La Lazio ritrova la vittoria e vola agli ottavi

ROMA – La Lazio ritrova la vittoria nel momento più importante e conquista con pieno merito la qualificazione agli ottavi di Europa League. I Biancocelesti, senza successi da quattro partite, stendono 2-0 all’Olimpico un Borussia Mönchengladbach trascinato da quasi 10mila tifosi tedeschi: decidono la sfida i gol nel primo tempo di Candreva e González.

Dopo il 3-3 del Borussia-Park, la squadra di Petkovic era la logica favorita per questa sfida, anche se il digiuno di vittorie in campionato e la pericolosità sui calci piazzati degli uomini di Favre avevano creato qualche apprensione alla vigilia. La Lazio ha però giocato una partita quasi perfetta, rischiando pochissimo in difesa e sfruttando tutte le occasioni concesse dagli avversari. Ora i biancocelesti se la vedranno con un’altra formazione  di Bundesliga, lo Stoccarda.

Senza lo squalificato Dias e l’infortunato Mauri, Petković torna allo schieramento a quattro in difesa e cambia tre uomini nella squadra sconfitta 3-0 sul campo del Siena: il difensore brasiliano, Michael Ciani e Kozák lasciano il posto a Radu, Cana e Ledesma. Più turn-over per Favre, che modifica per quattro undicesimi la formazione battuta 1-0 in trasferta dall’Hamburger SV: escono Daems, Rupp, Hanke e Xhaka, sostituiti da Wendt, Cigerci, Nordtveit e de Jong.

Il primo tempo dei biancocelesti è un monumento alla concretezza e al cinismo. Il vantaggio arriva dopo dieci minuti, complice una grave leggerezza di Álvaro Domínguez: Candreva soffia il pallone al difensore spagnolo, si invola verso Marc-André ter Stegen e lo supera con un preciso piatto destro.

Il 20enne portiere tedesco si riscatta sulla conclusione di Lulić, mentre al 22’ Herrmann riesce a calciare verso la porta di Marchetti ma la mira è abbondantemente imprecisa. La squadra di Petković tiene benissimo il campo, non ha alcuna difficoltà a limitare gli attacchi – tutt’altro che veementi – del Borussia. E al 33’ raddoppia. Ter Stegen non è impeccabile sul sinistro da fuori di Radu, González anticipa Wendt e insacca sul tap-in.

La formazione di Favre è alle corde, prima dell’intervallo è ancora la Lazio a rendersi pericolosa con Hernanes. Nella ripresa il Borussia cambia: Amin Younes, 19enne attaccante di origini libanesi fresco di esordio in Bundesliga,  sostituisce il venezuelano Juan Arango, a segno su punizione sull’andata. E’ il capitano Stranzl che prova a suonare la carica, ma Marchetti para a terra il suo destro da fuori area.

Onazi rileva il goleador González, Hanke prende il posto di Cigerci e Floccari, esausto, è rimpiazzato da Kozák. Marchetti è bravissimo nella parata a terra su De Jong, poi Lulić è tempestivo nella chiusura su Herrmann. Ma il successo della Lazio non è mai in discussione: ora, ad attendere gli uomini di Petković, c’è una nuova “missione” tedesca.

Condividi: