L’abbazia non accorcia le distanze tra Pd e Pdl

Pubblicato il 13 maggio 2013 da redazione

SARTEANO – Il conclave governativo nell’abbazia della campagna senese sarà ricordato più per lo ”spirito di Spineto” – copyright di Enrico Letta – che per i risultati raggiunti. La possibilita’ di dirsi le cose in faccia, anche in modo ”duro”, ma con ”lealta’ e franchezza”, ha aiutato a trovare un compromesso capace di migliorare il clima all’interno della squadra di governo, ma non a risolvere i tanti nodi che ancora impediscono al governo di prendere i primi provvedimenti.

Il conclave, se non in minima parte, non ha poi contribuito molto a fare quello ”spogliatoio” auspicato dal capo del governo. Nè è bastato il fatto che Letta e Alfano abbiano interessi convergenti. Ad esempio sull’evitare maggioranze ‘variabili’ che farebbero saltare la fragile alleanza (anche se Franceschini, su richiesta del premier, ha passato parte del tempo a tenere i contatti con i partiti dell’opposizione, Sel e M5S in testa). Entrambi sanno che il loro futuro politico dipenderà dal successo di questo governo. Ma il destino dell’Esecutivo, in buona parte, prescinde dalla loro volontà.

Il premier deve fronteggiare le tensioni interne ad un Pd sempre più lacerato e diviso, nonostante la scelta del nuovo segretario. Sul vicepremier incombe l’ombra di Silvio Berlusconi, che è costretto a difendere anche quando ne farebbe volentieri a meno. Il risultato è che la diffidenza reciproca resta. Così come le difficoltà di varare i provvedimenti. Non è un caso che il Cdm atteso per mercoledì sia nuovamente slittato, stavolta a venerdì. Il nodo è sempre quello delle coperture.

Fabrizio Saccomanni, nel chiuso dell’abbazia, si è ben guardato dallo spiegare come intenda finanziare il congelamento dell’Imu sulla prima casa e il rifinanziamento della Cig. Ha ascoltato senza sbilanciarsi le richieste dei ministri pidiellini che chiedevano di estendere il provvedimento ai capannoni agricoli e industriali. Il ministro dell’Economia, sfruttando anche la sua ironia, ha detto di capire le ”urla di dolore” dei colleghi che chiedono soldi per l’istruzione, la sanità, l’agricoltura. Ma ha anche invitato tutti a collaborare, accompagnando le singole proposte con le relative coperture. Un modo per non costringerlo a dire sempre e solo ‘no’, come accadeva con Tremonti e (in parte) con Grilli.

A complicare il compito di Letta ci sono anche i caratteri e le personalità dei singoli ministri. Raccontano che non sia passata inosservata la tendenza di Giovannini ad intervenire su molti – per qualcuno ”troppi” – temi. Altrettanto clamore ha fatto la richiesta di Cecile Kyenge di tenere per se’ la delega sulla droga. Il tutto mentre il premier si raccomandava con i ministri sulla necessità di essere sobri e di evitare le personalizzazioni, anche astenendosi dal dare il proprio nome alle riforme varate. Per non parlare della necessità, più volte richiamata da Letta, di”depoliticizzare” il più possibile l’Esecutivo.

– Una richiesta bizzarra da parte di chi, ricordando le parole di Napolitano, ha detto in Aula che questo è un governo politico – ha ironizzato, velenoso, un ministro del Pdl. Sulla strada del conclave anche il clima si è messo di traverso. La pioggia incessante di domenica e le rigide temperature della notte non hanno certo aiutato a scaldare un’atmosfera resa gelida dallo ‘scontro del van’, come ormai e’ stato ribattezzato il duro confronto fra Letta e Alfano sulla manifestazione di Brescia.

– Eravamo tutti stanchi e infreddoliti e non vedevamo l’ora di andare a dormire – racconta uno dei ministri, spiegando perchè la cena – una degustazione in piedi – non abbia aiutato molto a socializzare. Qualcuno ha tentato di rompere il ghiaccio, avvicinandosi al grande biliardo posto nel salone. Ma è durato poco e dopo qualche colpo i ministri hanno desistito. Ecco perchè Letta, aprendo i lavori di lunedi’, ha ‘twittato’:

“Almeno non diluvia”.

Un modo per dire che peggio della prima giornata non sarebbe potuta andare.

Ultima ora

19:45Migranti: scontri a Roma, condannati 9 di Casapound

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Nove militanti di Casapound sono stati condannati dal tribunale di Roma in relazione agli scontri con le forze dell'ordine del luglio 2015 a Casale San Nicola, periferia nord di Roma. I giudici della V sezione penale hanno inflitto otto condanne a 3 anni 7 mesi e una a 2 anni e 7 mesi. Gli imputati, che manifestarono per impedire il trasferimento di immigrati in una struttura di accoglienza, erano accusati di resistenza aggravata a pubblico ufficiale e lesioni.

19:35‘Ndrangheta:fondi Ue, chiesto processo ex assessore Calabria

(ANSA) - CATANZARO, 11 DIC - La Dda di Catanzaro ha chiesto il rinvio a giudizio di Nazzareno Salerno, ex assessore al Lavoro della Regione Calabria ed attuale consigliere regionale, coinvolto nell'inchiesta "Robin Hood" che ha svelato un presunto sistema illecito nella gestione dei fondi europei attraverso l'ente in house "Calabria etica". La richiesta di rinvio a giudizio è stata avanzata al gup, Claudio Paris, oltre che per Salerno, per altri 16 indagati e due società. I reati contestati, a vario titolo, sono truffa, estorsione aggravata dal metodo mafioso, corruzione, peculato, turbativa d'asta ed abuso d'ufficio. Dalle indagini della Guardia di Finanza di Vibo Valentia e del Ros di Catanzaro è emersa l'esistenza di un presunto "comitato d'affari" che avrebbe distratto i finanziamenti comunitari vincolati al progetto regionale "Credito sociale", indirizzandoli su conti correnti di società private anche all'estero. (ANSA).

19:33Ap, mandato a fondatori, trovare soluzione consensuale

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - La Direzione di Ap, a quanto si apprende, ha votato di dare mandato ai tre fondatori Beatrice Lorenzin, Fabrizio Cicchitto, Maurizio Lupi, e al vice coordinatore Antonio Gentile, di istruire una pratica per trovare una soluzione perché le due coerenze interne al partito - una che guarda alla coalizione di governo, l'altra ad una corsa solitaria e al dialogo con FI - possano "sopravvivere". La Direzione di Ap è quindi aggiornata a domani alle ore 18.

19:24Staccò lobo di un orecchio a morsi, offre 5mila euro

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Voleva risarcire con cinquemila euro il tassista a cui staccò il lobo di un orecchio il bodybuilder Antonio Bini, a processo con l'accusa di lesioni aggravate dai futili motivi, ma la cifra è stata considerata troppo bassa dai legali di Pier Federico Bossi, ancora in convalescenza dopo l'aggressione avvenuta per una banale lite di viabilità lo scorso 28 novembre nei pressi della Stazione centrale. Il giudice Carlo Cotta della undicesima sezione penale ha quindi aggiornato al prossimo 5 febbraio il dibattimento a carico del 29enne, per consentire alle parti di trovare un accordo sul risarcimento del 48enne autista del taxi, che si è costituito parte civile. I legali di Bossi, gli avvocati Sostene Invernizzi e Mauro Mocchi, e la difesa di Bini, gli avvocati Beatrice Saldarini e Patrizia Pancanti, torneranno tra due mesi di fronte al giudice, che potrà quindi valutare eventuali richieste di riti alternativi (patteggiamento, rito abbreviato o sospensione del processo con messa alla prova).

19:17Basket: Brindisi esonera Dell’Agnello

(ANSA) - BARI, 11 DIC - Dopo la sconfitta di ieri, in casa, contro Trento, la Happy Casa Brindisi ha comunicato di aver esonerato l'allenatore, coach Sandro Dell'Agnello. Brindisi è rimasta ultima con 4 punti nella classifica di Lega A di basket. "Al tecnico - si legge in una nota della società - vanno i più sentiti ringraziamenti per il lavoro svolto e l'augurio per le migliori fortune personali e professionali". Quanto al prossimo futuro: "Alla ripresa degli allenamenti - viene chiarito - la squadra verrà affidata temporaneamente al vice allenatore Massimo Maffezzoli".

19:10Calcio: il 19 dicembre assemblea di Lega B

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - E' convocata per martedì 19 dicembre a Milano l'Assemblea di Lega B con all'ordine del giorno l'approvazione del Bilancio d'esercizio 2016/2017, la costituzione e la nomina dei componenti del Comitato esecutivo, la composizione e le deleghe delle Commissioni e le determinazioni inerenti alla governance di B Futura. Quindi si provvederà ad aggiornare le società sul processo di cessione dei diritti audiovisivi per il triennio 2018-2021. L'Assemblea verrà preceduta in mattinata dal Consiglio direttivo.

19:10Morti in corsia a Saronno, altri 18 casi al vaglio

(ANSA) - BUSTO ARSIZIO (VARESE), 11 DIC - Sono altri 18 i casi di morti "sospette" all'interno del pronto soccorso di Saronno (Varese), attualmente "sottoposti all'esame dei consulenti" come confermato dal Procuratore della Repubblica di Busto Arsizio (Varese) Gianluigi Fontana, nell'ambito del terzo filone dell'inchiesta 'Angeli e Demoni' sulle morti sospette in corsia a pronto soccorso di Saronno. I casi in esame riguardano pazienti trattati antecedentemente al 2013 dall'ex vice primario del pronto soccorso di Saronno Leonardo Cazzaniga, già accusato di nove decessi in corsia e in concorso con l'amante infermiera Laura Taroni delle morti di suo marito, suo suocero e sua madre, le cui cartelle cliniche sono state sequestrate contestualmente all'arresto del medico il 29 novembre 2016.

Archivio Ultima ora