Paolo Becchi choc: “E’ normale prendere le armi”. Il M5S prende le distanze

Pubblicato il 02 maggio 2013 da redazione

ROMA – ”Prendere le armi”: per quello che fino ad oggi è stato definito l’ideologo dei Cinque Stelle, professore di filosofia del diritto all’Università di Genova, attivista, sostenitore e plurintervistato dalla Web Tv del Movimento, non sarebbe ”una follia”. Non lo sarebbe, arriva a sostenere, nel caso in cui i partiti intentassero contro il Movimento un ”golpettino istituzionale”. E sarebbe addirittura giustificato, azzarda, di fronte alla ‘grave provocazione’ di nominare il direttore generale di Bankitalia al ministero dell’Economia. Parole farneticanti che riportano alla crudezza degli anni di piombo e dei loro folli ‘cattivi maestri’. E che ovviamente provocano lo sdegno di tutti e nette prese di distanza dei parlamentari Cinque Stelle. I quali chiariscono: con lui non hanno nulla a che fare

Il ”professor Becchi non è un ideologo del M5S, si tratta semmai di un’etichetta attaccata al personaggio sulle cui posizioni deputati e senatori non si riconoscono affatto”. ”Il M5S è contro la violenza e pacifico. Quella è un’idea sua” mette in chiaro anche il vicepresidente M5S della Camera Luigi Di Maio. L’idea di Becchi è quanto mai contorta e la esprime in diverse interviste rilasciate nella giornata che segue l’attacco di Grillo contro i festeggiamenti del Primo Maggio: lo ”stanco rito assolutorio dei responsabili, dei sindacati complici”.

Nulla, però, in confronto a quello che Becchi riesce a dichiarare oggi. E cioe’: ”Se qualcuno tra qualche mese prende i fucili non lamentiamoci, abbiamo messo un altro banchiere all’economia. Non so quanto il movimento possa frenare la violenza della gente, che è nella natura delle cose”.

Il messaggio è fuori di metafora e se ci fosse qualche dubbio, Becchi chiarisce: ”se ai 5 Stelle saranno negate le presidenze delle commissioni di garanzia sarà un ‘golpettino istituzionale”’ e, a quel punto ”non è follia pensare che uno possa prendere le armi”. E ancora: ”le rivoluzioni non sono sempre pranzi di gala e quando la situazione diventa esplosiva nella storia abbiamo avuto esempi di questo genere. Abbiamo un presidente rieletto che neanche in Venezuela..”. Frainteso?

Lui prova a difendersi: ”domani si leggerà sicuramente che Becchi inneggia alla rivolta armata”. Ma quella, sostiene, è ”mistificazione dei grandi giornali”. Per fortuna, aggiunge, c’è la Rete: senza di quella ”il movimento si sarebbe già esaurito sotto la spinta delle accuse di fascismo, populismo e terrorismo che si leggono sui soliti giornali”. Invece, continua, ”fino ad ora il M5S ha canalizzato la protesta che in altre situazioni avrebbe assunto forme violente”

La vera domanda, conclude, ”è fino a quando questo potrà accadere. M5s sta facendo il pompiere ma il fuoco è nei rapporti sociali”. Nella sua personalissima ricostruzione dei fatti, che a fine giornata prova a smentire affermando di aver ”scherzato”, c’è anche lo spazio per un’altra interpretazione: gli spari fuori palazzo Chigi sono stati ”utili” a ”dare al governo Letta una maggioranza solida”. Insorge il Pd: ”dietrologia intollerabile”. Ma anche il Pdl commenta: ”parole farneticanti”, ”ha perso la ragione”. A fine giornata arriva la notizia di una spiacevole coincidenza che testimonia di un clima rovente che non ha certo bisogno di agitatori: a Milano viene intercettata una busta sospetta indirizzata a Silvio Berlusconi e che, da un primo esame, sembrerebbe contenere proiettili. 

Ultima ora

19:36Funerale Riboldi: vescovo Acerra,è stato profeta di speranza

(ANSA) - ACERRA (NAPOLI), 13 DIC - "Il nostro don Antonio è stato un profeta, ha dato speranza al suo popolo, ha insegnato ai 'senzatutto' ad alzare la testa grazie al Vangelo e alla denuncia profetica". Così il vescovo di Acerra, Antonio Di Donna, durante l'omelia funebre per il suo predecessore Antonio Riboldi, vescovo emerito della città morto a Stresa nei giorni scorsi, che sarà tumulato nella cattedrale cittadina come da suo desiderio. Di Donna ha ricordato l'impegno di Don Riboldi per i terremotati della valle del Belice, e quello anticamorra ad Acerra. "Fino all'arrivo di Don Riboldi di camorra si parlava sottovoce - ha aggiunto il presule - lui si è esposto, l'ha fatto con la camorra, con le Br insieme al cardinale Martini, l'ha fatto per l'ambiente quando la camorra iniziava ad interrare ad Acerra i rifiuti tossici e forse questo è stato il suo più grande rammarico, perché non ha capito in tempo cosa stava succedendo".

19:31PyeongChang 2018: Malagò, se in doppia cifra facciamo molto

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Obiettivi per PyeongChang? Se andiamo in doppia cifra facciamo molto, poi bisogna capire la qualità del metallo che è sempre legata a tante variabili". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, che in vista dei prossimi giochi invernali di PyeongChang 2018 alza l'asticella rispetto alle edizioni precedenti. "A Torino avevamo il vantaggio di giocare in casa e non fa testo - spiega il capo dello sport italiano a margine della festa di fine anno delle Fiamme Gialle al Salone d'Onore del Foro Italico -, a Vancouver abbiamo vinto cinque medaglie, a Sochi ne abbiamo vinte otto e negli ultimi giorni ne abbiamo rimediata un'altra per strada per la squalifica dell'atleta russo. Se a PyeongChang arriviamo in doppia cifra facciamo molto".

19:07Calcio: Atalanta, 4-1 in amichevole al Renate

(ANSA) - BERGAMO, 13 DIC - L'Atalanta ha vinto 4-1 l'amichevole d'allenamento contro il Renate (girone B della serie C) degli ex Oscar Magoni (direttore sportivo), Giuseppe Ungaro e Antonio Palma (infortunato il secondo prestito, Gabriel Lunetta). A segno, tutti nel primo tempo, Vido (1') su filtrante di Haas, Cornelius (5') di testa su traversone di Gosens, lo svizzero in spaccata (29') dopo il palo di Kurtic, Guido Gomez in diagonale per gli ospiti (38') e Orsolini (43') su rigore procurato dal tedesco. In campo anche i Primavera Guth, Del Prato, Kulusevski e Barrow; il tecnico Gian Piero Gasperini ha risparmiato tutti i titolari di ieri a Genova provando il 4-2-3-1.

19:02Sci: Sofia Goggia atleta dell’anno Fiamme Gialle

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Va alla sciatrice Sofia Goggia il premio di atleta dell'anno 2017 delle Fiamme Gialle. Il riconoscimento è stato reso noto oggi durante il tradizionale incontro di fine anno che si è svolto al Salone d'Onore del Coni alla presenza delle massime istituzioni sportive e del presidente Giovanni Malagò. Vera rivelazione della stagione invernale 2016-2017 con i suoi 13 podi in Coppa del Mondo e il bronzo conquistato nello slalom gigante di St. Moritz, Sofia Goggia è stata capace anche di salire sul podio in quattro delle cinque discipline dello sci alpino: discesa libera, super G, combinata e slalom gigante. Durante l'evento, organizzato da Unipol Sai, sono stati consegnati anche i premi alla carriera a quattro grandi atleti delle Fiamme Gialle che terminano l'attività agonistica: Luca Agamennoni, Elisabetta Sancassani, Laura Milani e Giulia Quintavalle, storico oro nel judo ai Giochi di Pechino 2008.

19:00Caccia a Igor: killer a processo per tre rapine del 2015

(ANSA) - BOLOGNA, 13 DIC - Si è aperto al tribunale di Ferrara il processo a Igor il russo, alias di Norbert Feher, il killer serbo latitante accusato degli omicidi del barista di Budrio, Davide Fabbri, e della guardia volontaria Valerio Verri. Feher - chiamato Vaclavic Igor anche nel ruolo di udienza fuori dall'aula e non con il suo vero nome - viene processato per tre rapine commesse nell'estate 2015, secondo l'accusa di procura, carabinieri e polizia, con la sua banda composta da Ivan Pajdek e Patrik Ruszo, che sono già stati condannati in abbreviato rispettivamente a 15 e a 14 anni. "Sto difendendo un fantasma, lo so. Un imputato che in questo processo è accusato solamente dai suoi presunti complici, che lo indicano come capo della banda pur non ricordandone il nome (riferimento ai verbali di Pajdek e Ruszo, ndr)", ha detto l'avvocato Cristian Altieri, nominato da tempo d'ufficio. "Dove è Igor? - ha detto il legale - Me lo chiedono tanti giornalisti, ma non so cosa rispondere. Mai sentito né immagino dove possa essere". (ANSA).

18:57Calcio: Gagliardini, non possiamo mai abbassare guardia

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Avanti, con fatica. Dimostrazione che non possiamo abbassare la guardia, non possiamo mollare. Avanti e testa a sabato". Il centrocampista dell'Inter Roberto Gagliardini commenta su Twitter la partita di ieri di Coppa Italia contro il Pordenone vinta solo ai rigori dopo che i friulani sono riusciti a mantenere la porta e colpire anche un palo. Sabato l'Inter dovrà subito voltare pagina e sfiderà l'Udinese a San Siro con l'obiettivo di mantenere imbattibilità e primato in classifica.

18:50Rohani, Islam sia unito contro minaccia sionista

(ANSA) - ISTANBUL, 13 DIC - "L'Iran è pronto a cooperare con tutti i Paesi islamici senza alcuna riserva o precondizione per la difesa di Gerusalemme". Così il presidente iraniano, Hassan Rohani, intervenendo al summit straordinario dell'Organizzazione della cooperazione islamica (Oic) a Istanbul. Lanciando un appello alla "unità islamica" contro "il pericolo del regime sionista" di Israele, il leader di Teheran si è detto convinto che "i problemi tra i Paesi islamici possano essere risolti attraverso il dialogo".

Archivio Ultima ora