Corea del nord, ennesima provocazione: chiuso Kaesong

Pubblicato il 03 aprile 2013 da redazione

TOKYO  – Le turbolenze all’altezza del 38/mo parallelo salgono a nuovi livelli di guardia, evocando venti di guerra sempre più forti. La Corea del Nord ha infatti chiuso ai lavoratori del Sud il distretto industriale ”a sviluppo congiunto” di Kaesong, esaurendo in pratica tutti i possibili attacchi verbali e non militari e aprendo la porta, qualora volesse fare ulteriori passi, a provocazioni ”ancora più concrete”, come fanno notare esperti della materia. Gli Usa hanno risposto annunciando l’invio del sistema di difesa missilistico Terminal High-Altitude Area Defense battery nella sua base di Guam.

L’ingresso dei lavoratori del Sud al distretto di Kaesong è stato sospeso ieri mattina. La portata della notizia si riassume nel tono usato dai media di Seul, tv in testa, decisamente di stupore e sorpresa verso uno scenario più volte minacciato dal Nord, ma mai attuato nel decennio di vita del più riuscito esempio della cooperazione tra i due Paesi. Non a caso, con l’impennata della tensione, il ministro della Difesa di Seul, Kim Kwan-jin, ha assicurato l’esame di tutte le opzioni possibili, anche di quella militare nel caso di scenario peggiore, qualora la sicurezza dei propri lavoratori nell’enclave nordcoreano dovesse risultare a rischio.

E ieri in serata, dopo che il segretario alla Difesa Usa Chuck Hagel aveva affermato che le minacce nucleari di Pyongyang costituiscono un ”pericolo grave e reale”, il Pentagono ha comunicato che nelle ”prossime settimane” sara’ inviato e dispiegato a titolo ”precauzionale” a Guam (una delle principali basi americane nel Pacifico) un avanzato sistema di difesa missilistico, denominato THAAD.

Dure anche le critiche da Cina e Russia. Pechino ha espresso ”seria preoccupazione” e condannato tutte le ”azioni e le parole provocatorie” che minacciano ”la pace e la stabilità nella penisola coreana e nella regione”. Mosca ha definito ”esplosiva” la situazione. E la Francia ha chiesto una riunione del Consiglio di sicurezza dell’Onu. I margini d’azione della Cina, tra la necessità di frenare l’imprevedibile alleato e di evitare il collasso del regime del ‘giovane generale’ Kim Jong-un, sembrano sempre più sotto pressione.

Lo scontro intercoreano ha abbattuto ”la barriera psicologica che nessuno pensava potesse essere superata”, ha detto all’Ansa un’autorevole fonte vicina alle complicate vicende della penisola, parlando di ”oggettiva criticità”. Pur nella diversità delle posizioni, spesso antitetiche, c’e’ sempre stata una base tacitamente ritenuta comune, motivo di dialogo nel rispetto del disgelo dei rapporti avviato con lo storico vertice del 2000 a Pyongyang, tra il ‘caro leader’ Kim Jong-il e il presidente sudcoreano Kim Dae-jung.

Finora, il distretto di Kaesong non era stato tirato in ballo nello scontro in modo tanto violento anche perchè, hanno detto altre fonti, ”tutti gli avvertimenti possibili” del Nord, incluse minacce di guerra nucleare e rafforzamento delle armi atomiche, si sono pressochè esauriti: i prossimi eventuali passi potrebbero essere provocazioni ”di tipo più pratico”. Prima del blocco dei visti, a Kaesong risultavano esserci 861 sudcoreani: questa mattina, nei piani originari, 484 lavoratori e 371 veicoli di Seul avrebbero dovuto raggiungere il distretto. A fine giornata, ha riportato l’agenzia Yonhap, solo 33 hanno avuto il permesso di partire facendo scendere a quota 822 il numero complessivo di lavoratori nel complesso. Il calo drastico dei rientri, rispetto ai 466 ipotizzati, è legato alle esigenze delle 123 aziende attive di garantire operatività. Tuttavia, il problema della loro sicurezza è il primo nella scala delle priorità del governo di Seul, perchè il timore mal dissimulato è che, con un altro colpo di mano o un’ipotesi di incidente, possano trasformarsi in possibili ostaggi. In una dichiarazione, il ministero dell’Unificazione ha messo in guardia Pyongyang: se persiste nel suo atteggiamento, ”deve essere consapevole delle ripercussioni delle sue azioni sulle relazioni intercoreane e sulle critiche e sull’isolamento dalla comunità internazionale”. Pertanto, l’unica via d’uscita è la revoca ”immediata” delle restrizioni. Tra poche ore la verifica sull’accettazione o meno del ‘consiglio’.

Ultima ora

15:14Banche: Casini, impatto Boschi su tema sarebbe irrilevante

(ANSA) - BOLOGNA, 16 DIC - "Diciamo la verità: se non fossimo in campagna elettorale l'impatto della signora Boschi e della sua famiglia sul tema che riguarda centinaia di migliaia di risparmiatori sarebbero del tutto irrilevanti, ma siamo in campagna elettorale e si fa polemica politica". Lo ha detto a margine di un incontro dei centristi per l'Europa di Bologna il presidente della Commissione sulle banche Pier Ferdinando Casini."Mi scandalizzo? Sono troppo anziano per scandalizzarmi - risponde - però questo non riguarda la commissione banche...".

15:10Donna vegliata da figlio: autopsia esclude omicidio

(ANSA) - GENOVA, 16 DIC - Esclusa l'ipotesi di omicidio per la morte di Giovanna Pedori, la donna di 78 anni morta e vegliata per una settimana nel letto di casa dal figlio di 47 anni. L'esame autoptico svolto dal medico legale Marco Salvi ha accertato che la donna non è stata uccisa: sul suo corpo non sono state trovate contusioni o ferite compatibili con l'ipotesi dell'aggressione da parte del figlio o di un'altra persona. I lividi al collo, che per il medico che ha svolto il primo sopralluogo potevano essere spiegati con uno strangolamento, sono risultati essere superficiali. La donna, ha spiegato Salvi ai carabinieri della compagnia di San Martino, probabilmente è morta a causa di un malore che le ha fatto perdere i sensi e cadere sbattendo la testa contro un mobile. L'esame autoptico ha dunque confermato quanto detto dal figlio della donna: l'uomo, che soffre di disturbi psichici, pur molto confuso e provato, aveva riferito che la madre era caduta e lui l'aveva adagiata sul letto.

14:36Ucciso per un pettegolezzo, un arresto nel Reggiano

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 16 DIC - Tutto sarebbe nato da un pettegolezzo: aveva detto che sua moglie era molto più bella di lui. Per fargliela pagare hanno escogitato un tranello, portato avanti per otto mesi, per attirarlo nel luogo dove poi lo hanno ucciso a Fabbrico, nel Reggiano, tre anni fa. I carabinieri hanno arrestato un pakistano di 38 anni, accusato di aver ucciso un connazionale di 20. E' l'evoluzione dell'inchiesta che aveva già portato nel maggio scorso, al fermo di un altro pachistano, accusato di aver illuso la vittima con un falso profilo Facebook, di una ragazza benestante con cui fuggire in cerca di una vita più felice e lontano dai vincoli delle proprie tradizioni. Il ventenne era stato seviziato, ucciso e sotterrato la notte di San Valentino di tre anni fa. Il suo corpo, in stato di decomposizione, era stato trovato casualmente solo tre mesi dopo nel corso di lavori in un cantiere. (ANSA).

14:15Capotreno aggredito, fermati 4 minorenni

(ANSA) - PISA, 16 DIC - Quattro minorenni lucchesi sono stati fermati stamani dalla polfer alla stazione di Pisa dopo avere aggredito un capotreno che era intervenuto in soccorso di una ragazza infastidita dai quattro ragazzi a bordo di un treno regionale della linea Pisa-Lucca. Secondo quanto si è appreso, una volta giunti in stazione i giovani hanno letteralmente pestato il capotreno e reagito con violenza anche all'intervento della polizia: sia il dipendente di Trenitalia sia due agenti sono rimasti feriti e trasportati al pronto soccorso. I contorni dell'episodio, avvenuti intorno alle 11, sono ancora in fase di ricostruzione: i quattro minorenni si trovano all'interno degli uffici della polizia ferroviaria che sta ancora valutando i provvedimenti da prendere e le contestazioni di reato necessarie. L'aggressione è avvenuta davanti a decine di passeggeri e il 118 ha inviato sul posto almeno tre ambulanze mentre anche la polizia di stato ha inviato pattuglie a supporto degli agenti della polfer preventivamente avvertiti dal capotreno che poi è stato aggredito e che ha riportato ferite piuttosto serie.(ANSA).

14:12Sci: Goggia seconda e felice, “è scattato un click”

(ANSA) - VAL D'ISERE (FRANCIA), 16 DIC - "Sono riuscita finalmente a pensare solo a me stessa, a concentrarmi sulle cose giuste da fare e a sciare bene, senza sentirmi addosso pressioni: è scattato un click": sono state queste le prime parole della numero uno delle sciatrici azzurre, Sofia Goggia, tornata oggi sul podio, il 14/o in carriera, del SuperGigante di Val d'Isere.

14:10Calcio: Pescara, Zeman “l’1 settembre mi ero dimesso”

(ANSA) - PESCARA, 16 DIC - "L'1 settembre scorso mi ero dimesso da allenatore del Pescara perché c'erano troppi giocatori in rosa, 42. Non erano arrivati i calciatori che avevo richiesto. Poi sono stato convinto a restare dalla società". La clamorosa notizia è stata rivelata dallo stesso tecnico biancazzurro Zdenek Zeman questa mattina nel corso della consueta conferenza stampa per la presentazione della gara di domani all'Adriatico (ore 17.30) con il Novara. Il boemo ha poi parlato dei rapporti con il patron Sebastiani: "Con il presidente mi trovo bene a tavola. Calcisticamente abbiamo delle idee diverse. Il rapporto con lo spogliatoio? I giocatori cercano un allenatore amico. Io sono venuto qui a Pescara per lavorare".

14:05Calcio: Serbia,in carcere teppisti croati per violenze derby

(ANSA) - BELGRADO, 16 DIC - Un tribunale di Belgrado ha disposto la detenzione per 30 giorni a carico di 5 teppisti croati responsabili dei violenti scontri di mercoledì scorso allo stadio della capitale serba dove si giocava il derby di calcio fra Partizan e Stella Rossa. Un sesto imputato, anch'egli croato, si trova in ospedale. Nell'interrogatorio davanti ai giudici, i 5 hooligan sono rimasti in silenzio. Secondo la stampa belgradese, a organizzare gli incidenti e a pagare il gruppo di teppisti croati per la 'trasferta' a Belgrado -coprendo tutte le spese logistiche e di soggiorno- sarebbe stato Filip Korac, boss criminale alla guida dell'organizzazione cosidetta 'Skaljaski Klan'. Alcuni giornali hanno parlato di 10 mila euro sborsati da Korac per scatenate il caos durante il derby. Una ventina di persone erano rimaste ferite, una in modo grave, negli scontri di mercoledì sera allo stadio del Partizan la cui dinamica resta ancora poco chiara. La polizia ha effettuato in tutto 26 arresti, compresi i sei croati 'agitatori'.

Archivio Ultima ora