Cardenas Conti si fa spazio tra le grandi del tennis

Pubblicato il 06 dicembre 2012 da redazione

CARACAS – Il tennis è lo sport più individuale di tutti e chi vuole emergere deve diventare una macchina fredda, egoista, sola contro il resto del mondo. Bisogna avere costanza nell’allenarsi, sapere rinunciare alle tentazioni, girare il mondo su e giù. È una vita di cui si vedono solo le luci, ma che invece ha moltissime ombre. E la tennista italo-venezuelana Maria Andrea Cardenas Conti sembra averlo capito molto bene ed è per questo che, per diventare una top player nel mondo della WTA, si sacrifica giorno dopo giorno durante tutto l’anno.
Questa simpatica ragazza, alla tenera età di 7 anni (attualmente ne ha 17) si è trasferita in Francia, dove risiede tuttora. È una campionessa che combatte su ogni palla e raggiunge i suoi obiettivi, e una ragazza che vuole vincere tutto, primo fra tutti il Roland Garros, uno dei suoi tornei preferiti.
– Una tennista deve sapersi adattare in fretta ai cambiamenti e, come nella vita, se non cogli l’attimo resti fuori dai giochi – spiega l’atleta.
Cardenas Conti, lontana parente dell’ex stella della Roma Bruno Conti, ci dice:
– In Francia, dove svolgo i miei allenamenti, ho degli ottimi allenatori e preparatori atletici che mi aiutano a crecere a livello professionale.
Anche se ha dovuto fare grandi sacrifici per arrivare dov’è adesso, è rimasta una ragazza semplice, allegra, con una gran voglia di vivere per godersi fino in fondo i trionfi che arriveranno nei prossimi anni.
– E’ una meta che mi sono fissata sin da bambina e che vedo materializzarsi match dopo match – spiega la racchetta che attualmente ocupa il 493 posto nel ranking della WTA nel doppio e il 1020 nei singles.
La prossima meta della tennista è quella di entrare fra le prime 800 nei singles.
– Nei singles guadagnare i punti è un po’ più difficile, ma sto lavorando sodo per centrare il mio obiettivo. In questa stagione ho avuto buone opportunità per vincere alcuni match importanti, ma non sono riuscita a sfruttare l’occasione.
Conoscendo la voglia di rivincita della Cardenas Conti, questo non succederà nei prossimi incontri, le sconfitte serviranno a caricarla nelle prossime gare per far sì che non commeta gli stessi errori.
– Il livello di competitività nel mondo della WTA è elevato, nessuno ti regala niente. Devo essere più constante nelle prossime gare ed essere più concentrata – spiega la campionessa nata a Caracas -. In questi tornei predominano la potenza, la velocità e la tecnica ed ogni minimo errore viene sfruttato dal tuo avversario.
La tennista vive otto mesi all’anno in Francia dove, oltre a dedicarsi allo studio, partecipa a diversi tornei dei tour europei, asiatici ed africani (dove è già nota la sua classe in campo) e negli altri mesi rientra a casa, in Venezuela, per starsene un po’ con i suoi parenti ma senza perdere l’opportunità di partecipare ai tornei latinoamericani. Recentemente ha partecipato all’Open di Barranquilla dove si è dovuta arrendere nelle semifinali dei tornei dei single e dei doppi.
Tutti questi tornei servono a Maria Andrea per guadagnare punti prezioni che le permettono di scalare posizioni nel ranking della WTA.
– Basicamente voglio migliorare il mio gioco nei campi duri e in quelli di terra rossa, e voglio testare la mia preparazione fisica in altri tipi condizioni atmosferiche.
Di questo passo la Cardenas Conti diventerà un modello di studio per le future generazioni del tennis venezuelano, che potranno osservare in lei come una tennista evoluziona e diventa una star della racchetta fino ad arrivare alla vetta della classifica della WTA.

Fioravante De Simone

Ultima ora

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

21:39Calcio: Var anche in Francia, da prossima stagione in Ligue1

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Var fa proseliti e dall'anno prossimo, dopo Italia, Germania e Portogallo (per citare i campionati più importanti) farà il suo esordio anche nella Ligue1 francese. Lo ha deliberato oggi, la Lega calcio transalpina (Lfp) che ha dato il via libera alla sua introduzione a partire dalla prossima stagione.

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

Archivio Ultima ora