Letta: “Ora misure per la crescita”. Merkel: “Ma conti a posto”

Pubblicato il 30 aprile 2013 da redazione

BERLINO – L’Italia ha rispettato gli impegni presi sul fronte dei conti pubblici e continuerá a farlo, ma il nuovo governo, forte di un’ampia maggioranza parlamentare, chiede che ora l’Europa faccia davvero di piú sul fronte della crescita. Altrimenti c’é il serio rischio che l’antieuropeismo emerso nel voto italiano dilaghi nel resto del Vecchio Continente. Il tono con cui Enrico Letta si rivolge ad Angela Merkel é sorprendentemente fermo. E’ la sua prima uscita internazionale, a poche ore dal voto di fiducia incassato in Senato. Eppure il presidente del Consiglio non va tanto per il sottile, costringendo la cancelliera a ripetere, quasi come fosse una giustificazione, che non c’é ”contraddizione” fra rigore e sviluppo.

Letta e Merkel arrivano nella sala delle conferenze stampa della Cancelleria al termine di una ventina di minuti di faccia a faccia. Frau Angela dá il benvenuto al neo-premier, complimentandosi per quanto fatto e dicendosi sicura che lavorerá per il bene dell’Italia e dell’Europa. Poi ribadisce la sua linea:

– Il consolidamento di bilancio e la crescita sono due facce della stessa medaglia: senza il primo non si può avere il secondo e viceversa. Letta ringrazia per il benvenuto, ma fa subito capire che non è venuto a Berlino solo per farsi immortalare davanti al picchetto d’onore. Dopo il voto di fiducia ottenuto al mattino, il Paese esce ”forte” da due mesi di ”faticosa crisi”, premette con piglio deciso. L’Italia, aggiunge, ”ha fatto la sua parte” e il governo continuerà a rispettare gli impegni presi, proseguendo con politiche di ”risanamento dei conti pubblici”. Ma il governo, aggiunge, si è anche impegnato a ridare fiducia a chi ha perso il lavoro e chi è in difficoltà. Perciò ha intenzione di usare ”tutta la forza politica” datagli dal Parlamento per far sì che l’Europa, finalmente, dia quelle risposte che finora non è stata in grado di dare. A suo avviso infatti ”non c’è stata abbastanza Europa” ed ora l’obiettivo è rendere quanto prima possibile operativa l’Unione bancaria, l’unione economica, quella di bilancio e l’unione politica. Un traguardo da raggiungere con una ”forte intesa fra Germania e Italia”.

– Ma – precisa subito – noi non abbiamo nessuna intenzione di dire ai cittadini tedeschi cosa devono fare, così come sappiamo che i cittadini tedeschi non hanno nessuna intenzione di dire cosa dobbiamo fare.

Forse per stemperare queste ultime parole aggiunge scherzoso di voler chiedere ”consulenza” alla cancelliera su come si guida una grande coalizione. Ma le domande dei giornalisti lo riportano subito sulle divergenze: che non riguardano il rigore di bilancio, su cui entrambi concordano, ma le ricette per la crescita.

– Noi non vogliamo un’Europa che consenta di fare debiti – chiarisce Letta, confermando in pieno la linea di Monti nel vertice di Giugno. Per questo il governo non intende chiedere modifiche del Fiscal Compact. Ma pretende che l’Europa, con la stessa determinazione con cui ha imposto il rigore, si adoperi sul fronte della crescita. Non solo applicando le misure già decise, ma varando altre ricette. E magari insistendo sullo scorporo delle spese degli investimenti produttivi nei bilanci.

La Merkel, che in vista delle elezioni deve mostrarsi rigorista in casa ma vuole anche migliorare l’immagine che in Europa hanno di lei, cerca di sdrammatizzare le differenze.

– Non c’è contrapposizione fra rigore e crescita – sottolinea. Arrivando a dire che ”le politiche di bilancio non sono tutto”. Detto ciò, per la cancelliera lo sviluppo si ottiene con le riforme strutturali e la competitività, non con le risorse pubbliche.

Letta, rispondendo ad altre domande, mette sul piatto un altro tema forte: l’antieuropeismo. Le politiche per la crescita, dice, sono necessarie affinchè i cittadini non vedano l’Europa come qualcosa di negativo. Altrimenti, ”come è successo in Italia e altrove, nasceranno dei movimenti politici contro l’Europa”. E in questo senso, è l’avvertimento di Letta alla Merkel, le elezioni italiane non possono essere ”sottovalutate”. Come dice con meno diplomazia Josefa Idem, ministro italiano nato in Germania, secondo la quale ”il risentimento degli italiani nei confronti del rigorismo della Merkel è comprensibile”.

Ultima ora

13:54Germania: Seehofer rieletto a guida Csu con 83,7% voti

(ANSA) - BERLINO, 16 DIC - Horst Seehofer è stato rieletto alla presidenza della Csu bavarese con l'83,7% dei voti. Il risultato di questa elezione, al congresso in corso a Norimberga, è una dimostrazione di tenuta per il leader, dopo la forte perdita subita alle urne del 24 settembre. Due anni fa Seehofer aveva ottenuto l'87,2%.

13:46Calcio: legale Palermo, oggi prima volta che parliamo a pm

(ANSA) - PALERMO, 16 DIC - "Oggi, per la prima volta, abbiamo potuto interloquire con la Procura presentando le nostre ragioni. Siamo molto ottimisti, aspettiamo fiduciosi la decisione del Tribunale". Lo ha detto l'avvocato del Palermo, Francesco Pantaleone, al termine dell'udienza sull'istanza di fallimento della società presentata dalla Procura. "Abbiamo ripercorso quanto scritto nelle memorie - ha spiegato - il fatto di avere avuto un confronto con la Procura è molto importante". Il presidente del Palermo, Giovanni Giammarva, si dice fiducioso: "Speriamo di avere belle notizie a breve. Abbiamo illustrato le nostre ragioni al Tribunale, siamo sicuri dei nostri bilanci. Sono sereno e l'evolversi della situazione ci rende ancora più ottimisti. L'analisi dei documenti ci rende davvero tranquilli".

13:43Nuoto: Europei,Rivolta e Codia tentano il bis in 50 farfalla

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Nelle gare della mattinata ai campionati europei di nuoto in vasca corta, in corso a Copenhagen, hanno confermato il loro grande stato di forma Matteo Rivolta e Piero Codia, qualificandosi agevolmente per le semifinali dei 50 farfalla. Con un occhio alla finale per una possibile doppietta bis, dopo quella dei 100 farfalla dei giorni scorsi. Nei 200 misti Ilaria Cusinato ha vinto la sua batteria in 2'09"91 e guadagnato un posto in finale. In finale anche la 4X50 sl mista (in vasca per l'Italia Zazzeri, Vergani, Pellegrini, Ferraioli): il quartetto azzurro ha fatto il quinto tempo in 1'31"50 ed è passato. Altri responsi delle batterie di oggi: in semifinale Silvia Scalia e Elena di Liddo nei 50 dorso. La stessa Di Liddo e Ilaria Bianchi sono in semifinale anche nella gara dei 100 farfalla.

13:41Igor: ora è caccia alla ‘rete’, decina nomi nel mirino

(ANSA) - BOLOGNA, 16 DIC - Sono una decina i nomi nel mirino degli inquirenti italiani che indagano sull'ipotetica rete di appoggi di 'Igor', il criminale serbo Norbert Feher arrestato in Spagna, dopo una sparatoria con tre morti nella provincia Teruel, in Aragona. La Guardia Civil si è imbattuta in lui casualmente mentre indagava su alcune rapine nella zona. La Procura di Bologna ha chiesto il verbale dell'udienza che si terrà domani in Spagna, dove Norbert Feher comparirà in seguito all'arresto per il triplice omicidio commesso nella zona di Teruel, dove il 14 dicembre sono morti due uomini della Guardia Civil e un allevatore. Il procuratore Giuseppe Amato e il pm Marco Forte si sono attivati attraverso Eurojust e stanno valutando le mosse da compiere nei confronti di 'Igor': anche in base a come si comporterà davanti al giudice spagnolo, decideranno quando sentire l'indagato. L'obiettivo è capire come e quando Feher è riuscito a lasciare l'Emilia per raggiungere la sperduta zona dell'Aragona. (ANSA).

13:36Nuoto: Europei, Dotto show, in semifinale con miglior tempo

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Un grandissimo Luca Dotto ha vinto la sua batteria e fatto il miglior tempo (46"81) nei 100 sl ai campionati europei in vasca corta in corso a Copenhagen. Il campione azzurro si è qualificato per la semifinale della gara regina, e con lui è passato anche Lorenzo Zazzeri (47"). Fuori dalle semifinali invece Marco Orsi, campione in carica, che pure ha vinto la sua batteria e ha fatto il sesto tempo in 47"13. Orsi è stato eliminato per le quote nazionali, e così pure Alessandro Miressi, che aveva segnato il decimo tempo in 47"35. Orsi si è rifatto comunque nei 100 misti, vincendo la sua batteria in 52"13 a un solo centesimo dal record italiano. Dietro di lui Simone Geni, in 52"74. Entrambi vanno in semifinale. In questa gara ha dato forfait all'ultimo momento il primatista del mondo Morozov.

12:58Calcio: Palermo, istanza fallimento, giudice si riserva

(ANSA) - PALERMO, 16 DIC - Il giudice del tribunale di Palermo, Giuseppe Sidoti, si è riservato di decidere sull'istanza di fallimento del Palermo calcio presentata dalla Procura, secondo la quale la società sarebbe insolvente. I pm avevano presentato anche una memoria nei giorni scorsi per rispondere ai rilievi della difesa del Palermo.

12:50Mafia: arrestato boss della ‘società’ foggiana

(ANSA) - FOGGI, 16 DIC - La polizia ha arrestato a Foggia il boss della 'società' foggiana, Federico Trisciuoglio di 64 anni e il figlio Giuseppe, di 40, per provvedimenti di carcerazione emessi dalla Procura Generale di Bari. Sconteranno condanne per estorsione aggravata dal metodo mafioso: il padre è a sette anni di reclusione, il figlio a quasi cinque anni. Federico Trisciuoglio ha già subito condanne per associazione mafiosa nell'ambito dei processi storici alla criminalità organizzata foggiana. La condanna per cui è stato ora riportato in carcere si riferisce alla operazione 'piazza pulita' del 2010 su estorsioni a funzionari dell'azienda municipalizzata Amica (raccolta e smaltimento dei rifiuti), che all'epoca era di proprietà del Comune. Gli Trisciuoglio imponevano le assunzioni anche grazie all'intermediazione di politici locali. Gli assunti venivano pagati anche se non lavoravano e quando funzionari dell'Amica tentarono di contestare queste mancanze, furono minacciati di morte da parte di Federico Trisciuoglio.

Archivio Ultima ora