Red Bull subito davanti a tutti in Australia

MELBOURNE – La stagione 2013 di Formula 1 riparte sotto il segno della Red Bull. La macchina iridata mostra sin dalle primissime battute la propria superiorità sul tracciato di Albert Park piazzando Vettel e Webber ai primi due posti in griglia mentre la Ferrari, come era prevedibile fatica in questa prima giornata di libere, e piazza Alonso al sesto posto e Felipe Massa all’ottavo.

La stagione di Formula 1 riparte sotto il segno della Red Bull. La macchina iridata mostra sin dalle primissime battute la propria superiorità sul tracciato di Albert Park piazzando Vettel e Webber ai primi due posti in griglia mentre la Ferrari, come era prevedibile fatica in questa prima giornata di libere, e piazza Alonso al sesto posto e Felipe Massa all’ottavo.

Vettel e Weber hanno impressionato in questa prima giornata sia come velocità sul giro che in configurazione gara con il tedesco che ha fatto segnare un 1’25”908, unico pilota a scendere sotto il muro dell’1’26” e in grado di precedere di due decimi il compagno di squadra ed idolo di casa autore nel finale anche di un testacoda senza conseguenze. Come detto però le Red Bull hanno impressionato anche per il passo gara con Vettel che è stato capace di far segnare un 1’26”274 con gomme medie rifilando oltre mezzo secondo a Lewis Hamilton e quasi sette decimi alla Ferrari.

Proprio il Cavallino è stato protagonista di una giornata a due facce. Nel primo turno sia Alonso che Massa sono stati in grado di tallonare Vettel e chiudere con il secondo ed il terzo tempo di Massa ed Alonso; i due alfieri della Rossa di Maranello però non sono riusciti a ripetersi sugli stessi standard al pomeriggio quando si è cominciato a girare con i serbatoi più scarichi. Alonso con le coperture medie ha girato con un distacco di oltre un secondo su Vettel un margine che si è ridotto a 772 millesimi con le super soft (1’26”748), un crono che gli ha permesso di precedere di mettersi davanti Massa che ha chiuso la giornata in ottava posizione con un crono di 1’26”855.

Guardando invece alle altre scuderie segnali confortanti li lancia a Lotus, capace di piazzare al quarto e quinto posto Raikkonen e Grosjean proprio alle spalle di Nico Rosberg, la migliore della Mercedes in pista che nelle seconde libere è riuscito a fare registrare un 1’26”322 a meno di mezzo secondo da Vettel. La W04 però in questa giornata ha avuto non poche noie tecniche da combattere poiché Rosberg ha dovuto chiudere il proprio turno cinque minuti in anticipo a causa di un problema al cambio mentre Hamilton (7° dietro persino ad Alonso) è stato protagonista di un incidente per fortuna senza conseguenze. Sta peggio la McLaren autore di una giornata assolutamente anonima e che è stata incapace di piazzare nella top ten i propri due portacolori: Button (11esimo) e Perez (13esimo).

Condividi: