I sei leader che vorrebbero guidare l’Italia

Pubblicato il 19 febbraio 2013 da redazione

ROMA – “Scelta civica” con Monti – Una lista “Con Monti per l’Italia” al Senato e tre liste alla Camera: una senza parlamentari e due per l’Udc di Pier Ferdinando Casini e Fli di Gianfranco Fini. Nasce così il “partito” di Mario Monti, anche se lo stesso interessato tiene a precisare che di partito non si tratta.

Dopo aver accettato di guidare i centristi alle politiche 2013, il Professore svela che il suo nome comparirà nel simbolo delle liste: “Con Monti per l’Italia” (con l’aggiunta alla Camera, dove Udc e Fli avranno liste separate, della scritta “Scelta civica”). L’obiettivo è quello di ottenere un Monti bis con il quale proseguire il “progetto” avviato nel 2011 che – spiega il premier uscente – in un anno non può far vedere i suoi effetti positivi.

“L’ITALIA GIUSTA” DI BERSANI – Dopo aver vinto le primarie per la candidatura alla premiership contro Matteo Renzi, Pier Luigi Bersani lancia il suo slogan per la campagna elettorale: “L’Italia giusta”. Nelle sue liste elettorali tre quarti dei candidati sono stati scelti attraverso le primarie per il Parlamento del 29 e 30 dicembre, gli altri sono nomi ‘blindati’ indicati dal segretario, un mix tra le anime del partito ed esponenti della società civile. Con una buona componente di donne (dei 38 capilista, 15 saranno donne). Il Partito democratico è in base ai sondaggi il primo partito, alla vigilia delle elezioni. Nella coalizione di centrosinistra ci sarà inoltre Sinistra e libertà, di Nichi Vendola, il Psi di Riccardo Nencini e “Centro democratico”, nuova componente con Bruno Tabacci e Massimo Donadi.

IL RITORNO DI SILVIO BERLUSCONI – Dopo aver in un primo momento annunciato il suo passo indietro e aver aperto alle primarie dentro il Popolo della libertà, Silvio Berlusconi ha cambiato idea e ha deciso di candidarsi di nuovo in prima persona alla guida del centrodestra. Sfumata anche l’ipotesi di un rassemblement dei moderati con alla guida Monti, il Cavaliere ha lanciato una campagna elettorale senza esclusione di colpi nei confronti del Professore. E dopo non poche tribolazioni, ha chiuso l’accordo con la Lega Nord di Roberto Maroni: il segretario del Carroccio sarà candidato in Lombardia, mentre il Cavaliere non esclude, come gli chiedeva la Lega, che in caso di vittoria alle politiche non sia lui, bensì Angelino Alfano il premier designato. “Alfano può essere il nostro candidato premier ed io posso fare il ministro dell’Economia”, ha affermato.

GRILLO SFIDA I PARTITI – “Ci vediamo in Parlamento. Sarà un piacere”. Da mesi Beppe Grillo lo ripete dalle pagine del suo blog, pronto a sbarcare alla Camera e al Senato con il suo Movimento 5 Stelle, accreditato nei sondaggi di percentuali a due cifre. I candidati sono stati scelti, non senza polemiche, con le “parlamentarie”. Il comico, come promesso, non è candidato. Ma ha fatto un lungo tour per l’Italia per lanciare le sue invettive contro i partiti e promuovere i candidati 5 Stelle. All’alleanza che gli proponevano Di Pietro e Ingroia, Grillo ha chiuso la porta. Il M5S corre da solo.

LA SINISTRA CON INGROIA – Antonio Ingroia ha appeso la toga al chiodo e si è candidato a Palazzo Chigi contro Monti, Bersani e Berlusconi contemporaneamente, sotto il segno della “rivoluzione civile”. Il magistrato palermitano ha abbandonato l’incarico Onu in Guatemala ed è tornato per guidare una coalizione in cui compaiono l’Idv di Antonio Di Pietro, il Prc di Paolo Ferrero, il Pdci di Oliviero Diliberto, i Verdi di Angelo Bonelli. Grazie a Ingroia, sono tutti saliti su un tram che si chiama desiderio: tornare o restare in Parlamento sotto il segno di una coalizione di sinistra che mira a superare lo sbarramento del 4% alla Camera per ottenere una rappresentanza nelle istituzioni. Al Senato il successo è affare più complicato.

GIANNINO VUOLE “FERMARE IL DECLINO” – “Fare per fermare il declino”, la lista che fa riferimento a Oscar Giannino, corre da sola sia alla Camera che al Senato, cercando di superare autonomamente la soglia di sbarramento del 4 e dell’8%. La lista, che non ha aderito a partiti pre-esistenti, mirava a riunire e raccogliere adesioni nella società civile, nelle associazioni di categoria e giovani. Tra i suoi obiettivi di programma, Fermare il declino punta nei prossimi 5 anni a portare il debito pubblico sotto il 100% del Pil, abbassare la pressione fiscale di 5 punti percentuali ed a ridurre la spesa pubblica di 6 punti. Oscar Giannino però è sul punto di dare le dimissioni dopo la bufera che ha scatenato un suo compagno di partito, l’economista Luigi Zingales, che ha scoperto che Giannino aveva falsamente affermato di aver fatto un Master a Chicago.

Ultima ora

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

22:46Ap: lite Cicchitto-Formigoni su adesioni a intesa con Pd

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Lite fra Fabrizio Cicchitto e Roberto Formigoni su quanti parlamentari di Ap hanno optato per l'alleanza con il Pd e quanti invece sono favorevoli a una intesa con il centrodestra. "Eegistriamo che una larga parte di AP - ha detto CIcchitto - ritiene giusto convertire la coalizione di governo in una alleanza politico-elettorale caratterizzata dall'incontro tra liste autonome e diverse. Su questa linea finora si sono collocati larga parte dei coordinatori regionali del partito e oltre due terzi dei parlamentari di Camera e Senato". "Sono dichiarazioni molto impegnative - ha replicato Formigoni - ma se le fa l'onorevole Cicchitto penso proprio che sia in grado di fornire un elenco nominativo di questi due terzi di parlamentari e di questa larga parte dei Coordinatori regionali. Siamo tutti curiosi di leggere questo elenco. Se però l'onorevole Cicchitto non fosse in grado di fornire questo elenco, credo che potrà con onestà intellettuale fare ammenda di un conteggio del tutto sbagliato".

22:38Centrosinistra: Pisicchio, ora serve lista Gentiloni

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "La buona stima che il presidente del Consiglio ha conquistato nel Paese e nel ceto politico, potrà essere sicuramente giocata a beneficio del centro sinistra, ma in consonanza con il partito di cui Gentiloni è espressione, cioè il Pd. Potrebbe, dunque, rivelarsi come una iniziativa politica coerente per le forze alleate del Pd che hanno sostenuto i governi di questa legislatura, a cominciare dalle forze centriste, ritrovarsi in un unica lista che faccia riferimento al presidente Gentiloni, ma solo in un quadro di intese e di collaborazione col Pd, per mettere in campo un'alleanza competitiva". La proposta arriva dal presidente del gruppo Misto alla Camera Pino Pisicchio tra i promotori della lista di centro assieme a Pierferdinando Casini e ad Ap.

22:36Calcio: Inter, Dalbert “Col Pordenone partita complicata”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "È stata una partita complicata, contro una squadra ben organizzata. Adesso siamo concentrati sul campionato, per continuare a fare buoni risultati, speriamo di trovare i tre punti a San Siro: sarebbero importanti per il nostro cammino". Lo dice Henrique Dalbert, tornando sulla partita di Coppa Italia contro il Pordenone di ieri sera, vinta solo ai rigori. Il difensore racconta anche le impressioni sul campionato italiano: "In ogni partita i ritmi sono molto sostenuti e c'è parecchia fisicità. Il campionato italiano è molto diverso da quello a cui ero abituato ma, pian piano, mi sto adattando e spero di fare meglio nel futuro. Con chi mi trovo meglio? Mi trovo bene con tutti quanti, uno che non conoscevo prima e che mi ha impressionato molto è Skriniar".

22:33Calcio: Samp, Giampaolo “rigori roba seria non virtuale”

(ANSA) - FIRENZE, 13 DIC - Rabbia Samp, soddisfazione Fiorentina. L'allenatore dei blucerchiati, Marco Giampaolo, punta il dito contro la direzione dell'arbitro Abisso e dei tanti interventi della Var. "I rigori sono una cosa seria, non una roba da gioco virtuale - sbotta -. Ho dei dubbi, specie su quello del 3-2 finale. L'arbitro non mi è piaciuto così come non mi è piaciuta la squadra, soprattutto nel primo tempo. Anche se, in certi episodi, siamo stati poco fortunati e credo che alla fine avremmo meritato perlomeno di andare ai supplementari". Altro clima in casa viola. "Qualificarci era importante - ha detto Pioli -. Ho un gruppo con un buon potenziale e bisogna sfruttarlo nel migliore dei modi, anche per capire chi di questi giocatori farà parte del progetto futuro. Veretout? Si può avvicinare come caratteristiche a Nainggolan, anche se il romanista è il top nel suo ruolo. Babacar? Ha avuto problemi fisici nel pre-partita, ma ha fatto una buona prestazione. I Della Valle? Ci farebbe piacere se tornassero allo stadio".

22:24Calcio: Milan, fischi e insulti per Donnarumma a San Siro

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Fischi e insulti a San Siro per Gianluigi Donnarumma, prima della partita di Coppa Italia fra Milan e Verona. "Violenza morale 6 milioni all'anno e l'ingaggio di un fratello parassita? Ora vattene, la pazienza è finita!", ha contestato con uno striscione la curva rossonera che, assieme allo scarno pubblico, ha fischiato il nome del portiere e lo ha insultato durante il riscaldamento, che Donnarumma ha concluso poco prima dei compagni. Le immagini Rai hanno poi inquadrato Leonardo Bonucci mentre rincuorava Donnarumma nello spogliatoio.

22:19Azienda denuncia furto 900 bottiglie Brunello Montalcino

(ANSA) - MONTALCINO (SIENA), 13 DIC - Novecento pregiate bottiglie di vino Brunello e Brunello Riserva sono state rubate all'azienda Cupano di Montalcino. Il furto è stato compiuto tra il 5 e il 6 dicembre, ma è stato reso noto solo oggi da Montalcinonews, a Camigliano, frazione di Montalcino. I ladri, approfittando dell'assenza dei proprietari, si sono introdotti prima negli uffici, senza trovare chiavi che potessero aprire la cantina, e hanno in seguito forzato una delle porte della cantina. Il danno, fa sapere l'azienda, è devastante: si tratta di annate destinate all'invecchiamento, il che avvalora l'ipotesi che il furto possa essere avvenuto su commissione. In base ad una prima ricostruzione, si è risaliti ai numeri identificativi della serie di fascette all'interno della quale figurano le bottiglie sottratte di Brunello 2008 e 2011, Brunello Riserva 2007 e 2009.

Archivio Ultima ora