medaglie (8 individuali) il bottino azzurro agli Europei.

20:09Calcio: Allegri, scudetto ci crediamo ma attenti alla Roma

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Se spero più nel settimo scudetto o nella Champions? Credo che la Juve possa andare in fondo agli obiettivi. In Italia il campionato è più equilibrato rispetto agli anni scorsi, e cercheremo di arrivare in fondo e di dare la zampata vincente". Al termine di Bologna-Juventus, Massimiliano Allegri sottolinea che la sua squadra punta, come sempre, a vincere tutto. La Juve sembra essersi ritrovata: per Allegri "i ragazzi stanno facendo delle buone prestazioni, stiamo crescendo fisicamente e come compattezza. Abbiamo creato molto e concesso niente". "Finora i numeri del campionato sono importanti - dice ancora -, poi Napoli e Inter stanno facendo numeri altrettanto importanti e per stare in alto non potevamo fare meno di loro". Ma di chi è il merito della compattezza ritrovata? "Di chi gioca e di chi sta in panchina - risponde Allegri -. C'è grande disponibilità e i meriti sono dei ragazzi. Chi temo di più per lo scudetto? Della Roma si parla poco, ma è migliorata: ha giocatori di spessore e subisce pochissimo".

20:03Calcio: Pioli “Fiorentina meritava vittoria ai punti”

(ANSA) - FIRENZE, 17 DIC - Contro il Genoa, grazie anche alle sconfitte di Milan, Sampdoria e Torino, la Fiorentina aveva la possibilità di far un balzo in classifica e invece è arrivato un pareggio a reti bianche: "Sicuramente dispiace non essere riusciti a vincere - dice il tecnico Stefano Pioli -. Non siamo riusciti ad essere continui nella manovra nel primo tempo, nella ripresa un po' meglio, abbiamo concluso 20 volte contro un avversario chiuso. È stata una prova di maturità dei miei, siamo stati attenti, concentrati e non abbiamo rischiato, ci voleva un pizzico di fortuna anche su qualche occasione, magari sulle palle inattive. Per mole di gioco avremmo meritato la vittoria". Poi, ancora sulla gara e i risultati delle altre squadre: "Ci è mancato qualcosa dentro l'area, ci vuole anche più precisione perché su oltre 20 tiri fatti solo 4-5 sono finiti in porta. Gli avversari hanno concesso pochi spazi, dovevamo sicuramente fare qualcosa in più. Abbiamo avuto 7-8 occasioni in area, purtroppo non siamo riusciti a concretizzare".

19:54Bbc, diplomatica Gb trovata assassinata in Libano

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Una diplomatica britannica, Rebecca Dykes, che lavorava all'ambasciata del Regno Unito a Beirut, è stata trovata assassinata. Lo riferisce la polizia, citata dalla Bbc online. Rebecca Dykes, è stata "violentata e strangolata". Il suo corpo è stato trovato ieri sul ciglio di un'autostrada.

19:38Chiesa: comunità Assisi “si ferma” e prega per la pace

(ANSA) - ASSISI (PERUGIA), 17 DIC - In una domenica di shopping pre-natalizio la comunità religiosa di Assisi si è fermata per pregare per la pace in Terra Santa, portando fiammelle di pace fino alla Tomba di San Francesco. In tanti infatti si sono ritrovati al Santuario della Spogliazione per lanciare un messaggio di speranza "per Gerusalemme e per tutti i Paesi colpiti dalle avversità e dalla guerra". È stata una preghiera "intensa, ardente e fiduciosa" come l'ha definita il vescovo monsignor Domenico Sorrentino. "Una preghiera speciale - ha aggiunto - in un periodo in cui sentiamo solo espressioni di guerra, odio e violenza. Abbiamo ascoltato eventi che ci preoccupano molto; ad essi dobbiamo dare risposte che hanno il carattere della saggezza. Abbiamo un anno speciale che riteniamo particolarmente importante, l'anno della preghiera". Di fronte alla Tomba del Poverello il vescovo ha quindi letto una preghiera da lui scritta in cui si invoca la pace. Ha poi ricordato il Papa nel giorno del suo compleanno. (ANSA).

19:28Nuoto: oro Dotto a Europei 25 m, è campione dei 100 sl

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Luca Dotto conquista la medaglia d'oro nei 100 stile libero agli europei in vasca corta in corso a Copenaghen. Il velocista azzurro, campione europeo in vasca lunga a Londra 2016, ha dominato la gara regina chiudendo in 46"11 davanti al belga Pieter Timmers secondo in 46"54 e all'inglese Duncan Svott terzo in 46"64.

Archivio Ultima ora