A Perth un Intercomites pieno di idee e proposte

Pubblicato il 06 maggio 2013 da redazione

PERTH – Si è tenuto a Perth il primo Intercomites del 2013 alla presenza di tutti i presidenti dei Comites d’Australia, del console Adriano Tedde, dell’on.le Rita Saffiotti, rappresentante statale del Parlamento del Western Australia e rappresentante del FIAP, dei consiglieri Cgie Franco Papandrea e Luigi Casagrande e del coordinatore degli Enti Gestori, Enzo Sirna.

Il console Tedde ha messo in evidenza come Perth sia una città in forte crescita, dove numerosi uomini d’affari sono arrivati recentemente per esplorare le opportunità di investimento nel Western Australia. Inoltre tantissimi i giovani italiani sotto i 30 anni si dirigono ultimamente verso Perth con un visto vacanza/lavoro e con l’intenzione e la speranza di riuscire a fermarsi in Australia. Il console Tedde ha illustrato anche gli aspetti negativi di questo fenomeno, in particolare nell’operato di alcuni agenti di immigrazione che “sfruttano” la loro posizione di privilegio a svantaggio dei giovani in cerca di un visto di permanenza, un problema che sta diventando evidente anche negli altri Stati australiani.

L’incontro di Perth è stato intenso e senza ombra di dubbio molto produttivo anche alla luce degli ultimi sviluppi da parte del governo australiano nell’introduzione della ormai nota Asian Century White Paper.

Il coordinatore degli Enti Gestori ha informato i presenti che un rapporto intitolato “A Language Education Policy” è in fase di preparazione e definizione coordinato dal Community Languages of Australia e che verrà consegnato al Governo Federale nel prossimo mese di agosto. Un rapporto che offrirà al Governo federale l’opportunità di definire sia i programmi sia la struttura delle lingue che vengono insegnate in Australia.

A tale proposito i presidenti dei Comites hanno ribadito il ruolo primario ed indispensabile dell’insegnamento della lingua italiana in questo immenso Paese. La necessità di mantenere lo “status quo” nell’insegnamento della lingua utilizzando le strutture già esistenti sul territorio australiano è prioritario rispetto a quanto potrà succedere in futuro con l’applicazione del progetto Asian Century White Paper.

Interessanti anche le informazioni fornite dai membri del Cgie Papandrea e Casagrande sulla plenaria del mese di dicembre 2012, quando si è svolto il seminario per una politica di promozione della lingua e cultura italiana all’estero aggiornata alle realtà locali. Dal seminario è nata la proposta di istituire una unica agenzia italiana (tipo Goethe Institut) che raccolga le varie iniziative proposte dal Governo italiano.

Franco Papandrea ha poi proposto convertire una delle due riunioni annuali Intercomites in riunione congiunta con i presidenti dei Comites ed i parlamentari italiani ed italo-australiani.

Quanto al notevole flusso di giovani italiani che arrivano in Australia con il visto vacanza/lavoro, i Comites d’Australia hanno raccolto una serie di testimonianze che evidenziano l’esistenza di una problematica molto diffusa (trattamento economico inferiore alla rata oraria stabilita per legge) e soprattutto i difficili problemi che incontrano i nostri connazionali alla scadenza del visto, spesso obbligati al rientro in Italia. Per questo è stato presentato un Ordine del Giorno da trasmettere con urgenza all’ambasciatore d’Italia, al primo ministro, a tutti i premier degli Stati australiani, all’on.le Tony Piccolo, presidente FIAP, ai parlamentari Fedi e Giacobbe e a tutti i consiglieri del Cgie.

Oltre alla problematica dei visti vacanza/lavoro, l’Ordine del Giorno ha anche messo in evidenza la necessità della creazione di un’agenzia italiana indipendente in grado di dare risposte accurate sulle diverse categorie di visti verso l’Australia e la necessità di rivedere l’Accordo Sanitario Italo/Australiano che oggi prevede la copertura assicurativa di soli 6 mesi; la richiesta è quella di estendere la copertura per un ulteriore periodo di 6 mesi.

I presidenti dei Comites ed i consiglieri del Cgie hanno reiterato la necessità di rinnovare gli organi di rappresentanza visto che sono passati più di nove anni dalla data delle ultime elezioni, soprattutto per utilità delle funzioni e dei servizi svolti dei Comites stessi. Tale continuo rinvio costituisce un grave vulnus al requisito primario dell’esercizio della democrazia, che consiste nell’adire alle elezioni alla scadenza naturale del mandato. Ove fosse necessaria una riforma di codesti organismi rappresentativi, i presidenti dei Comites chiedono un urgente intervento per porre fine ad una situazione ormai divenuta insostenibile.

Infine il Comitato dei presidenti, al termine di un lungo dibattito sulle elezione politiche all’estero, ha all’unanimità espresso seria preoccupazione riguardo alla proposta di eliminare la circoscrizione estero avanzata recentemente dalla commissione di “saggi” nominati da Napolitano. Al contrario l’InterComites ha reiterato che la Circoscrizione estero è lo strumento più appropriato per la genuina e trasparente partecipazione democratica alla vita politica dell’Italia da parte dei cittadini italiani residenti all’estero.

 

 

Ultima ora

12:48Ubi: pm Bergamo, a processo tutti i 31 imputati

(ANSA) - BERGAMO, 15 DIC - Il pm di Bergamo Fabio Pelosi ha insistito nella richiesta di rinvio a giudizio per 31 imputati (30 persone fisiche e la stessa banca) per il caso Ubi. La Procura, nel corso dell'udienza preliminare, ha chiesto il processo, tra gli altri, per il banchiere Giovanni Bazoli e per il consigliere delegato Victor Massiah. Le accuse sono di ostacolo agli organismi di vigilanza e di presunte interferenze illecite in vista della formazione dell'assemblea del 2013. (ANSA).

12:43Nuoto: bene azzurri a Europei, Panziera in finale 200 dorso

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Buona mattinata per gli azzurri ai campionati europei di nuoto in vasca corta, in corso a Copenhagen. Margherita Panziera ha guadagnato la finale dei 200 dorso, con il quarto tempo, giungendo seconda in batteria alle spalle della campionessa ungherese Hosszu. Finale conquistata anche per le ragazze dei 200 farfalla, Alessia Pirozzi e Ilaria Bianchi. Grande risultato anche per le staffettiste della 4X50 sl, che vincono la batteria davanti a Francia e Polonia in 1.37"74 e volano in finale con il quarto tempo. In semifinale Arianna Castiglioni e Martina Carraro nei 100 rana. Semifinale raggiunta anche per Luca Dotto e Marco Orsi nei 50 sl uomini. Nei 100 rana maschili in semifinale Luca Pizzini, che vince la sua batteria e fa il primato personale in 58"93, anche se spaventa il 56"663 con cui l'olandese Kammkinga ha vinto la quarta batteria. In semifinale nei 100 rana anche Fabio Scozzoli in 57"31 e Nicolò Martinenghi, quest'ultimo con il tempo di 57"78 nuovo primato personale. (ANSA).

12:40Terrorismo: algerino arrestato dal Ros in stazione Foggia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Arresto a Foggia per terrorismo internazionale: un cittadino algerino, Yacine Gasry, è stato rintracciato e fermato dai Carabinieri del Ros nella stazione ferroviaria della città in esecuzione di un provvedimento dell'Ufficio esecuzione penale della Procura generale di Napoli. L'uomo è stato condannato in via definitiva a quattro anni, nove mesi e 21 giorni di reclusione per associazione con finalità di terrorismo internazionale. Secondo l'accusa, avrebbe fatto parte di una rete che forniva sostegno logistico a formazioni terroristiche algerine. Gasry venne arrestato nel 2004, insieme ad altri stranieri, in seguito a indagini condotte dal Ros e coordinate dalla procura di Napoli dopo gli attentati dell'11 settembre. L'inchiesta riguardava una rete di supporto logistico del Fronte islamico di salvezza (Fis) algerino attiva in Italia tra le province di Napoli, Caserta, Vicenza e Milano.

