Gli italiani lavorano piú dei tedeschi ma… producono molto meno

Pubblicato il 22 marzo 2013 da redazione

CERNOBBIO – In Italia si lavora molto di più che in Germania. Secondo il rapporto dell’Ufficio Studi di Confcommercio presentato a Cernobbio nel 2011, ultimo anno per il quale sono disponibili rilevazioni omogenee, gli italiani hanno lavorato in media 1.774 ore a testa, il 26% in più dei tedeschi e il 20% in più dei francesi. E chi piu’ lavora in Italia è chi si è messo in proprio: un dato forse scontato, ma non in queste dimensioni. Secondo Confcommercio chi ha un’occupazione indipendente lavora quasi il 50% in più del lavoratore medio. I lavoratori indipendenti, autonomi o professionisti hanno lavorato quasi il 50% in più del lavoratore dipendente: in cifre, 2.338 ore contro 1.604. E’ come dire tre mesi in più, compresi sabati e domeniche. Ma producono poco. Il problema tutto italiano è quello della produttività. In media, ogni lavoratore italiano produce una ricchezza pari circa a 36 euro per ogni ora lavorata.  Rispetto a noi, i tedeschi producono il 25% in più e i francesi quasi il 40% in più. E mentre negli altri Paesi la produttività oraria è cresciuta nel tempo (tra il 2007 e il 2011, del 20% in Germania, in Francia anche di più, in Spagna dell’11% circa) in Italia questo fenomeno si è verificato in modo molto marginale (solo il 4% rispetto al 2007).

G.T.

Ultima ora

09:57Inchiesta su Protezione civile Calabria, 4 arresti

(ANSA) - CATANZARO, 26 APR - Un funzionario della Protezione civile della Regione Calabria e tre imprenditori sono stati arrestati dalla Guardia di finanza e dalla Dia di Reggio Calabria con l'accusa di truffa aggravata ai danni dello Stato. Gli arresti sono stati eseguiti nell'ambito di un'inchiesta condotta dalla Procura della Repubblica di Catanzaro. L'indagine ha anche portato ad un sequestro di beni per oltre 250 mila euro. Secondo quanto si è appreso, il funzionario coinvolto nell'inchiesta è stato portato in carcere, mentre i tre imprenditori sono stati posti ai domiciliari. L'inchiesta che ha portato agli arresti potrebbe essere partita, anche se al momento mancano conferme ufficiali, dalle denunce presentate nei mesi scorsi, subito dopo il suo arrivo alla guida del settore, dal responsabile della Protezione civile regionale, Carlo Tansi, che aveva riferito di avere scoperto illeciti nella gestione del comparto.(ANSA).

09:51Agguato a Bari, ucciso netturbino 50enne

(ANSA) - BARI, 26 APR - Un uomo, Amedeo Michele, di 50 anni, incensurato, operatore ecologico, è morto dopo essere stato ferito da persone non ancora identificate, con colpi d'arma da fuoco. L'agguato è avvenuto a Bari ieri sera a tarda ora in via Fazio, nel quartiere San Paolo, ora nei pressi dell'Amiu, azienda di raccolta dei rifiuti urbani dove l'uomo lavorava. Soccorso dagli operatori 118 è morto dopo un'ora dal ricovero. L'uomo sarebbe stato affiancato da un'automobile dalla quale i sicari avrebbero sparato. Indagini sono in corso da parte degli agenti della squadra mobile della questura di Bari.

09:44Spazio: Cina tratta con Esa collaborazione base lunare

(ANSA) - PECHINO, 26 APR - La Cina sta discutendo l'ipotesi di collaborare con player internazionali, inclusa l'European Space Agency (Esa), alla costruzione di una base sulla Luna. Lo ha reso noto il segretario generale dell'Agenzia spaziale cinese (Cnsa) Tian Yulong, nel resoconto dei media locali, senza fornire altri dettagli. L'Esa ha lanciato il progetto 'Moon Village', descritto come possibile base internazionale da cui far partire le future spedizioni per Marte.

09:40Trump: Conway, legge spesa non prevederà fondi muro

(ANSA) - ROMA, 26 APR - Lo stanziamento dei fondi necessari per l'avvio della costruzione del muro al confine tra Stati Uniti e Messico non sarà previsto nella legge di spesa che dovrà essere approvata entro venerdì: lo ha detto alla Fox News la consigliera del presidente americano Donald Trump, Kellyanne Conway, sottolineando comunque che il progetto resta una "priorità molto importante" per l'amministrazione.

09:27Mercante d’arte denuncia il furto di due quadri da 27milioni

(ANSA) - MONZA, 26 APR - Un mercante d'arte, italiano ma residente all'estero, ha denunciato di essere stato truffato e derubato di due quadri, un Rembrandt e un Renoir, per un valore totale di circa 27 milioni di euro, la scorsa settimana a Monza. Secondo quanto riferito da Il Giorno, dopo essersi accordato con due sedicenti facoltosi uomini d'affari di origine ebrea, con i quali ci sarebbero stati diversi contatti preliminari, il mercante d'arte ha raccontato di essersi presentato con le due opere in un ufficio affittato a Monza dai due compratori, proprio per chiudere la trattativa. Sulla dinamica ci sono alcuni dettagli ancora da chiarire ma, durante l'incontro finale per l'acquisto, i due truffatori sarebbero riusciti a fuggire con i due quadri. Sulla vicenda indagano i carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Monza.

07:56Due operai morti su ferrovia Bolzano-Brennero

(ANSA) - BOLZANO, 26 APR - E' di due operai morti e tre feriti il bilancio di un incidente ferroviario avvenuto la scorsa notte sulla linea del Brennero a Bressanone. Nell'incidente, poco prima della mezzanotte, sono stati coinvolti due mezzi tecnici di una ditta esterna che stava svolgendo dei lavori, uno dei quali - precisa il 118 - ha preso fuoco. Due operai sono morti sul colpo, altri tre sono stati ricoverati con ferite gravi agli ospedali di Bolzano e Bressanone. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, la Croce bianca, la polizia e i carabinieri. L'incidente - ha precisato Rfi - è avvenuto alle 23.55 di ieri sera tra due mezzi tecnici, una rincalzatrice e una profilatrice, di proprietà della ditta Rossi G.C.F., che sta svolgendo dei lavori sulla linea ferroviaria. La circolazione dei treni è sospesa tra Fortezza e Bressanone ma è stato attivato un servizio sostitutivo con autobus tra Brennero e Bolzano. Rfi ha già attivato un'inchiesta per stabilire le cause dell'accaduto

06:30Cina: vara seconda portaerei, prima ‘made in China’

(ANSA) - PECHINO, 26 APR - La Cina ha varato questa mattina la sua seconda portaerei, la prima 'made in China' e costruita nei cantieri di Dalian, provincia nordorientale del Liaoning. La nuova unità è stata trasferita in acqua alle 9:00 (le 3:00 in Italia) con una cerimonia agli impianti di China Shipbuilding Industry Corp. La portaerei, scrive l'agenzia Nuova Cina, segue la Liaoning, prima unità del suo genere della Marina cinese sviluppata da uno scafo di portaerei di fabbricazione sovietica, comprata dall'Ucraina ed entrata in servizio nel 2012.

Archivio Ultima ora