Damasco: sì alla tregua Onu pronta ad aiutare

Pubblicato il 25 ottobre 2012 da redazione

BEIRUT – L’esercito siriano ha annunciato che a partire da stamattina interrompe le operazioni militari nei tre giorni di festa del Sacrificio ma che si riserva il diritto di rispondere agli attacchi. Anche le principali piattaforme dei ribelli armati siriani anti-regime hanno detto di aderire alla tregua chiesta dall’Onu, affermando però di esser sicuri che il regime non la rispetterà. L’Esl chiede inoltre la liberazione di tutti i prigionieri politici. L’Esercito libero, prima piattaforma di disertori ribelli, ha detto di voler aderire alla tregua a condizione che il regime liberi tutti i detenuti politici, ormai contati a decine di migliaia in tutto il Paese. Dal canto suo l’Esercito nazionale siriano, altra sigla, costituitasi di recente da una costola dell’Esl, non ha posto condizioni ma ha espresso la convinzione che “il regime non rispetterà il cessate il fuoco”.
L’Alto Commissariato Onu per i rifugiati (Unhcr) e’ pronto a inviare aiuti a migliaia di famiglie siriane ‘’in diverse aree finora inaccessibili’’, se l’annunciata tregua verra’ rispettata. Lo comunica l’agenzia Onu. In tutto circa 550 tonnellate di forniture saranno distribuite a circa 13 mila famiglie (circa 65 mila persone), in zone vicino ad Aleppo, Idlib, al Raqqa e Homs, dove per diverso tempo non e’ stato possibile accedere. Cinquemila kit d’emergenza sono gia’ stati preparati ad Aleppo e altri stanno arrivando anche in altre localita’. .

Controesodo dal Libano
Migliaia di siriani fuggiti in Libano in cerca d’un riparo dalle violenze nel loro Paese sono tornati nelle ultime ore in Siria per il timore sempre più concreto che la tensione contagi il vicino Paese dei Cedri. E’ un segnale di improvvisa controtendenza rispetto all’esodo di decine di migliaia di profughi siriani giunti in Libano dal maggio 2011. Lo riferiscono i giornali diffusi a Beirut, mentre testimoni confermano di un notevole affollamento alla frontiera tra i due Paesi.
Il valico principale di confine, quello di Masnaa-Jdeide, è stato attraversato solo nelle primissime ore della giornata da almeno 3.000 siriani di ritorno dal Libano, hanno precisato i testimoni. Mercoledì, stando ai quotidiani, erano state circa 10.000 i profughi che avevano varcato il confine verso il territorio siriano. Secondo diversi osservatori, molti rientrano anche per la Festa islamica del sacrificio che comincia oggi (per una delle scuole sciite è cominciata ieri) e si conclude domenica. Eppure, a parte il perimetro cittadino di Damasco, le condizioni di sicurezza in Siria non vanno migliorando, ma peggiorano e si registrano continui scontri tra ribelli e governativi e incessanti bombardamenti aerei in numerose località del Paese. Nei giorni scorsi, l’Alto commissariato Onu per i rifugiati aveva affermato che i profughi siriani in Libano avevano superato quota 100.000. Molti di questi sembrano ora voler tuttavia lasciare il Libano per timore che gli episodici scontri armati dei giorni scorsi, seguiti all’assassinio venerdì scorso di un alto responsabile dell’intelligence libanese, possano ripetersi con maggiore violenza.

Ultima ora

19:03Calcio: Inghilterra, lascia ct nazionale femminile

(ANSA) - LONDRA, 20 SET - Accusato di discriminazione razziale da una sua ex giocatrice, il Ct della nazionale inglese donne di calcio, Mark Sampson, si è dimesso. La notizia è arrivata all'indomani della squillante vittoria dell'Inghilterra - 6-0 contro la Russia - nel girone di qualificazione per i mondiali. Alla guida della nazionale dal 2013, il 34enne allenatore era stato accusato dall'attaccante del Chelsea Eniola Aluko, di origini nigeriane, di bullismo e commenti razzisti. Nonostante due indagini interne lo avessero già scagionato, settimana scorsa la Federcalcio inglese aveva confermato che presto sarebbe stato avviato un terzo procedimento disciplinare, dopo che erano emerse nuove accuse ai danni del tecnico. Oggi è arrivata la decisione di Sampson, anche se non è confermato che le dimissioni siano correlate alle accuse che lo hanno investito.