12:37M5S: sindaca Dorgali annuncia su Fb, sono indagata

(ANSA) - NUORO, 15 DIC - La sindaca di Dorgali (Nuoro) Maria Itria Fancello, del Movimento 5 stelle, è indagata dalla Procura di Nuoro per turbativa d'asta. Lo ha annunciato lei stessa su Facebook, in nome di quella trasparenza richiesta dal suo partito. "Volevo informare i cittadini di Dorgali che mi è stata notificata una richiesta di proroga delle indagini da parte della procura di Nuoro - spiega - a quanto pare, insieme a mio marito, ex dipendente della cooperativa Ghivine, e all'assessore Fabrizio Corrias sono indagata per turbativa d'asta. Per quanto sono riuscita a ricostruire, non ho ricevuto avvisi di garanzia, né ero a conoscenza dell'attività, si tratterebbe della gara di aggiudicazione della gestione dei siti archeologici. Un bando che è stato pubblicato il giorno successivo all'insediamento del nuovo consiglio comunale. Per cui né io, né altri componenti della giunta abbiamo avuto nulla a che fare con la gara, assegnata da un'apposita commissione". "Ho fiducia nella giustizia - prosegue la prima cittadina di Dorgali - e mi sento confortata dal fatto di aver sempre agito per il bene dei cittadini. Ve lo dovevo per quella trasparenza che contraddistingue il MoVimento 5 Stelle. Vi terrò aggiornati." (ANSA).

12:32Brexit: Gentiloni, seconda fase non più facile della prima

(ANSA) - BRUXELLES, 15 DIC - "La seconda fase (dei negoziati sulla Brexit, ndr) non sarà più facile della prima": lo ha detto il premier Paolo Gentiloni, spiegando che ieri il Consiglio Ue ha "accolto con grande cortesia" la disponibilità espressa dalla premier britannica Theresa May nel suo intervento. Il summit Ue discuterà di Brexit questa mattina, senza la May. Ieri la premier ha "rivendicato la linea con la quale siamo riusciti ad arrivare all'intesa con la Commissione qualche giorno fa", ha spiegato Gentiloni, ribadendo che i leader Ue restano "consapevoli" delle difficoltà della seconda fase.

12:30Francia: scontro treno-scuolabus, bilancio sale 6 morti

(ANSA) - PARIGI, 15 DIC - Il bilancio della collisione tra un treno regionale e uno scuolabus a Milau, nel sud-ovest della Francia, sale a 6 morti. E' quanto rivela France Info precisando che altri due ragazzi oltre ai quattro annunciati ieri non ce l'hanno fatta. Entrambi avevano 11 anni.

12:06Terrorismo: espulso francese, ha mimato spari contro Cc

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Con un provvedimento firmato dal ministro dell'interno, Marco Minniti, è stato espulso un cittadino francese 23enne, convertito all'Islam radicale, che era stato arrestato per reati comuni il 29 agosto scorso dai Carabinieri in provincia di Cuneo. Già segnalato dalle autorità transalpine quale simpatizzante jihadista, informa il Viminale, durante le procedure di identificazione aveva mimato il gesto di "sparare" contro i Carabinieri e di "far detonare" un ordigno esplosivo, citando Allah. Con quella di oggi sono 101 le espulsioni eseguite con accompagnamento nel proprio Paese, nel corso del 2017 e 233 quelle eseguite dall'1 gennaio 2015 ad oggi, riguardanti soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso.

Archivio Ultima ora