I narcos messicani guardano all’Europa

Pubblicato il 12 aprile 2013 da redazione

BRUXELLES. – Corpi squartati. Decapitati. Impiccati ai cavalcavia cittadini. Il terrore dei narcos messicani cerca casa in Europa e punta a creare qui uno dei suoi quartier generali per muovere montagne di capitali illeciti. L’allarme lanciato da Europol agli stati membri è chiaro: occorre il massimo sforzo per contrastare il fenomeno. I tentativi di insediamento dei gruppi di Sinaloa e Los Zetas per diventare protagonisti diretti nella gestione dei mercati della droga nel club dei 27 si stanno facendo preoccupanti. In particolare, un tentativo di infiltrazione del cartello di Sinaloa è stato scongiurato di recente (sull’episodio dall’Aja mantengono il massimo riserbo), ma l’attesa è che i tentativi si intensifichino. Preoccupa ”la loro cultura operativa estremamente violenta”, anche se al momento in Ue solo un numero isolato di episodi di violenza sono stati attribuiti a questi gruppi. ”Non vogliamo che il livello di violenza e brutalitá che vediamo in Messico si ripeta in Europa”, spiega il direttore di Europol Rob Wainwright.

Los Zetas, il gruppo fondato da disertori delle forze speciali dell’esercito messicano e dai militari degli squadroni della morte guatemaltechi, sono noti per la loro estrema ferocia e altrettanto lo sono i loro piú acerrimi avversari, il cartello di Sinaloa, guidato da Joaquin ‘El Chapo’ Guzman, uno degli uomini piú potenti al mondo (tra i primi 60 Paperoni del globo, stando alla classifica della rivista Forbes). Il rischio è quello di una rottura degli equilibri tra i gruppi della malavita, che approfittando anche della crisi economica-finanziaria si sono moltiplicati a dismisura in Ue, fino a raggiungere quota 3600. E laddove – a fronte di questo sovraffollamento – non saranno piú possibili le alleanze (in Italia è forte quella dei narcos con la ‘ndrangheta), il pericolo è lo scatenarsi di guerre.

Un conflitto tra cartelli e polizia che in Messico, in cinque anni di governo dell’ex presidente Felipe Calderón, ha provocato oltre 50mila vittime. E l’allerta di Europol segue solo di una decina di giorni una simile diffusa dalla Dea, l’agenzia federale antidroga Usa, che ha definito la minaccia una delle piú serie per gli Stati Uniti in tema di criminalitá organizzata. Secondo gli 007 Ue, negli ultimi dieci anni i cartelli messicani hanno conquistato un ruolo centrale nel panorama internazionale, coordinando il traffico di cocaina e la produzione e il commercio di droghe sintetiche per i mercati europei e nord americani. Comprano armi nel sud-est Ue e le forniscono a gruppi narco-terroristici come le Farc in Colombia, ottenendone in cambio cocaina. Ma le distribuiscono anche alle gang centroamericane, come la salvadoregna Mara Salvatrucha, per assicurarsi corridoi di passaggio per i loro commerci. Tra i loro principali collaboratori nel club dei 27, le mafie italiane.

 

 

Ultima ora

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

Archivio Ultima ora