E’ morto Manganelli, “un vero servitore dello Stato”

Pubblicato il 20 marzo 2013 da redazione

ROMA  – Lo scorso 24 febbraio il ricovero d’urgenza all’ospedale San Giovanni di Roma per l’asportazione di un edema cerebrale. Da allora il capo della polizia, Antonio Manganelli, non ha più lasciato il reparto di rianimazione. Le sue condizioni si sono ulteriormente aggravate negli ultimi giorni e ieri mattina si è spento. Aveva 62 anni. Negli ultimi anni aveva lottato contro un tumore che lo aveva portato a passare alcuni mesi negli Stati Uniti per curarsi.

Unanimi i riconoscimenti al suo operato. Le massime istituzioni, la politica tutta, hanno reso omaggio al ”servitore dello Stato”. in ospedale si sono susseguite le visite dei vertici della sicurezza italiana. La polizia si è stretta commossa attorno al suo capo, vegliato dalla moglie Adriana e dalla figlia ventenne Emanuela. Oggi sarà allestita la camera ardente alla Scuola superiore di polizia. Sabato alle 11 il funerale a Roma, nella basilica di Santa Maria degli Angeli.

Manganelli – avellinese – è stato nominato al vertice della polizia il 25 giugno del 2007, dal governo Prodi. Ha preso il posto di Gianni De Gennaro, amico e collega con cui ha condiviso passi importanti della sua carriera. E proprio De Gennaro – ora sottosegretario con delega all’intelligence – è rimasto tutta la mattinata in ospedale a fianco dei familiari del prefetto. Presenti anche il comandante dei Carabinieri, generale Leonardo Gallitelli e quello della Guardia di finanza, generale Saverio Capolupo. Oltre naturalmente ai suoi vice, il vicario Alessandro Marangoni, Francesco Cirillo e Matteo Piantedosi. Sono passati per l’ultimo saluto anche due ex stretti collaboratori del capo, Francesco Gratteri e Gilberto Caldarozzi, condannati definitivamente per le violenze del G8 di Genova.

Commossa nel suo ricordo il ministro dell’Interno Annamaria Cancellieri.

– Gli sono debitrice – spiega – per la leale collaborazione che mi ha dato e per il grandissimo e disinteressato aiuto che mi ha offerto in questo lavoro che per me era assolutamente nuovo. Era un numero uno. Non solo per il fiuto da poliziotto, non solo per la capacità di dirigere l’imponente macchina alla quale tutti i cittadini italiani affidano la propria sicurezza, non solo per la solida e democratica dedizione che ha saputo mettere al servizio dello Stato. Era un numero uno soprattutto per le qualità morali che erano parte integrante di tutte le cose che ha fatto. Ed è stato d’esempio per tutti noi per il coraggio, la forza e l’orgoglio con cui ha affrontato il lungo calvario della malattia che lo ha portato a lasciarci.

Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, impegnato nelle consultazioni, ha chiamato il ministro Cancellieri chiedendole di rappresentare prontamente alla famiglia del prefetto i suoi sentimenti di solidarietà e all’intera amministrazione della Pubblica sicurezza il suo partecipe cordoglio.

Per il premier Mario Monti, ”nonostante la lunga malattia, il prefetto Manganelli è sempre stato un esempio di servitore dello Stato, una guida autorevole e aperta al dialogo, anche nelle situazioni più difficili”. Addolorato il presidente del Senato.

– Per me – ha detto Pietro Grasso – è scomparso non solo un eccezionale servitore dello Stato, ma anche un amico e una persona con la quale ho avuto modo di collaborare più volte nel corso della mia carriera all’interno della Magistratura.

Ultima ora

12:37Comune trapanese cura gatto malato di Aids, ed è polemica

(ANSA) - PALERMO, 14 DIC - E' polemica a Campobello di Mazara (Tp) per la spesa che il comune ha sostenuto per curare un gatto randagio affetto dall'Aids felino. Costo per l'assistenza 2.120 euro. Il 30 dicembre 2016 l'animale malato fu segnalato alla polizia municipale da un cittadino. Gli agenti lo fecero visitare a un veterinario. Poi il trasporto alla clinica San Vito di Mazara del Vallo. Da lì è iniziato l'iter d'assistenza per capire la patologia: le analisi del sangue, quelli specifici contro i virus e la diagnosi. Per il gatto, riporta il Giornale di Sicilia, è iniziata la cura farmacologia. "Nel centro il felino è rimasto dal 30 dicembre 2016 al 28 febbraio scorso - spiega Giuliano Panierino, comandante della polizia municipale - poi, è rimasto ancora lì sino al 7 aprile prima che un' associazione, lo adottasse". La determina di spesa ha scatenato le critiche del gruppo Io amo Campobello. "L' urgenza dell'intervento non ci ha consentito di coinvolgere l'Asp", replica Panierino. (ANSA).

12:21Moschea Firenze nascerà su terreno venduto dalla Diocesi

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - Una nuova moschea nascerà su un terreno nel comune di Sesto Fiorentino (Firenze), attualmente di proprietà della curia di Firenze. La notizia, anticipata oggi dal quotidiano La Nazione, è confermata da una nota congiunta di Comune di Sesto, Arcidiocesi di Firenze, Università di Firenze e Associazione per la Moschea di Firenze. L'operazione potrebbe dunque rappresentare una soluzione all'annosa questione della ricerca di un terreno su cui far sorgere il luogo di culto islamico, risoltasi per ora negativamente quanto a disponibilità di siti nel territorio comunale di Firenze. Un protocollo d'intesa che sarà firmato venerdì prevede che l'Arcidiocesi, ceda a titolo oneroso la proprietà dell'area alla Comunità musulmana della provincia di Firenze affinché possa realizzarvi una moschea e un centro culturale islamico. Contestualmente l'Arcidiocesi otterrà, a titolo oneroso, un altro terreno di proprietà dell'Università nell'area del Polo scientifico di Sesto sul quale realizzare un centro religioso.

12:17Somalia: bilancio attentato sale a 17 morti

(ANSA) - MOGADISCIO, 14 DIC - E' salito a 17 morti e oltre 20 feriti il bilancio di un attentato suicida rivendicato dagli Shabaab a Mogadiscio, in Somalia.

12:04Migranti: Ungheria, bene Tusk su quote obbligatorie

(ANSA) - BRUXELLES, 14 DIC - "Tusk ha detto la verità sulle quote obbligatorie" per le relocation dei richiedenti asilo. Lo ha detto il ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjarto all'agenzia di stampa magiara Mti. "Finalmente un leader europeo serio, il presidente del Consiglio europeo, che è la posizione numero uno dell'Ue - afferma Szijjarto - ha detto una verità già ampiamente conosciuta. Le quote obbligatorie sono inefficaci e divisive. La migrazione illegale deve essere fermata. Alcuni burocrati di Bruxelles continuano ad organizzarla".

12:00Russia: Putin, correrò alle elezioni da indipendente

(ANSA) - MOSCA, 14 DIC - Vladimir Putin si candiderà da indipendente alle prossime elezioni. Lo ha rivelato durante la conferenza stampa di fine anno. "Conto - ha detto - di avere il sostegno di tutte quelle forze politiche che hanno a cuore lo sviluppo del nostro paese e, naturalmente, anche del popolo russo".

11:49Sci: da Uni l’abc sicurezza sulla neve

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Con la stagione sciistica alle porte e in attesa delle grandi nevicate gli amanti degli sport invernali si preparano ai weekend e alle vacanze sulla neve. Con più di 2.300 impianti di risalita, circa 300 stazioni sciistiche di rilievo con 7.800 km di piste da sci alpino e 13.400 km di piste da fondo che ospitano ogni anno oltre 3,5 milioni di sportivi l'Italia rappresenta una destinazione molto gettonata dagli amanti della neve. Per chi pratica sport invernali diventa fondamentale osservare alcune norme di sicurezza: sicurezza che riguarda le attrezzature impiegate (caschi, occhialoni, sci, attacchi, scarponi …) che devono essere a norma, il comportamento adeguato che si deve mantenere sulle piste e la segnaletica. Ecco perché UNI - anche quest'anno - ha pubblicato una nuova edizione della guida "Neve in pista… casco in testa". Novità dell'edizione di quest'anno è la nuova norma UNI EN 16716 "Sistemi di airbag da valanga - Requisiti di sicurezza e metodi di prova".

11:44Mafia: perquisizioni a fiancheggiatori Messina Denaro

(ANSA) - PALERMO, 14 DIC - Duecento agenti della Squadra Mobile di Palermo e dello Sco stanno effettuando decine di perquisizioni nella zona di Castelvetrano, in provincia di Trapani, paese del boss latitante Matteo Messina Denaro. Il blitz è coordinato dalla dda di Palermo. Le perquisizioni sono in corso nelle abitazioni di una trentina di fiancheggiatori del capomafia, tutti indagati per favoreggiamento.

Archivio Ultima ora