AD al dibattito sul potere popolare

CARACAS – Contrariamente ai suoi alleati d’opposizione, il partito Acción Democrática ha raccolto l’invito del presidente Chávez a sedersi al tavolo col governo per discutere il ‘plan 2013-2019’. Piano che, accusano gli oppositori, mira a far sparire i comuni ed implementare il comunismo.
“Acción Democrática s’inserirà, senza complessi, al dibattito sul Potere popolare – si legge in un comunicato – ratificando il suo impegno per la decentralizzazione, l’istituzionalità democratica, il voto universale, diretto e segreto in ogni istanza del Potere popolare, il pluralismo politico”.
Tra i partiti che non hanno risposto all’appello al dialogo ci sono Primero Justicia e Un Nuevo Tiempo, secondo cui l’obiettivo del dibattito è riformare la Costituzione e “togliere il potere al popolo per darlo al governo”, come ha dichiarato il coordinatore di PJ. Secondo un deputato di UNT la partecipazione del popolo con proposte che generino politiche pubbliche è un metodo “fallimentare”, mentre per Maria Machado (MUD) si vuole “coprire una struttura di dominazione.

Condividi: