Autralian Open, flop Italia Salvi solo Vinci e Seppi

ROMA – Se non è stata una debacle come lunedì, la seconda giornata giornata dell’Open d’Australia si è dimostrata ancora avara con il tennis azzurro, avviando al secondo turno solo gli annunciati Andreas Seppi e Roberta Vinci.

Sono usciti Sara Errani, Francesca Schiavone e Filippo Volandri: due promossi su undici sono un risultato inferiore alle attese pur in un torneo ostico come quello di Melbourne e l’uscita di scena della Errani è senz’altro la sorpresa di giornata.

Ieri, infatti, hanno vinto tutti i top ten del tabellone maschile e femminile, da Federer a Murray, da Serena Williams alla Azarenka, ad eccezione della bolognese (n.7). Posta di fronte alla spagnola Carla Suarez Navarro (n.33),la Erraniha subito un doppio 6-4 ed ha lasciato il torneo che l’anno scorso l’aveva vista raggiungere i quarti, lanciandola verso una stagione di successi. L’azzurra ha avuto scarsa lucidità nei momenti importanti: subito sotto 4-1 nel primo set, debole nel servizio, è stata incapace di sottrarsi alla sconfitta.

Francesca Schiavone, opposta alla ceca Kvitova, ha costretto la n.8 al mondo al terzo set, dominando la seconda partita e cedendo 6-4 2-6 6-2.

Resta in pista tra le donne solo Roberta Vinci (n.16), che ha battuto la spagnola Soler-Espinosa 6-3 7-5. Il suo cammino potrebbe proseguire dato che ora la aspetta la uzbeka Amanmuradova, n.199 mondiale.

Un uzbeko, Denis Istomin (n.50), sarà l’avversario anche di Andreas Seppi al prossimo turno. L’altoatesino (n.23), reduce dalla semifinale a Sydney, non ha faticato contro l’argentino Zeballos (n.66), battendolo 6-2 6-4 6-2 senza cedere un servizio. Filippo Volandri, opposto al francese Simon (n.14), ha vinto il primo set ed ha preso un break di vantaggio nel secondo, ma poi ha alzato bandiera bianca (2-6 6-3 6-2 6-2).

Nel torneo maschile, s’é dimostrato in gran forma all’esordio stagionale Roger Federer (n.2), che superato il francese Paire 6-2 6-4 6-1. Ottima impressione anche da Andy Murray (n.3) contro l’olandese Robin (6-3 6-1 6-3). Entrambi sembrano in grado di minare la strada di Djokovic verso la doppietta, anche se il meno giovane svizzero potrebbe pagare dazio al caldo torrido in eventuali lunghe sfide.

Altrettanto convincente è stato l’avvio di torneo di Serena Williams, che ha imitatola Sharapovainfliggendo un doppio 6-0 alla romena Gallovits-Hall. L’americana grande favorita ha subito una storta alla caviglia destra nel primo set, un infortunio che poteva costarle caro ma che sembra superato.

Due curiosità: la giapponese Kimiko Date, 42 anni, battendo la russa Petrova (n.12) è diventata la più anziana giocatrice a superare il primo turno mondiale nell’Open Australiano, 23 anni dopo la sua prima apparizione a Melbourne. Caroline Wozniacki (n.10) ha ‘costretto’ il fidanzato Rory McIlroy a fare le ore piccole ad Abu Dhabi per seguire in tv la sua sfida con la tedesca Lisicki. Pur stanco ma di sicuro soddisfatto per l’accordo di sponsorizzazione plurimilionario firmato negli Emirati con Nike, il numero uno del tennis mondiale non si è sottratto, anche se a fine incontro ha twittato un eloquente: “finalmente ho diritto a qualche ora di riposo”.

Condividi: