Mea Vitali, il mago della Vinotinto e del Deportivo Lara

Pubblicato il 20 marzo 2013 da redazione

CARACAS – Da un po’ di tempo a questa parte la Vinotinto non è più la Cenerentola del girone Conmebol nelle qualicazioni. Il cambio è avvenuto con l’arrivo del nuovo secolo quando il Venezuela ottiene risultati nettamente migliori. Durante le qualificazioni ai mondiali di Giappone e Corea del Sud 2002 vince ben 5 partite e ne pareggia una (perdendone 12), conquistando il soddisfacente bottino di 16 punti in classifica. Ma in particolare, per la prima volta nella sua storia, il Venezuela non si classifica ultimo, giungendo invece al nono e penultimo posto, davanti al Cile con 12 punti.

L’italo-venezuelano Miguel Mea Vitali è stato uno dei protagonisti di questo periodo storico della’ Vinotinto’ tirando fuori dal cilindro assist vincenti e segnando gol fondamentali. Lo abbiamo incontrato nell’albergo durante il ritiro con il Deportivo Lara.

Parlami del tuo primo contato con la palla a spicchi?
Ho iniziato a tirare i primi calci nella scuola di calcio di Montalban, dove ho giocato circa 10 o 12 anni. In questa scuola giocava anche mio fratello (Rafael, anche lui calciatore professionista n.d.r.). Poi mi sono trasferito alla scuola San Agustín del Paraiso dove sono passato per le categorie ‘Infantil A’, ‘infantil ‘B e’ Giovanili’. In questo periodo ho indossato anche le maglie di Cristo Rey e Maritimo. Poi grazie a José Hernández, attuale tecnico dell’Atlético Veenzuela, allora nello staff della Scuola San Agustín e nelle giovanili del Caracas, approdo al Caracas ed entro nella rosa dell’Under 20 giocando poche gare e poi faccio il mio esordio in prima squadra.

Com’è stato l’esordio in Primera División, quali erano le tue sensazioni?
I nervi erano a fior di pelle, ricordo che era una gara interna contro il Zamora. Sul prato del Brigido Iriate il mister, Popovic, mi fece giocare cinque o sei minuti e quel match lo abbiamo vinto 1-0 con un gol di Giraldo.

Il 19 maggio del 1999, per Mea Vitali si materializza il sogno di ogni giocatore: debuttare con la maglia della nazionale. Quel giorno la Vinotinto giocò un’amichevole disputata a Salta contro l’Ecuador e vinse 2-0. Da allora, l’italo-venezuelano ha indossato la maglia della nazionale in 84 occasioni segnando anche un gol. Mea Vitali è al quarto posto nella graduatoria dei giocatori che più volte ha rappresentato il Venezuela, alle spalle di José Manuel Rey (111 presenze), Juan Arango (110) e Jorge Rojas (88).

L’esordio con la nazionale è sempre straordinario. Cosa ricordi di quel giorno?
Ancora rido quando penso a quel giorno. Entrai al posto del mio compagno di squadra fino a poco fa: David McIntosh. Il mister Pastoriza mi fece giocare come terzino sinistro, io ero un centrocampista di creazione. Ma a 19 anni, anche se ti fanno esordire in porta tu lo fai, per l’emozione di giocare con la Nazionale. Entrai per coprire il vuoto che si era creato a causa di una espulsione, ma il bello è stato che il mio esordio è stato bagnato con la vittoria.

La Vinotinto nel 2000 ha dato una svolta alla storia del calcio venezuelano e tu sei stato uno dei protagonisti. Cosa prova Mea Vitali in cuor suo?
Sono fiero di essere nella lista di questa generazione che ha regalato tante vittorie ed allegrie alla nazionale venezuelana. E’ sempre piacevole indossare la maglia della nazionale.

Cos’è cambiato nella mentalità del giocatore Vinotinto, nel passare da Cenerentola del giorno alla squadra da battere?
Si, diaciamo che tutto questo è iniziato prima con l’argentino Omar Pastoriza. Lui ci ha inculcato quella mentalità vincente. Poi con l’arrivo in nazionale di Ricard Paéz, diciamo che c’è stata la svolta completa. L’ex mister della Vinotinto, è riuscito a materializzare questo sogno di una nazionale vincente grazie al suo passato come giocatore e conoscitore dell’ambiente locale. L’esordio non fu del tutto favorevole, ci fu la sconfitta 5-0 in Arentina, ma poi la nazionale pareggiò qui in Venezuela 1-1 con la Colombia: una gara che la Vinotinto dominava fino a 5 minuti dal fischio finale. Poi poco a poco c’è stata la svolta e adesso stiamo vedendo i frutti di tutto questo lavoro.

Mea Vitali è un campìone che sa trattare bene la palla, l’accarezza come se fosse la sua donna, è uno di più disciplinati della squadra e sa mettere ordine in campo. I suoi passaggi sono precisi e le sue punizioni delle vere bombe: grazie a queste doti è riuscito ad approdare in diversi campionati per il mondo: Argentina, Grecia, Italia. Nello stivale ha indossato le maglie di Poggibonsi, Sora e Lazio.

La tua abilità con la palla al piede ti ha portato a giocare in diverse squadre all’estero. Com’è stata questa esperienza?
Giocando all’estero ho imparato tantissimo. Al principio è stato un po’ diffcile adattarmi, ma poi tutto è filato per il verso giusto. Giocare fuori mi ha aiutato a crescere a livello profesionale.

Questo campione, di 31 anni, nato a Caracas il 19 febbraio del 1981, ha la doppia citadinanza (italiana e venezuelana), e si definisce come una persona tranquilla “con una voglia matta di conquistare il mondo”.

Parlami dell’esperienza alla Lazio?
Sfortunatamente non sono riuscito a sfondare in quella squadra. Non sono rientrato nei piani dei mister che c’erano all’epoca nella squadra biencoceleste: prima con Mimmo Caso, poi con Giuseppe Papadopulo ed infine con Delio Rossi. Con quest’ultimo ho avuto più comunicazione ed ho capito che avrei dovuto trovarmi un’altra squadra. Ma sempre mi è rimasto il rammarico di non sapere se ero o no idoneo per giocare in Serie A. E’ stato bellissimo stare accanto ai tanti campioni che ho frequentato in quel periodo.

La prima convocazione in panchina con la Lazio è stata per una gara contro l’Inter a San Siro. Cosa ricordi di quel giorno?
Fu una giornata bellissima, porter andare in uno stadio così prestigioso come San Siro. Giocare contro l’Inter e per di più che la tua squadra porti a casa un punto, abbellisce di più la giornata. Ricordo che il gol per la Lazio lo segnò Talamonti.

Il ritorno in Venezuela?
L’Aragua mi ha aperto le porte per il ritorno in Venezuela, venivo da un infortunio e con loro abbiamo lottato per conquistare un posto nelle competizioni continentali. Poi il passaggio al Lara, dove è stato tutto perfetto vincendo anche il Torneo Apertura ed il Clausura.

La strepitosa stagione disputata con il Deportivo Lara, ti ha portato nuovamente nel giro della nazionale. Cosa hai provato rivestendo nuovamente la maglia Vinotinto?
Uno sempre sogna di giocare in Nazionale, so che attualmente c’è molta competitività e che c’è anche un cambio generazionale. Ma se mi chiamano sono sempre disponibile a giocare con la nazionale.

Quali sono le possibilità della nazionale vinotinto in vista delle due gare di qualificazione?
Saranno due gare fondamentali, affronteremo due delle favorite come lo sono Argentina e Colombia. Strappare dei punti contro una di loro o con entrambe servirà non solo per la classifica, ma anche per il morale della squadra.

Il sogno ‘mundial’?
Sin da bambino seguivo i mondiali, vedendo in televisione quelli di Italia ’90 e quello degli Stati Uniti del ’94; ho sempre desiderato poter materializzare il sogno di partecipare in una kermesse irridata.

Come hai vissuto, quel periodo difficile con il Deportivo Lara?
E’ stato difficile, fu un periodo molto duro per noi perché siamo stati diversi mesi senza riscuotere gli stipendi. I giocatori che avevano più possibilità economiche, grazie alle loro esperienze all’estero, aiutavano gli altri compagni dandogli dei soldi per poter fare la spesa e così via. Adesso fortunatamente, la squadra è in mano alla Alcaldia ed ha raggiunto una stabilità, e poco a poco sta migliorando la situazione econonomica.

Quali sono le possibilità del Lara nel Torneo Clausura e nella Libertadores?
C’è stato il cambio di mister, ma lo staff tecnico è lo stesso che avevamo nella passata stagione. Adesso diciamo che abbiamo una routine diversa da quella dell’anno scorso dato che giochiamo la domenica ed il mercoledì. Ma con il mister (Lenin Bastidas n.d.r.) abbiamo avuto un’ottima preparazione fisica e la squadra è motivata. Basta guardare la classifica nel torneo locale; siamo in lotta per lo scudetto e nella coppa siamo ancora in corsa per il passaggio del turno.

Parlaci delle tue origini italiane?
Mio papà è nato nella provincia di Salerno e mia madre è figlia di italiani, della provincia di Frosinone. Anche se sono venezuelano di nascita, le abitudini della cultura italiana hanno lasciato un’impronta molto marcata nella mia vita. Per esempio a casa si parla italiano e sono molto importanti le riunioni familiari.

Che percentuale di venezuelano e che percentuale di italiano?
Non dico un 50 percento, ma una buona parte. Le origini italiane hanno influito nel mio sviluppo come persona e sono dettagli che influiscono nel mio modo di essere.

Cosa diresti alla collettività italiana residente in Venezuela?
Che continuino ad appoggiare la Vinotinto e spingerla affinchè si realizzi il sogno ‘mundial’.

Cosa fa Mea Vitali nel suo tempo libero?
I miei giorni trascorrono tranquillamente tra la mia familia e gli allenamenti. Non c’è molta varietà, questa è la vita di un calciatore: la rutine e la disciplina.

Fioravante De Simone

Ultima ora

11:05Maltempo: piena Enza, evacuazioni nel Parmense e Reggiano

(ANSA) - BOLOGNA, 12 DIC - In seguito alle piogge cadute nelle scorse ore, "la piena del fiume Enza ha tracimato" a Lentigione di Brescello, nel Reggiano, dove è "in corso l'evacuazione del paese". E' quanto si legge in una nota dell'Aipo, l'Agenzia Interregionale per il fiume Po. A causa della situazione dell'Enza, spiega una nota della Prefettura di Parma, "a scopo cautelativo sono in corso le operazioni di evacuazione dell'abitato di Casaltone", frazione di Sorbolo, nel Parmense. Tutti i fiumi principali del Parmense, ossia l'Enza, il Taro e il Torrente Parma, "hanno superato il livello '3', il massimo grado della scala di allarme. Anche la piena del Baganza ha superato il livello '3'". Secondo l'Aipo, "la piena del Parma è stata durante la notte in buona parte trattenuta nella cassa di espansione di Marano, dove sono state azionate le paratoie, ma la portata di notevoli dimensioni sta causando criticità a Colorno" dove "il ponte storico è chiuso. Anche la piena del Taro ha causato alcuni allagamenti nell'area Cepim".(ANSA).

11:03Calcio: tour rassegna su Paolo Rossi, tappa a Vicenza

(ANSA) - VICENZA, 12 DIC - Vicenza è stata scelta come settima tappa del tour mondiale "Paolo Rossi - Great Italians Emotions", la mostra ufficiale su "Pablito" e sull'Italia campione del mondo '82. La mostra itinerante verrà inaugurata sabato prossimo per poi restare aperta sino all'8 gennaio 2018, con ingresso gratuito al pubblico. Vicenza, città rimasta in modo indelebile nel cuore del grande campione che qui è esploso a livello calcistico e dove ha abitato per molti anni una volta lasciato il calcio, è stata inevitabilmente scelta dall'organizzazione dell'evento tra le 18 tappe mondiali previste nell'ambito del tour in tutto il mondo, che si concluderà nel 2020. Anche nel capoluogo berico i visitatori avranno modo di ammirare una straordinaria raccolta di cimeli unici vinti da "Pablito", dal Pallone d'oro alla Scarpa d'oro, ma anche video installazioni, fotografie, articoli, filmati, oggetti, maglie e ricordi.

10:55Maltempo: esondato Serchio a Borgo Mozzano, chiusa ss 12

(ANSA) - BORGO A MOZZANO (LUCCA), 12 DIC - Nel corso della notte il fiume Serchio è esondato nel territorio di Borgo a Mozzano (Lucca), provocando la chiusura della statale 12 del Brennero. La situazione è poi tornata alla normalità: non c'è più acqua in strada ma la statale è ancora chiusa, per le operazioni di pulizia, tra le località di Ponte Pari e Chifenti. In particolare, come si spiega dalla protezione civile di Lucca che ha monitorato la situazione tutta la notte, con l'innalzamento dei livelli del fiume l'acqua è fuoriuscita dalle bocchette invadendo la sede stradale. Nella zona, si spiega ancora, ha smesso di piovere.Tre famiglie sono state evacuate dalle loro abitazioni che hanno subito danni al tetto per il forte vento a Dicomano, nel Fiorentino. Un'altra persona ha dovuto lasciare la sua casa minacciata da un grosso pino pericolante a Firenzuola, in località Pietramala. In entrambi i casi sono intervenuti i vigili del fuoco.

10:53Atletica: Atleticom we run Roma a -20

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - È iniziato il conto alla rovescia per gli amanti del runninig, pronti a esibirsi il 31 dicembre nel consueto appuntamento podistico con l'Atleticom we run Rome, giunta alla 7/a edizione. La corsa su strada competitiva si disputerà sulla distanza dei 10 km, quella non competitiva sui 5. E' la manifestazione fiore all'occhiello dell'Atleticom Asd. L'edizione 2016 ha certificato lo straordinario successo, con oltre 10.000 iscritti. A tagliare per primo il traguardo nella We run Rome 2016 fu l'atleta del Burundi, Olivier Irabaruta, che superò in volata il grande favorito della vigilia, Stanley Biwott, il keniano già trionfatore nella maratona di New York. In campo femminile si registrò un'altra sorpresa: la vittoria della francese Cassandre Beaugrande, classe 1997, davanti all'azzurra Valeria Straneo. Anche quest'anno verranno ripercorsi i luoghi più ricchi di storia e di fascino della Capitale. Le iscrizioni si potranno effettuare fino al 30 dicembre, online sul portale www.werunrome.com.

10:52Droga: Gdf sequestra elicottero che trasportava cocaina

(ANSA) - CAGLIARI, 12 DIC - C'è anche un elicottero "Alouette", che veniva utilizzato per trasportare la cocaina dal continente alla Sardegna, tra i 500mila euro di beni sequestrati dalla Guardia di finanza di Cagliari a Loris Sabatucci, 41 anni, emiliano. L'uomo, secondo quanto accertato dagli investigatori, era coinvolto nel traffico di droga smantellato proprio dalla Finanza nel luglio scorso con il sequestro di 11,5 chili di cocaina e l'arresto di tre persone. Sarebbe stato proprio lui a fornire l'elicottero per trasportare la cocaina in Sardegna. "L'impiego del mezzo aereo doveva servire per evitare i controlli operati dalle Fiamme gialle negli scali portuali ed aeroportuali, ordinarie ed obbligate vie di comunicazione con il continente - spiegano dalla Guardia di finanza - ma le incisive e complesse attività investigative hanno vanificato questa 'nuova frontiera' criminale, individuando l'elicottero adibito all'illecito trasporto, atterrato e decollato, non autorizzato, fuori da sedimi consentiti". Proprio sul 41enne emiliano si sono concentrate le attività investigative condotte dal Gico della Finanza di Cagliari e in particolare una serie di verifiche patrimoniali che oggi hanno portato al sequestro preventivo di beni per 500mila euro, tra i quali, oltre all'elicottero, schermato tramite un trust registrato nello stato americano del New Mexico, tre auto e quote di due società di capitali, peraltro fraudolentemente intestate a prestanome. Il provvedimento d'urgenza è stato emesso perché tre settimane fa il 41enne è stato arrestato in provincia di Pavia in quanto coinvolto nel contrabbando di sigarette. L'uomo, assieme a due moldavi, aveva creato una fabbrica di sigarette di contrabbando. Sono state sequestrate 35 tonnellate di "bionde". (ANSA).

10:49Basket: Nba, vola Houston in testa, inatteso ko per Boston

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Vincono ancora i Rockets, per loro decimo successo di fila, e consolidano il primato nella Western Conference. Nella notte Nba si sono giocate sei partite e la formazione di Houston ha superato con il punteggio di 130.123 i New Orleans Pelicans, con il solito Harden a fare da padrone sotto canestro, con 26 punti e 17 assist. Vittoria anche peri campioni in carica, dei Golden State Warriors che passano contro Portland con il punteggio di 111-104 e inseguono da vicino i battistrada. Ancora una grande serata per Damian Lillard del Portland, che mette a segno ben 39 punti. Fra gli altri risultati della nottata va segnalata la sconfitta inattesa dei Boston Celtics per 108-85 sul campo dei Chicago Bulls. I Clippers, ancora senza Gallinari infortunato, hanno battuto i Raptors di Toronto per 96-91. Infine due sconfitte casalinghe, per Memphis a opera di Miami per 107-82 e per Oklahoma battuto dagli Hornets 116-103. (ANSA).

10:39Maltempo: acqua alta a Venezia, 102 cm sul medio mare

(ANSA) - VENEZIA, 12 DIC - Acqua alta stamane a Venezia, dove la punta massima di marea sul medio mare ha raggiunto i 102 cm alle 6.15 secondo le rilevazioni del centro previsioni maree del comune. Con questo livello - marea sostenuta pari a codice 'giallo' - è stato interessata la parte più bassa del suolo cittadino a partire da piazza San Marco. Le prime previsioni della giornata davano una massima di marea a 105 centimetri, poi il vento di scirocco che ha interessato la città per tutta la notte, è calato facendo ridurre l'altezza dell'acqua rispetto al medio mare.

Archivio Ultima ora