Il Caracas nella tana del Gremio

CARACAS – Meglio dipingerlo brutto il diavolo, così, quando si presenta, uno è preparato e fa meno paura. Il Caracas andrà a giocare nella tana del Gremio, in Brasile, i 60 mila apostoli scatenati daranno vita ad un vero e proprio inferno per ricevere la squadra venezuelana. I ‘rojos del Ávila’, non possono consentire a questa bolgia di prendere la carica con una partenza pigra o, peggio, beccando un gol, sarebbe poco consigliato per il Caracas.

La gara di oggi è valevole per la terza giornata del girone 8 della Coppa Libertadores, dove attualmente il Fluminense guida la classifica con 6 punti, ma con una gara in più disputata rispetto a Caracas e Gremio, entrambi fermi a 3 punti. Se guardiamo i risultati materializzati fino ad oggi, in questo girone hanno sembre vinto le compagino ospitate, cosa che fa ben sperare al Caracas, stremo a vedere cosa dice il campo dopo i 90’ di gioco.

El ‘imortal tricolor’, attualmente allenato da Vanderley Luxemburgo, ha come meta vincere la Libertadores in questa stagione, per materializzare questo sogno vuole iniziare con una vittoria interna contro il Caracas. Luxemburgo schiererà una formazione offensiva dove spuntano i nomi dell’ex Napoli Eduardo Vargas e l’argentino Hernán Barcos.

Sicuramente faranno parte dell’undici iniziale: Ze Roberto ed Elano, due pilastri del centrocampo. In porta ci sarà una vecchia conoscenza della nostra serie A: Nelson Dida, ex Milan. L’estremo difensore è già al top della forma fisica dopo l’infortunio che l’ha costretto a saltare le ultime gare con il Gremio.

Il Caracas, è arrivato a Porto Alegre domenica, dove si è allenato a porte chiuse e ieri sera era previsto il riconoscimento del terreno di gioco dell’Arena do Gremio.

Per i ‘rojos del Ávila’ la trasferta in casa del ‘Tricolor dos Pampas’ evoca brutti ricordi. Nel 2009, il Gremio fermò la corsa del Caracas verso la storica semifinale della Coppa Libertadores, allora i ‘rojos del Ávila’ pareggiarono 1-1 in casa e 0-0 in trasferta. Resta il rammarico per l’1-1 interno dove il Caracas si divorò diverse azioni da gol e poi vennero raggiunti nel finale dai brasiliani.

Il Caracas viene da un campionato altamente allettante, ha appena dimostrato contro Hauchipato (vittoria esterna per 3-1) in Coppa Libertadores e Lara (successo interno per 3-0) in campionato di aver recuperato la sua faccia migliore, mentre il Gremio, terzo nel campionato a sei punti dalla vetta.

Tirare le somme ora è fin troppo facile e i bookmakers ovviamente danno come favorito il Gremio. Riconosciuto il fattore ambientale e un certo valore in più per i padroni di casa, il Caracas dovrà giocare come l’ha fatto nelle ultime gare per strappare dei punti alla corazzata brasiliana.

Se Romulo Otero e compagni, mostreranno le proprie doti potrebbe concretizzarsi un’altro risultato storico da aggiungere agli almanacchi del calcio insieme al piccolo Maracanazo targato Deportivo Italia. È il momento di mostrare la vera crescita del calcio venezuelano così come l’ha fatto la nazionale anche a livello di club.

Fioravante De Simone