Cardenas Conti si fa spazio tra le grandi del tennis

CARACAS – Il tennis è lo sport più individuale di tutti e chi vuole emergere deve diventare una macchina fredda, egoista, sola contro il resto del mondo. Bisogna avere costanza nell’allenarsi, sapere rinunciare alle tentazioni, girare il mondo su e giù. È una vita di cui si vedono solo le luci, ma che invece ha moltissime ombre. E la tennista italo-venezuelana Maria Andrea Cardenas Conti sembra averlo capito molto bene ed è per questo che, per diventare una top player nel mondo della WTA, si sacrifica giorno dopo giorno durante tutto l’anno.
Questa simpatica ragazza, alla tenera età di 7 anni (attualmente ne ha 17) si è trasferita in Francia, dove risiede tuttora. È una campionessa che combatte su ogni palla e raggiunge i suoi obiettivi, e una ragazza che vuole vincere tutto, primo fra tutti il Roland Garros, uno dei suoi tornei preferiti.
– Una tennista deve sapersi adattare in fretta ai cambiamenti e, come nella vita, se non cogli l’attimo resti fuori dai giochi – spiega l’atleta.
Cardenas Conti, lontana parente dell’ex stella della Roma Bruno Conti, ci dice:
– In Francia, dove svolgo i miei allenamenti, ho degli ottimi allenatori e preparatori atletici che mi aiutano a crecere a livello professionale.
Anche se ha dovuto fare grandi sacrifici per arrivare dov’è adesso, è rimasta una ragazza semplice, allegra, con una gran voglia di vivere per godersi fino in fondo i trionfi che arriveranno nei prossimi anni.
– E’ una meta che mi sono fissata sin da bambina e che vedo materializzarsi match dopo match – spiega la racchetta che attualmente ocupa il 493 posto nel ranking della WTA nel doppio e il 1020 nei singles.
La prossima meta della tennista è quella di entrare fra le prime 800 nei singles.
– Nei singles guadagnare i punti è un po’ più difficile, ma sto lavorando sodo per centrare il mio obiettivo. In questa stagione ho avuto buone opportunità per vincere alcuni match importanti, ma non sono riuscita a sfruttare l’occasione.
Conoscendo la voglia di rivincita della Cardenas Conti, questo non succederà nei prossimi incontri, le sconfitte serviranno a caricarla nelle prossime gare per far sì che non commeta gli stessi errori.
– Il livello di competitività nel mondo della WTA è elevato, nessuno ti regala niente. Devo essere più constante nelle prossime gare ed essere più concentrata – spiega la campionessa nata a Caracas -. In questi tornei predominano la potenza, la velocità e la tecnica ed ogni minimo errore viene sfruttato dal tuo avversario.
La tennista vive otto mesi all’anno in Francia dove, oltre a dedicarsi allo studio, partecipa a diversi tornei dei tour europei, asiatici ed africani (dove è già nota la sua classe in campo) e negli altri mesi rientra a casa, in Venezuela, per starsene un po’ con i suoi parenti ma senza perdere l’opportunità di partecipare ai tornei latinoamericani. Recentemente ha partecipato all’Open di Barranquilla dove si è dovuta arrendere nelle semifinali dei tornei dei single e dei doppi.
Tutti questi tornei servono a Maria Andrea per guadagnare punti prezioni che le permettono di scalare posizioni nel ranking della WTA.
– Basicamente voglio migliorare il mio gioco nei campi duri e in quelli di terra rossa, e voglio testare la mia preparazione fisica in altri tipi condizioni atmosferiche.
Di questo passo la Cardenas Conti diventerà un modello di studio per le future generazioni del tennis venezuelano, che potranno osservare in lei come una tennista evoluziona e diventa una star della racchetta fino ad arrivare alla vetta della classifica della WTA.

Fioravante De Simone

Condividi: