Papa: “Presidente della Colombia sostenga la pace con le Farc”

BOGOTA’.- Il sostegno spirituale nel processo di pacificazione tra il governo e i guerriglieri delle Farc, per porre fine a un lungo conflitto armato: é uno dei temi chiave che il presidente colombiano, Juan Manuel Santos, porterá in Vaticano, dove lunedí sará ricevuto da Papa Francesco.

– I colombiani stanno facendo un immenso sforzo per porre fine ad un conflitto armato che va avanti ormai da mezzo secolo. Le preghiere e parole del Papa rappresentano un sostegno che apprezziamo immensamente, cosí come l’opera di conciliazione promossa dal Vaticano – ha sottolineato Santos all’Ansa, poche ore prima di partire per l’Italia.

Tra i temi al centro della visita c’é quindi proprio quello del conflitto con le Forze armate rivoluzionarie della Colombia (Farc, la piú antica guerriglia dell’America Latina), conflitto che continua a insanguinare il paese. Lo scorso sabato, in un combattimento con l’esercito colombiano alla frontiera con l’Ecuador, é stato ucciso Leonidas Zambrano Cardozo, uno dei comandanti dei guerriglieri.

– La Santa Sede é sempre stata disposta a collaborare – ha aggiunto Santos, ricordando i colloqui di pace che dalla fine dell’anno scorso portano avanti a Cuba governo e Farc. Bogotá punta ad un processo di pace ”serio, degno, realista”, processo che rimane ”complesso, visto che richiede pazienza e a attenzione, ma che avviene in condizioni molto diverse dai tentativi fatti in passato”.

– La guerriglia sta iniziando a capire che é possibile cambiare le pallottole per i voti – ha concluso Santos, che domani in Piazza San Pietro parteciperá alla canonizzazione della prima santa del suo paese, Laura Montoya, nota in Colombia come ‘madre Laura’, nata nel 1847 e che per anni ha lavorato nella selva quale missionaria nell’opera di catechesi degli indigeni emberá, che vivono tra la Colombia e Panama.

Condividi: