Cne, la stazione d’informazione non si tocca

CARACAS – Di fronte all’insistenza  dei rappresenatanti dell’opposizione, schierati senza se e senza ma contro il sistema della stazione d’informazione, accusato di ritardare oltremisura il proceso elettorale, il Cne ha deciso di tirar dritto e di non modificare lo status quo.

La vicepresidente del Consiglio Nazionale Elettorale, Sandra Oblitas, ha reso noto che verranno prese in considerazione una serie di opzioni per ottimizzare il flusso all’interno della ‘Estación de Información al Elector’,  in vista delle elezioni regionali del 16 dicembre, scartando con decisione l’ipotesi dell’eliminazione della stazione.

La stessa, va ricordato, è utilizzata al fine di rendere più agile il sistema di voto, indicando ad elettori ed elettrici il banco in cui esprimere la preferenza e il numero corrispondente all’ubicazione sul registro elettorale su cui apporre la propria firma.

Condividi: