Capolavoro di Sansone spegne i sogni neroazzurri

PARMA – L’Inter non coglie l’assist, splendido e facile, che il Milan le ha offerto su un piatto d’argento battendo la Juve e mettendola in condizione di essere avvicinata a solo un punto. Quel piatto è il Tardini. Ma il Parma lo rende indigesto, e a sua volta fa un favore alla capolista. Batte lo squadrone nerazzurro, lo lascia a 4 punti dalla vetta, dietro anche al Napoli. A decidere un gran gol di Sansone, una prova di forza degna del nome, un tiro che castiga Handanovic e la squadra ospite, incapace di giocare da primattrice.
L’Inter si è presentata al Tardini dopo aver fatto un solo punto nelle ultime due gare, dopo quella vittoria contro la stessa Juventus. Evidentemente non era in grado di poter sfruttare la trasferta per ridurre al minimo lo svantaggio e mettere il proprio fiato sul collo della rivale.
Si è presentata all’appuntamento senza Snejder, non convocato fino a quando non ci sarà un accordo sul rinnovo del contratto, gli squalificati Cassano e Gargano. Alla fine si è trovata nella necessità di mandare in campo due diciannovenni, per sperare di raddrizzare la baracca. Giovani gettati nella mischia, senza troppe speranze. Di fronte si è trovata una squadra che sapeva di avere tutto da guadagnarci, con il solo squalificato Parolo, forte di una classifica che dà serenità e consente di provare a sognare. Ha pensato a fare la propria gara, senza badare troppo a chi avesse di fronte. E ha vinto, con merito. Stramaccioni, che proprio a Parma esordì in nerazzurro, finendo battuto 3-1, e che ieri sera ha potuto schierarsi in panchina, nonostante l’espulsione col Cagliari, perché non c’é stata squalifica, ha ricavato una nuova delusione.
Il primo tempo è stato modesto, registrando una scarsa propensione offensiva di entrambe le formazioni. Al 4’ c’é stato un pericolo per l’Inter: triangolo tra Amauri e Marchionni che ha crossato basso, trovando pronto Handanovic a respingere con l’aiuto della difesa. Al 12’ Guarin ha sfiorato il palo su punizione. Al 20’ Paletta ha fermato Palacio in area. L’Inter ha chiesto un rigore che non c’era. Al 32’ Amauri servito da Biabiany ha deviato di testa, Handanovic ha respinto con la mano.
Al 35’ è stata l’Inter a creare un pericolo, con un colpo di testa di Palacio fermato sulla linea da Valdes. Al 43’ bel tiro di Biabiany, in angolo con lieve deviazione di un difensore.
Nella ripresa al 17’ Un gran tiro di Guarin da 20 metri ha costretto Mirante al più difficile intervento della serata, in angolo. Ma non era aria. E il Parma ha fatto propria la gara al 29’. Poderoso inserimento centrale di Sansone che è arrivato senza ostacoli al limite dell’area per scaricare un destro basso e imparabile per Handanovic sul primo palo. C’é stato anche un bel colpo di testa di Benalouane al 39’, deviato in angolo.
L’Inter invece non ha fatto nulla per poter dire di averci provato davvero ad insidiare la Juve. Che ringrazia. Non solo il Parma.

Condividi: