Berlusconi: “Sorpasso avvenuto, Professore disperato”

ROMA  – ”Siamo in testa e vinceremo”. Il sorpasso è avvenuto. Parola di Silvio Berlusconi che, approfittando del fatto che è vietato rendere pubblici i sondaggi, dichiara che la ”rimonta” sul centrosinistra è stata completata. Il leader del Pdl, ieri a ”Radio anch’io” ha mostrato ottimismo, per motivare l’elettorato più vicino:

– Vedo e sento un grande entusiasmo e nelle Regioni a me più vicine, come la Lombardia, abbiamo diversi punti di vantaggio. Sono certo che se anch’io andassi in piazza otterrei lo stesso seguito di persone di Grillo.

Diversa la strategia per avvicinare i cittadini che in passato hanno votato per il Pdl e che ora sono indecisi o non propensi a ripetere questa scelta. Sul versante dell’elettorato moderato, il Cavaliere ha delegittimato Monti, parlando di lui come uno che ”non ha più credibilità” visto che ha promesso anche lui di ridurre l’Imu: insomma è anche lui ”un politicante qualsiasi”; e per di più ”disponibile a collaborare con la sinistra”. Quindi quello per Monti è un ”voto sprecato”. Ma Berlusconi deve proteggere i propri ‘confini’ perchè anche liì, oltre che a sinistra, il Movimento Cinque stelle gli può rosicchiare voti, come ad esempio nelle regioni una volta a lui più vicine, come Lombardia e Veneto. Di qui la sottolineatura del fatto che nelle liste di M5S ”ci sono candidati di ambienti di estrema di sinistra, No Tav e dei centri sociali”.

La speranza è che ”non ci siano tanti italiani così fuori di senno” da votare Grillo. E poi, oltre ad essere i diretti concorrenti nelle urne, Monti e Grillo lo saranno dopo il voto in caso di sconfitta elettorale. Il ”Porcellum” infatti prevede che al vincitore andrà il 55% dei voti mentre i perdenti si spartiranno tra loro il restante 45%. Quindi peggio andranno Movimento cinque stelle e Scelta civica e più deputati avrà il Pdl. E nel partito si fanno già calcoli e tabelle su chi entrerà alla Camera.

L’ideale è che non raggiungano il quorum del 10% richiesto alle coalizioni per entrare alla Camera. Ed ecco che il Cavaliere ”gufa” contro il Professore, senza giri di parole.

– Monti e’ disperato – ha detto con veemenza – Il cosiddetto centrino rischia di non raggiungere il 10% e di restare fuori dal Parlamento. Questo porta disperazione nelle loro fila e a dichiarazioni insensate e prive di eleganza.

Sì perchè Monti proprio oggi, pur senza nominarlo, gli ha dato del ”cialtrone” per le ripetute affermazioni di ”aver lasciato in ordine l’Italia”.

– Monti – è la replica serale di Berlusconi – ha ormai toccato il fondo.

Condividi: