Convenzione, fuoco incrociato. Berlusconi? Doppio stop Renzi-Fassina

Pubblicato il 03 maggio 2013 da redazione

ROMA  – L’idea della Convenzione ipotizzata dai ‘saggi’ rischia di trasformarsi in un gigantesco boomerang. Nata per ‘unire’ Pd e Pdl sul cammino delle riforme, ora sta diventando ‘il’ terreno di scontro. Con la ‘strana maggioranza’ in disaccordo su quasi tutto: presidenza, composizione, contenuti e procedura.

– Io non mi impiccheró sulla Convenzione – sbotta alla fine di una giornata densa di polemiche il ministro delle Riforme Gaetano Quagliariello – quello che mi interessa é fare i provvedimenti necessari a migliorare questo Paese. E chi sia a farlo non importa. L’importante è farlo. Vorrei ricordare – insiste – che la Convenzione è uno strumento, non il fine.

E quale sorte toccherà a questo ‘organismo’ lo si capirà a breve, subito dopo la costituzione definitiva di Commissioni e Giunte, prevista per martedì prossimo.

Nel frattempo i ‘fioretti’ dei quasi-alleati tornano ad incrociarsi sul nome del presidente. Il Cav si è autocandidato nei giorni scorsi e l’ intero Pdl non può che confermare.

– L’esperienza alla guida della Nazione e nel consesso internazionale – tuona Maurizio Gasparri – sono garanzia per poterlo indicare alla presidenza della Convenzione. Il Pd – aggiunge – sbaglia a porre pregiudiziali.

Sandro Bondi incalza:

– Tutto si può discutere ma nessuno ha il diritto di porre veti sulle persone, tantomeno su chi ha reso possibile la nascita di questo governo.

E il coro è unanime: sono ‘pro-Cav’ Renato Brunetta (”Senza di lui non può esserci né pacificazione né coalizione”), Altero Matteoli, Barbara Saltamartini, Giuseppe Esposito, Elisabetta Casellati, tra gli altri. E altrettanto ‘forte’ e il ‘no’ che arriva dal Pd, Matteo Renzi in testa.

– Pensare di fare Berlusconi capo della Costituente è inaudito – afferma – non capisco perchè dobbiamo dargli il compito di scrivere la Costituzione per i prossimi 50 anni.

‘Altolà’ anche da Stefano Fassina: l’ex premier non è ”una figura di garanzia”. La polemica esplode con il neo sottosegretario ai Rapporti con il Parlamento Sabrina De Camillis (Pdl) che ‘bolla’ Renzi come ”populista”. Un giudizio che scatena l’ira dei Democratici. Tenta di calmare gli animi Dario Ginefra (Pd) ricorrendo per l’ennesima volta all”arbitro per eccellenza’ Giorgio Napolitano.

– Facciamola presiedere a lui la Convenzione – dice – ma nessuno gli risponde.

Se l’altro giorno, insomma, la strada per la Convenzione sembrava semplicemente in salita oggi sembra interrotta da una frana. E non solo per colpa di chi dovrà presiederla, ma anche per chi ne dovrà far parte. Secondo Luciano Violante dovrebbero esserci più ‘tecnici’ che parlamentari, mentre per Fabrizio Cicchitto dovrebbe essere l’opposto. E si discute anche sulle procedure. L’idea di un ddl costituzionale che intervenga ‘post’ a riconoscerne i poteri non convince quasi per nulla i ‘puristi’ della materia come Stefano Rodotà secondo il quale l’unica sede possibile per fare le riforme è il Parlamento. Ogni altra ipotesi ”è attentato alla Costituzione”.

E allora, è l’appello di Pino Pisicchio (CD) e di un gruppo di renziani tra cui Andrea Marcucci, si intervenga subito in Parlamento per affrontare le due vere priorità: cancellare la legge elettorale e riformare i Regolamenti per consentire ai provvedimenti del governo di avere una corsia preferenziale. Altrimenti, se ”tutto si sfascia prima c’è anche il rischio che si torni a votare con il Porcellum e questa – commentano nel Pd – sarebbe davvero una beffa”.

Ultima ora

19:45Migranti: scontri a Roma, condannati 9 di Casapound

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Nove militanti di Casapound sono stati condannati dal tribunale di Roma in relazione agli scontri con le forze dell'ordine del luglio 2015 a Casale San Nicola, periferia nord di Roma. I giudici della V sezione penale hanno inflitto otto condanne a 3 anni 7 mesi e una a 2 anni e 7 mesi. Gli imputati, che manifestarono per impedire il trasferimento di immigrati in una struttura di accoglienza, erano accusati di resistenza aggravata a pubblico ufficiale e lesioni.

19:35‘Ndrangheta:fondi Ue, chiesto processo ex assessore Calabria

(ANSA) - CATANZARO, 11 DIC - La Dda di Catanzaro ha chiesto il rinvio a giudizio di Nazzareno Salerno, ex assessore al Lavoro della Regione Calabria ed attuale consigliere regionale, coinvolto nell'inchiesta "Robin Hood" che ha svelato un presunto sistema illecito nella gestione dei fondi europei attraverso l'ente in house "Calabria etica". La richiesta di rinvio a giudizio è stata avanzata al gup, Claudio Paris, oltre che per Salerno, per altri 16 indagati e due società. I reati contestati, a vario titolo, sono truffa, estorsione aggravata dal metodo mafioso, corruzione, peculato, turbativa d'asta ed abuso d'ufficio. Dalle indagini della Guardia di Finanza di Vibo Valentia e del Ros di Catanzaro è emersa l'esistenza di un presunto "comitato d'affari" che avrebbe distratto i finanziamenti comunitari vincolati al progetto regionale "Credito sociale", indirizzandoli su conti correnti di società private anche all'estero. (ANSA).

19:33Ap, mandato a fondatori, trovare soluzione consensuale

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - La Direzione di Ap, a quanto si apprende, ha votato di dare mandato ai tre fondatori Beatrice Lorenzin, Fabrizio Cicchitto, Maurizio Lupi, e al vice coordinatore Antonio Gentile, di istruire una pratica per trovare una soluzione perché le due coerenze interne al partito - una che guarda alla coalizione di governo, l'altra ad una corsa solitaria e al dialogo con FI - possano "sopravvivere". La Direzione di Ap è quindi aggiornata a domani alle ore 18.

19:24Staccò lobo di un orecchio a morsi, offre 5mila euro

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Voleva risarcire con cinquemila euro il tassista a cui staccò il lobo di un orecchio il bodybuilder Antonio Bini, a processo con l'accusa di lesioni aggravate dai futili motivi, ma la cifra è stata considerata troppo bassa dai legali di Pier Federico Bossi, ancora in convalescenza dopo l'aggressione avvenuta per una banale lite di viabilità lo scorso 28 novembre nei pressi della Stazione centrale. Il giudice Carlo Cotta della undicesima sezione penale ha quindi aggiornato al prossimo 5 febbraio il dibattimento a carico del 29enne, per consentire alle parti di trovare un accordo sul risarcimento del 48enne autista del taxi, che si è costituito parte civile. I legali di Bossi, gli avvocati Sostene Invernizzi e Mauro Mocchi, e la difesa di Bini, gli avvocati Beatrice Saldarini e Patrizia Pancanti, torneranno tra due mesi di fronte al giudice, che potrà quindi valutare eventuali richieste di riti alternativi (patteggiamento, rito abbreviato o sospensione del processo con messa alla prova).

19:17Basket: Brindisi esonera Dell’Agnello

(ANSA) - BARI, 11 DIC - Dopo la sconfitta di ieri, in casa, contro Trento, la Happy Casa Brindisi ha comunicato di aver esonerato l'allenatore, coach Sandro Dell'Agnello. Brindisi è rimasta ultima con 4 punti nella classifica di Lega A di basket. "Al tecnico - si legge in una nota della società - vanno i più sentiti ringraziamenti per il lavoro svolto e l'augurio per le migliori fortune personali e professionali". Quanto al prossimo futuro: "Alla ripresa degli allenamenti - viene chiarito - la squadra verrà affidata temporaneamente al vice allenatore Massimo Maffezzoli".

19:10Calcio: il 19 dicembre assemblea di Lega B

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - E' convocata per martedì 19 dicembre a Milano l'Assemblea di Lega B con all'ordine del giorno l'approvazione del Bilancio d'esercizio 2016/2017, la costituzione e la nomina dei componenti del Comitato esecutivo, la composizione e le deleghe delle Commissioni e le determinazioni inerenti alla governance di B Futura. Quindi si provvederà ad aggiornare le società sul processo di cessione dei diritti audiovisivi per il triennio 2018-2021. L'Assemblea verrà preceduta in mattinata dal Consiglio direttivo.

19:10Morti in corsia a Saronno, altri 18 casi al vaglio

(ANSA) - BUSTO ARSIZIO (VARESE), 11 DIC - Sono altri 18 i casi di morti "sospette" all'interno del pronto soccorso di Saronno (Varese), attualmente "sottoposti all'esame dei consulenti" come confermato dal Procuratore della Repubblica di Busto Arsizio (Varese) Gianluigi Fontana, nell'ambito del terzo filone dell'inchiesta 'Angeli e Demoni' sulle morti sospette in corsia a pronto soccorso di Saronno. I casi in esame riguardano pazienti trattati antecedentemente al 2013 dall'ex vice primario del pronto soccorso di Saronno Leonardo Cazzaniga, già accusato di nove decessi in corsia e in concorso con l'amante infermiera Laura Taroni delle morti di suo marito, suo suocero e sua madre, le cui cartelle cliniche sono state sequestrate contestualmente all'arresto del medico il 29 novembre 2016.

Archivio Ultima ora