18:51Stalking: aggredisce ex moglie davanti a figli minori, preso

(ANSA) - COSENZA, 20 SET - Agenti delle volanti della Questura di Cosenza hanno arrestato C.D., di 40 anni, per atti persecutori ai danni dell'ex coniuge. Nel corso della notte, è arrivata al 113 la chiamata di una donna che ha detto di avere subito un'aggressione da parte dell'ex marito. Giunti nello stabile, gli agenti hanno sentito una donna che intimava a qualcuno di andarsene. Entrati in casa hanno visto la donna che, in evidente stato di agitazione, ha raccontato di essere stata aggredita in presenza dei due figli minori dall'ex marito che, dopo aver forzato un infisso, si era introdotto in casa rifiutandosi poi di uscire. I poliziotti hanno individuato l'uomo in camera da letto, in palese stato di confusione mentale. Già in passato C.D. aveva tormentato l'ex moglie con continue richieste di riallacciare la relazione e in alcune occasioni l'aveva aggredita. L'ultimo episodio risale alla scorsa settimana. Nell'occasione l'uomo era stato denunciato con diffida di avvicinarsi all'abitazione della vittima. (ANSA).

18:38Basket: Payton, sono il miglior difensore di sempre

(ANSA) - MILANO, 20 SET - Gary Payton si autodefinisce il miglior difensore della storia della pallacanestro". Per lui, 'il guanto' come era soprannominato per la sua capacità di appiccicarsi all'avversario, parlano i numeri: 9 volte consecutive nel miglior quintetto difensivo della Nba (dal 1994 al 2002). "Era una lega diversa da quella di oggi - spiega come ospite d'onore alla mostra digitale 'Nba Overtime' che si tiene al Samsung District fino al 1/o ottobre - ma ugualmente competitiva.Nella mia carriera ho avuto l'onore di poter marcare gente come Michael Jordan, Kobe Bryant e Lebron James". Chi era il più difficile da contenere? "Per me nessuno di loro - risponde sorridendo - ma lo dico per una ragione. Sono giocatori che stavano in campo tanti minuti e prendevano quindi delle pause". Payton si dice un grande estimatore dei due italiani in Nba, Gallinari e Belinelli: "Peccato per il pugno di Gallinari che gli ha fatto perdere l'Europeo. Da agonista lo capisco ma ha sbagliato e ne paga ora le conseguenze".

18:36Mamma Noemi ai giovani, non odiate, porta solo violenza

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Non voglio odio, non odiate, perché l'odio porta solo violenza": questo l'appello che la mamma di Noemi Durini, Imma, ha rivolto ai giovani parlando dall'altare a conclusione della cerimonia funebre per la figlia uccisa dal suo fidanzato il 3 settembre. "Vi chiedo - ha aggiunto - se avete problemi, venite a casa di Noemi e parlate, la porta sarà sempre aperta per ascoltarvi". La bara bianca con la salma della sedicenne oggi è arrivata nella chiesa di Santa Maria Vergine, a Specchia (Lecce), per la cerimonia funebre. Due ali di folla l'hanno accolta al suo arrivo, rivolgendole un lungo applauso commosso. Intanto nella cittadina basso salentina è partita una raccolta fondi per creare un centro antiviolenza e di aiuto per le persone con disagi.

18:28Pugilato: morto Jack LaMotta, ‘Toro Scatenato’

(ANSA) - NEW YORK, 20 SET - E' morto Jack La Motta, ex campione del mondo dei pesi medi denominato 'Toro Scatenato' che ispirò il film interpretato da Robert de Niro. Lo riporta il sito di gossip di Hollywood Tmz, citando sua moglie La Motta aveva 96 anni e sarebbe morto per complicazioni legate a una polmonite.

18:21Iran: Rohani, ‘non tollereremo alcuna minaccia’

(ANSA) - NEW YORK, 20 SET - "Quella della moderazione e' la strada scelta e intrapresa dall'Iran. Noi non minacciamo nessuno, ma allo stesso tempo non tolleriamo e non tollereremo alcuna minaccia nei nostri confronti": lo ha detto il presidente iraniano Hassan Rohani parlando all'Assemblea generale dell'Onu. "L'Iran non sarà il primo a violare l'accordo sul nucleare, ma risponderemo in maniera decisa e risoluta a qualsiasi violazione", ha aggiunto sottolineando che se gli Usa dovessero uscire dall'intesa "distruggerebbero soltanto la loro credibilità".

18:21Moto: Costa ‘Rossi è un eroe, risorge e insegue i sogni’

(ANSA) - ROMA, 20 SET - Valentino Rossi proverà a partecipare al Gp di Aragon nonostante la frattura a tibia e perone di venti giorni fa. Una notizia che per molti ha dell'incredibile e la cui valenza è sottolineata dal dottor Claudio Costa, per una cinquantina d'anni il 'medico delle moto' con tanto di clinica mobile al seguito dei gran premi. Intervistato da Radio Sportiva, Costa spiega "d'aver una grande ammirazione per questo gesto. Valentino non smette mai di stupire e io che ho un'esperienza di mezzo secolo nella storia del Motomondiale, dico che questa è un'impresa favolosa, ancora più favolosa perché ha un duplice messaggio che riguarda tutti: il primo è che dalle ossa spezzate si può risorgere per tornare a inseguire un sogno, l'altro è che quando qualcuno viene inchiodato a una croce di sofferenza per questa frattura ha la possibilità di risorgere. Il dolore diventerà un amico che lo aiuterà a compiere questa impresa meravigliosa".

Archivio Ultima ora