Primarie: boom di non militanti, iscritti del Pd in minoranza

Pubblicato il 27 novembre 2012 da redazione

ROMA – La vita pare essersi fermata agli anni 70. “La Villetta”, alla Garbatella, popolare quartiere a sud di Roma, é un circolo storico. Lí ci sono ancora le insegne marmoree del Pci. E la falce e il martello campeggiano all’ingresso dell’edificio. Accanto, il logo di Sinistra Ecologia Libertá, il partito di Nichi Vendola. Il governatore delle Puglie, in questo circolo, ha registrato un buon risultato nel primo turno delle primarie del centrosinistra ottenendo il 25% dei consensi. Ma meglio ancora, é il caso di dirlo, é andata al Tufello. Qui Vendola ha portato a casa un significativo 55,14%. . Cosí, dai feudi popolari della Capitale, si alza un’unica voce:
– Renzi non puó e non deve vincere. Domenica, al ballottaggio, andremo a votare per Bersani.
Nel giardino del circolo di via Passino, tra il palco e il chiosco bar, sventolano le bandiere della pace e ed ancora quelle per i referendum in difesa dell’acqua pubblica. Sul cancello d’ingresso non é stato ancora tolto il manifesto con le indicazioni delle sezioni per il voto. Sul muro di cinta decine di fogli spiegano dove e come votare Vendola.
– Ovviamente ci aspettavamo bei risultati ma non cosí consistenti come quelli di domenica – spiega il segretario della ‘’Villetta’’, Vezio Ferrucci -, é la prova che il lavoro sul territorio paga ancora. Durante la campagna elettorale ci siamo dati molto da fare, così come facciamo ogni giorno. Non solo con la politica vera e propria, ma anche con iniziative culturali sempre al centro del nostro circolo.
Domenica, però, c’è il ballottaggio e i voti di Vendola saranno decisivi per capire chi, tra Bersani e Renzi, rappresenterà il centrosinistra alle prossime elezioni politiche. A Roma più che mai dato che Vendola, con oltre il 26% dei voti, è a soli tre punti percentuali da Renzi. In volata, invece, il segretario del Pd che guida le preferenze con oltre il 47%.
– Ovviamente appoggiamo le parole del nostro leader – continua Ferrucci -. Io personalmente voterò Bersani. Anche gli altri iscritti sono sulla stessa lunghezza d’onda.
Nonostante la stragrande maggioranza di coloro che hanno votato Vendola già si manifestano a favore del segretario democratico, il sindaco di Firenze non demorde. E spera ‘’nel sorpassino dell’ultimo tuffo’’. E nega categorico, comunque, che, in caso di sconfitta, una scissione dal Pd. Così, avverte leader e elettori per il futuro:
– Un mio partito potrebbe arrivare al 25%.
Le proteste dei renziani non hanno convinto i garanti. Così, al ballottaggio voteranno gli stessi 3 milioni e 100 del primo turno e chi – c’è da aggiungere – convincera’ i coordinamenti provinciali della sua impossibilità a votare al primo turno.
La caccia, chiusa di fatto la platea, è agli elettori del primo turno e, soprattutto, ai supporter dei tre sfidanti esclusi. Bruno Tabacci ha già detto di avere ‘’affinità’’ con Bersani. Laura Puppato è più prudente e prende tempo. Forse deciderà oggi, ma sembra tentata da Renzi. Nichi Vendola, invece, di fatto ha già scelto. Non lo ha detto pubblicamente ma darà indicazioni precise affinchè si voti il leader Pd. ma aspetta a dirlo chiaramente.
– Oggi mi occupo di completare un concetto: faccio un endorsement a sfavore di Renzi – afferma il leader di Sel che forse scioglierà del tutto la riserva, quando sarà sullo stesso palco con Bersani a Napoli.
Il segretario Pd si copre a sinistra ma non trascura il resto della platea. Così manda segnali chiari anche agli alleati futuri, i moderati di Casini e di Italia Futura. Ma esclude – considerandolo come ‘’improbabile’’ – l’alleanza con Antonio Di Pietro. Renzi, invece, snobba ‘’gli apparati’’ e il risiko delle alleanze e, nonostante le scelte di Vendola, si dice convinto che le sue ‘’chance di vittoria derivano dal fatto che mi voterà chi ha scelto Vendola contro gli apparati’’.
Domenica il mondo della sinistra italiana tornerà a votare. E lo farà per i due candidati al rush conclusivo. Le primarie 2012 a livello nazionale hanno ‘mobilitato’ un terzo (per l’esattezza il 32,8%) degli elettori che avevano votato Pd e Sel nel 2009. Il dato emerge E’ quantod da un’analisi del voto di domenica fatta dall’Istituto Cattaneo di Bologna. La cifra, d’accordo all’Istituto, rappresenta una ‘’quota certamente importante’’.
Il confronto fra le regioni non riserva sorprese. Ai primi posti della graduatoria partecipativa troviamo le due tradizionali ‘regioni rosse’ della Toscana ed Emilia Romagna, a conferma della forza organizzativa e mobilitativa del pd. Seguite però da regioni del Sud (Basilicata, Molise, Abruzzo) un dato in controtendenza rispetto all’insediamento storico del Pd.
I gazebo di domenica hanno avuto un effetto moltiplicatore e di ampliamento dei confini rispetto all’area dei ‘militanti’: il numero dei cittadini che si è recato alle urne è stato di 3,6 volte superiore al numero degli iscritti al Pd (il raffronto è con il dato del tesseramento 2009).
L’istituto, poi, mette in evidenza un’altra realtà: la maggiore partecipazione al nord di cittadini ‘semplici’ rispetto ai militanti (in Lombardia i votanti sono stati 9 volte più numerosi degli iscritti del pd; in Trentino Alto Adige 8 volte, in Piemonte 7,9 volte in Veneto e Liguria 5,8 volte). Nettamente inferiore al valore medio nazionale, invece, è quello delle regioni meridionali, dove, comunque, la partecipazione è stata molto alta. Altro dato, interessante, che sottolinea l’istituto di ricerca, è quello che mette in relazione i voti delle primarie al potenziale di voti del centrosinistra del 2009.
Bersani – secondo quanto risulta dalla rilevazione dell’istituto Cattaneo – ha confermato la sua capacità di coinvolgimento degli elettori, in particolare nelle regioni meridionali (Basilicata, Calabria, Abruzzo, Molise), ma anche in Emilia-Romagna. Renzi, dal canto suo, ha saputo mobilitare a livello nazionale l’11,5% dello stesso elettorato, con un successo che, anche con questo indice, risulta maggiore della media nelle regioni rosse: Toscana, Emilia-Romagna, Marche più Abruzzo e Molise.
A.T.

