Orellanas (M5S): ·”La democrazia è piena di sfumature grigie”

Pubblicato il 07 marzo 2013 da redazione

ROMA – Neoeletto al Senato per il Movimento 5 stelle. Luis Alberto Orellanas è italo-venezuelano. Figlio di padre venezolano e madre italiana, ha 52 anni. Sposato, con due figlie, laureato in Scienze dell’informazione, lavora come menager marketing per la multinazionale Italtel. La “Voce”  lo ha intervistato a Roma. Diretto, schietto, ha risposto a tutte le nostre nostre domande: dalla sua infanzia in terra venezolana ai legami con la Madrepatria, dalla sua opinione sul “chavismo” alla fiducia al “governo Bersani”.

-Innanzitutto complimenti per l’elezione. Come la devo chiamare: cittadino o senatore?

– Grazie. Come preferisce, l’importante è che non mi chiami “onorevole”.

-Perché?

-Perché vogliamo differenziarci dagli onorevoli deputati e onorevoli senatori che hanno governato negli ultimi 30 anni con risultati e comportamenti direi poco onorevoli. Noi ci sentiamo più che altro “onorati” di far parte del Parlamento.

So che suo padre è venezuelano mentre sua madre è italiana. Mi racconti un po’ la storia della sua famiglia: come si sono conosciuti e perché lei ha deciso di vivere in Italia.

– Negli anni 50 – non ricordo esattamente l’anno- il Venezuela era sotto la dittatura di Marcos Pérez Jiménez che chiuse le università per un periodo molto lungo. Mio padre allora studiava medicina e lottò come molti altri studenti opponendosi a questa decisione e al regime. Mio nonno, che non ho mai conosciuto, decise di mandare mio padre a studiare in Europa e visto il tipo di studi, in Italia, a Roma. Sa, ai tempi si guardava più all’Europa e non agli Stati Uniti come adesso. A Roma mio padre conobbe mia madre che si trovava nella capitale per alcune vicissitudini personali (mio nonno materno stava male ed era stato ricoverato in un ospedale di Roma). Si innamorarono, si sposarono e vissero per un periodo in Italia: a Roma e poi a Pavia dove mio padre si specializzò in ematologia. Mia sorella maggiore è nata a Roma, mentre io e gli altri miei fratelli siamo nati a Caracas. Negli anni 70 i miei genitori si separarono, mia madre visse per un periodo  da sola in Venezuela e successivamente decise di tornare in Italia con i suoi figli. Era il 1974 ed io avevo 13 anni. Mio padre vive tutt’ora a Caracas, si è risposato, ho dei fratellastri infatti in Venezuela oltre a cugini e parenti.

– Da quando non torna in Venezuela?

– Dal 1978. Non sono più rientrato anche se per lavoro sono stato spesso in America latina: ho vissuto un anno a Buenos Aires, sono stato in Guatemala, Brasile ecc..ma l’azienda non mi ha mai mandato in Venezuela. Anzi ritornai dopo il ’74, 4 anni dopo per 45 giorni, in vacanza. Da allora mai più.

– Quali sono i suoi ricordi del periodo in cui visse a Caracas?

– Ho dei ricordi molto belli. Io e la mia famiglia vivevamo, non so se esiste ancora, nel quartiere California Norte vicino a Petare. La mia famiglia era benestante, mio padre allora era Presidente del Banco del sangre quindi ci potevamo permettere anche di viaggiare: una volta all’anno andavamo in Italia a trovare i nonni. Mi ricordo che a volte ci andavamo in nave addirittura, e poi le vacanze a la Islas Margaritas per esempio.

– Cosa le manca del Venezuela?

– Sono passati tanti anni e in realtà non mi manca qualcosa in particolare. Ho, ripeto, dei ricordi bellissimi: quando andammo a Cireniche, a Valencia, a Merida (mio nonno e mio padre sono di Merida, poi si sono trasferiti a Caracas).

– Che cosa sente di avere di venezuelano e cosa di italiano?

– Non saprei. Ormai mi sento italiano totalmente.

Segue le vicende del Venezuela? Mantiene i contatti con i suoi parenti?

–         Sì. Grazie ai social network ho ripreso contatti con i miei cugini che non sentivo da tanti anni, successivamente sono venuti a trovarmi in Italia. In Italia invece, anche se parlo spagnolo correntemente, non ho mai frequentato più di tanto le comunità latinoamericane e in particolare venezuelane. Ma con internet, che come movimento utilizziamo per far politica, attraverso i giornali online e il canale 540 del satellite Telesur, seguo volentieri ciò che succede in Venezuela e in America latina. Anche se mai tanto come di solito mi prometto. Ora per esempio la morte di Chavez..è chiaramente una notizia importante ed è arrivata anche qui.

-Alcuni suoi colleghi del Movimento 5 stelle hanno detto che si ispirano al chavismo. Lei cosa ne pensa? Ê d’accordo?

-Non vorrei intromettermi nelle vicende venezuelane anche perché conosco parzialmente la situazione politica del governo Chavez. Ho contatti diretti, attraverso ciò che raccontano i miei parenti, ma contrastanti. Mio padre è chavista, tra l’altro.. lo devo ancora sentire, immagino sia molto dispiaciuto per la sua morte. Mentre i miei cugini sono anti-chavisti. Ho capito che è una figura che ha diviso il paese in due, ma credo che non gli vadano imputate tutte le responsabilità che invece ci sono da tutte le parti. In Venezuela la classe media è schiacciata tra i ricchi e i poverissimi, mentre credo fosse necessario valorizzarla maggiormente, al contrario sono stati additati come “gli affamatori del popolo”. Ma  Chavez ha fatto anche molte cose buone, non si è arricchito, infatti mi arrabbio molto quando leggo i giornali chiamarlo “el caudillo…” . Certo, ha preso anche decisioni opinabili come la chiusura di radio Caracas. Insomma, io credo più in generale che la democrazia non sia tutto bianco o nero ma pieno di sfumature grigie. Anche l’Italia deve imparare da altri paesi democratici europei epure è una democrazia.

Quando i suoi genitori si sono trasferiti in Venezuela si interessavano alle vicende italiane?

Sì anche se erano altri tempi. Le comunicazioni erano difficili, non c’era internet e le chiamate intercontinentali si facevano ma con più difficoltà, ma che io ricordi hanno mantenuto i contatti e si interessavano. Tornavamo, come ho detto, ogni anno in Italia per le vacanze. Mia madre ha pensato sempre alla vita in Venezuela, cosi come a mio padre mancava l’Italia.

–         Fino ad ora lei si è occupato principalmente di temi ambientali e dei tagli ai costi della politica, e come ha detto nel suo video di presentazione sono temi che le piacerebbe portare anche al Senato. Pensa altresì di spezzare una lancia a favore degli italiani in America latina?

Come tematica mi interessa anche se non l’ho mai approfondita. Credo si potrebbero sfruttare meglio i rapporti tra i paesi e la risorsa degli italiani residenti in AL. Sono tanti gli italiani residenti emigrati e ho potuto vedere personalmente che si fanno ben volere, ma bisogna valorizzare maggiormente questa risorsa. Penso al canale turistico, commerciale che vanno incentivati e tenuti più vivi. Non escluderei di potermene occupare in futuro, anche se non ci ho pensato fino ad ora.

Il M5S darà la fiducia a Bersani?

–         Ehh Non mi faccia questa domanda..

Non ho resistito

–         Eh lo so è la domanda del momento

A oggi Grillo dice no, ma qual è la sua opinione?

Io non sono d’accordo per dare la fiducia. I responsabili di questa situazione sono i partiti e con questi partiti non possiamo concordare. Tra l’altro sono poco credibili. Ci vuole una certa coerenza: non possono cambiare i punti del loro programma solo per tenersi buoni quelli del M5S. Sono curioso di vedere di volta in volta le proposte che avranno tutti i partiti in Commissione, anche Sel e Pdl. Noi non metteremo veti né pregiudiziali. Se le loro proposte sono conformi al nostro programma le voteremo, altrimenti no. Spero che facciano lo stesso anche loro, ma il modo di fare politica che io ho potuto vedere più da vicino, in Regione Lombardia e al comune di Pavia, è un altro. C’è una maggioranza e una opposizione e quello che dice una non importa all’altra, nemmeno si ascoltano. Ecco, spero in un cambiamento anche in questo senso, per il bene del paese.

Laura Polverari

Ultima ora

16:54Calcio: Mourinho, City diversamente educato

(ANSA) - LONDRA, 12 DIC - "Una diversa educazione", così José Mourinho spiega il comportamento del Manchester City al termine del derby di domenica, da cui è scaturita la rissa negli tunnel dell'Old Trafford. In precedenza il suo collega Pep Guardiola aveva escluso che i suoi giocatori avessero mancato di rispetto agli avversari appena battuti. "Pep dice quello che vuole e io non intendo commentare le sue parole - la replica stizzita del portoghese -. L'unica cosa che posso dire è che per me è tutta una questione di diversa educazione, niente più che questo". Secondo la stampa britannica gli animi si erano surriscaldati in seguito alla richiesta, rivolta dallo stesso Mourinho ai giocatori del City, di contenere i festeggiamenti e mostrare maggior rispetto allo United.

16:53Clima: Macron posa con cartello Make our planet Great Again

(ANSA) - BOULOGNE-BILLANCOURT (FRANCIA), 12 DIC - ''Make Our Planet Great Again": nel giorno del summit informale sul clima all'Ile Séguin di Boulogne-Billancourt, alle porte di Parigi, il presidente francese e padrone di casa, Emmanuel Macron, ha posato davanti ai fotografi con il suo celebre slogan in risposta a Donald Trump. A inizio giugno, in seguito all'annuncio shock del presidente Usa di uscire dall'accordo di Parigi, il leader trentanovenne deformò la frase cult di Trump 'Make America great again' rilanciandola in chiave ecologica - 'Make our planet great again' - e invitò studiosi e ricercatori Usa a lasciare la madre patria per lavorare in Francia. Oggi, il governo di Parigi ha annunciato il nome dei primi 18 progetti di studiosi e ricercatori soprattutto americani, selezionati dalla Francia.

16:50Calcio: Guardiola, giusto festeggiare dopo derby

(ANSA) - LONDRA, 12 DIC - Pep Guardiola respinge l'accusa rivolta ai suoi giocatori da José Mourinho di aver mancato di rispetto al Manchester United al termine del derby di domenica, vinto 2-1 dal City e proseguito con una sorta di rissa tra giocatori e membri dello staff tecnico. "Quando perdi devi accettare la sconfitta, ma quando vinci è giusto festeggiare - le parole del tecnico catalano -. Sono stato io ad incoraggiare i miei giocatori a festeggiare. Ma non abbiamo mancato di rispetto a nessuno. Eravamo felici per aver vinto un derby. Tutte le squadre del mondo quando vincono un derby sono felici. E festeggiano dentro il proprio spogliatoio". Marca scrive oggi che all'origine della rissa, nella quale sarebbero stati coinvolti una ventina tra giocatori e membri degli staff, ci sarebbe una battuta di Guardiola a Ibra: "Parli molto ma ti muovi poco in campo". Il tecnico catalano si è però rifiutato di entrare nei dettagli di quanto successo "Quello che dovevo dire l'ho già detto a chi sta svolgendo un'indagine per conto della Fa".

16:34Grenfell Tower: consiglieri Tory non graditi alla messa

(ANSA) - LONDRA, 12 DIC - Aria di polemica in vista della messa di suffragio in programma giovedì 14 nella cattedrale londinese di St Paul, a sei mesi esatti dalla tragedia, in memoria delle vittime del rogo della Grenfell Tower, edificio popolare in cui persero la vita ben 71 persone. Lo scrive il giornale filo-conservatore Daily Telegraph, sostenendo che il rito - a cui è annunciata fra gli altri la partecipazione dei principi Carlo e William con consorti, nonché del principe Harry - è stato dichiarato off limits, per volere di familiari dei morti e superstiti, per tutti i consiglieri Tory del Municipio di Kensington and Chelsea. La decisione è stata formalizzata dal vescovo anglicano di Kensington - che co-celebrerà la liturgia - il quale invece ha confermato l'invito ai consiglieri laburisti, graditi agli ex inquilini e ai loro familiari. "A tutti i consiglieri conservatori è stato chiesto di stare alla larga", ha confermato un portavoce del Municipio, sul cui territorio si consumò la strage.

16:32Calcio: Coppa Italia, in 4.000 partiti da Pordenone

(ANSA) - PORDENONE, 12 DIC - È iniziato l'esodo dei quattromila tifosi del Pordenone verso San Siro, dov'è questa sera la formazione neroverde affronterà l'Inter negli ottavi di finale di Coppa Italia. Alla volta di Milano è partita, attorno alle 14.00, una quarantina di pullman che hanno dato vita ad un festoso serpentone. A bordo dei bus anche tanti tifosi nerazzurri, che hanno colto l'occasione per ammirare dal vivo la capolista della serie A nel confronto con la squadra della loro città, unica di serie C rimasta in lizza nel torneo. Da Tricesimo (Udine), località di cui è originario, è partito un pullman di supporter personali di Michele De Agostini, figlio di Gigi, gloria della Juventus e della Nazionale, oltre che della stessa Inter anche se solo per una stagione, nel 1992-93.

16:31Brexit: Weber, primo accordo è vincolante, Londra chiarisca

(ANSA) - STRASBURGO, 12 DIC - La premier britannica "Theresa May deve intervenire e chiarire che quanto sarà scritto giovedì al Vertice europeo sarà vincolante dal punto di vista giuridico". Lo ha detto il capogruppo del Ppe al Parlamento europeo, Manfred Weber, chiedendo "chiarezza" a Londra in merito all'accordo preliminare siglato nei giorni scorsi sulla prima fase della Brexit da Regno Unito e Ue. "Se ora David Davis mette in dubbio la prima fase - attacca Weber -, ad esempio proponendo un congelamento dei pagamenti finché il processo non sarà concluso, tutto viene di nuovo messo in dubbio. Quanto sentito da Londra contrasta con l'idea di un rapporto di fiducia".

16:28Russia: 007, sventato piano attentati kamikaze durante feste

(ANSA) - MOSCA, 12 DIC - I servizi di sicurezza russi (FSB) hanno sgominato un gruppo terroristico composto da persone originarie dell'Asia centrale che pianificava attacchi suicida, nel corso del periodo festivo e nelle settimane precedenti alle elezioni presidenziali. Lo ha detto il direttore dell'FSB Alexander Bortnikov citato dalle agenzie russe.

Archivio Ultima ora