Ultima ora

17:03Calcio: Gattuso e 118 anni Milan, auguro tranquillità a club

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 16 DIC - "Auguro al Milan di riuscire a lavorare con grandissima tranquillità, auguro che quando si parla del Milan non si parli dei problemi di Gigio Donnarumam e della Uefa ma di una squadra che lotta per qualcosa di importante". Questo il messaggio di Rino Gattuso in occasione del compleanno numero 118 del club in cui ha giocato e vinto per anni, e dove ora allena da poche settimane la prima squadra. "Vorrei fare gli auguri a questa gloriosa società - ha detto Gattuso iniziando la conferenza stampa alla vigilia della trasferta con il Verona - Sono orgoglioso di farne parte. Auguroni, 118 non sono pochi, ci metterei la firma a campare la metà...". E' anche il decennale del Mondiale per Club vinto nel 2007, con Gattuso in campo. "C'è grandissimo orgoglio, penso ai campioni che hanno vestito questa maglia e mi considero più che fortunato ad aver vinto tanto qua'' - ha notato l'allenatore - A Milanello ci vuole solo grande amore e professionalità".

16:57Calcio: Allegri, ‘Var utile, speriamo vanga usato meglio’

(ANSA) - TORINO, 16 DIC - "A inizio anno dissi che il Var aiuta, ma bisogna decidere dove la si usa. E' uno strumento in fase di sperimentazione, speriamo che a marzo, quando i punti saranno più pesanti, venga usato in modo migliore. Altrimenti anziché eliminare le critiche le aumenta". Il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, commenta così le polemiche sul Var sollevate dalle decisioni prese in Lazio-Torino. "Bisogna stare sereni e lasciare decidere gli arbitri, accettando le sue decisioni anche quanto guarda la televisione - aggiunge il tecnico bianconero - Abbiamo preso questa strada e dobbiamo cercare di migliorarla".

16:42Coniugi uccisi: effettuata autopsia,camera ardente a Viterbo

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - E' stata effettuata ieri sera l'autopsia sugli anziani coniugi trovati morti nella loro abitazione a Viterbo, avvolti in sacchi di cellophane. Il medico legale si è preso 60 giorni per i risultati. Intanto in queste ore verrà allestita la camera ardente al cimitero di Viterbo. Oggi è in programma l'interrogatorio nel carcere di Imperia di Ermanno Fieno, figlio della coppia fermato ieri alla stazione di Ventimiglia dopo due giorni di ricerche. Aveva un biglietto per Mentone. Il sospetto degli inquirenti è che la donna possa essere stata uccisa con un colpo contundente alla testa mentre l'uomo non presenta apparenti segni di violenza. Circostanza, quest'ultima, che potrebbe far pensare a una morte naturale anche se non si può escludere un decesso, ad esempio, per avvelenamento. Se confermato, a Fieno potrebbe essere contestato di aver ucciso la madre dopo il decesso del padre. Il movente del delitto potrebbe essere riconducibile alla pensione del padre di cui il figlio avrebbe voluto usufruire.

16:41‘Ndrangheta: cittadini in piazza, basta ‘vacche sacre’

(ANSA) - CITTANOVA (REGGIO CALABRIA), 16 DIC - Manifestazione stamani a Cittanova di un comitato civico che ha deciso di contrapporsi, anche sul piano civile, alle "vacche sacre", mandrie di bovini riconducibili alla 'ndrangheta che girano allo stato brado per le strade nel triangolo Cittanova, Molochio, Taurianova arrivando a "pascolare" per le vie cittadine. "Risolvete questo problema" hanno chiesto allo Stato cittadini, scuole, associazioni e sindaci. Gli incidenti si verificano giornalmente e solo per caso ancora non ci sono state vittime come invece accadde anni fa. Non c'è sera, soprattutto lungo la provinciale Cittanova-Taurianova, che un toro o una vacca non siano investiti da un'auto. I rischi sono enormi per i cittadini che continuano ad invocare una soluzione e un intervento dello Stato. Gli animali, liberi di pascolare dove vogliono, distruggono ciò che incontrano senza resistenza e si nutrono senza controlli sanitari, spesso in discariche abusive, venendo poi inseriti nel circuito della macelleria clandestina.

16:39Apre dopo 16anni pompa benzina imprenditore,accusò Cosentino

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Ci sono voluti 16 anni ma oggi si avvia finalmente a conclusione la vicenda dell'imprenditore Luigi Gallo, grande accusatore dell'ex sottosegretario Nicola Cosentino e di un sistema di potere in odore di camorra: con la sue denunce Gallo ha fatto arrestare, tre anni fa, 13 persone. Nelle prossime settimane Gallo riuscirà infatti ad inaugurare la sua pompa di benzina nel Comune casertano di Villa di Briano, apertura che, come è stato dimostrato, fu impedita per eliminare un pericoloso concorrente. Alla sbarra sono finiti anche funzionari pubblici e alti dirigenti di società petrolifere. Anche se le aule dei tribunali hanno dato ragione a Gallo, a causa di un contenzioso con l'Anas, l'imprenditore non ha mai potuto aprire il distributore, che attende il taglio del nastro dal 2002. Le cose sono cambiate con l'arrivo in Anas del presidente Gianni Vittorio Armani che dice "chi ha combattuto il crimine si merita che la burocrazia gli risolva i problemi e non si trasformi in un muro".

16:38Molotov commissariato: a lavoro pm antiterrorismo

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - La Procura di Roma indaga sull'episodio della bomba molotov lanciata ieri sera, intorno alle 21, all'esterno del commissariato Prati a Roma. Le indagini sono affidate al pool antiterrorismo coordinato dal procuratore aggiunto Francesco Caporale. A Piazzale Clodio si attende una prima informativa dalla Digos. Al momento gli inquirenti non escludono alcuna ipotesi compresa quella del gesto legato ad ambienti delle tifoserie calcistiche.

16:32Natale: contro ludopatia ecco albero ‘gratta e non vinci’

(ANSA) - PORTICI (NAPOLI), 16 DIC - Un albero di Natale privo di palline colorate ma addobbato con biglietti che recano la scritta 'Gratta e non vinci': è il messaggio che la Comunità parrocchiale del Sacro Cuore di Portici in collaborazione con il Centro di ascolto antiusura 'don Pino Puglisi' quest'anno lancia per sensibilizzare la comunità sul problema del gioco d'azzardo che spesso porta il giocatore alla dipendenza e a finire nelle mani di usurai per pagare i debiti. Sull'albero che sarà esposto nel giardino della chiesa in via Diaz spiccano biglietti con su scritto 'Gratta e non vinci - turnista per sempre', ideati dalla Compagnia Teatrale 'Itineraria', da anni impegnata a portare sulla scena temi di attualità sociale e civile con testi di denuncia. I componenti di Itineraria vogliono ''far capire che l'unica scelta vincente è quella di 'scommettere' su se stessi, sulle proprie capacità, sul proprio lavoro''. (ANSA).

Archivio Ultima ora