Bonino, una marcia in più alla politica estera

Pubblicato il 24 maggio 2013 da redazione

ROMA – E’ quasi una rivoluzione. L’assegnazione delle deleghe ai tre viceministri e al sottosegretario decisa dal ministro degli Esteri Emma Bonino e ratificata oggi dal consiglio dei Ministri segue solo in parte i tradizionali criteri geografici e tematici. A pesare e tanto, nella scelta, sono le competenze che Lapo Pistelli, Marta Dassù, Bruno Archi e Mario Giro hanno maturato in anni di lavoro politico, ricerca accademica e relazioni internazionali, attentamente dosate con le priorità di politica estera illustrate una settimana fa davanti alle commissioni Esteri di Camera e Senato e con le sfide imposte dagli infiniti dossier sensibili che approdano nelle stanze della Farnesina.

Bonino, forte delle esperienze di decenni di proiezione politica internazionale, tiene per sé l’Europa nel suo complesso, i rapporti bilaterali Europa-Stati Uniti, i diritti umani, il Mediterraneo e, ovviamente, le aree di crisi.

Al vice ministro Marta Dassù vanno le materie relative all’integrazione europea, incluse la politica estera di sicurezza e di difesa e le politiche di allargamento e di vicinato. Dassù si occupa inoltre di rapporti transatlantici e di rapporti bilaterali con i Balcani, con i Paesi del Caucaso, la Russia e la Turchia, oltre alla riorganizzazione degli uffici all’estero. Di competenza di Dassù sono anche le questioni relative all’Expo Milano 2015 e l’iniziativa ‘Women in diplomacy’.

Pesante, come è stata definita nelle ultime ore, la delega al vice ministro Lapo Pistelli (Pd) che segue i Paesi del Golfo più Iran e Iraq, i dossier dell’energia, l’Onu, la Cooperazione e parte dell’Africa. Sulla cooperazione si gioca una partita importante anche a livello di credibilità internazionale dell’Italia, oltre che di ”standard” di politica interna. Se infatti la cooperazione è parte integrante della politica estera, vanno rivisti i miseri fondi destinati all’aiuto allo sviluppo che hanno fatto precipitare l’Italia in fondo alla classifica dei Paesi europei. Come ha sottolineato l’Aoi (Associazione delle ong italiane) è opportuno andare ”nella direzione del raggiungimento collettivo europeo dello 0,7% dell’Aiuto pubblico allo sviluppo entro il 2015, attraverso un piano di riallineamento pluriennale alla media dei Paesi Ocse dello 0,31% rispetto al pil: questa la carta vincente per affrontare con autorevolezza la Presidenza semestrale italiana dell’Unione nel 2014”. Un punto sul quale il viceministro Pistelli è più che disponibile. Sempre a proposito della delega a Pistelli, c’è la prima assoluta dello ”spacchettamento” dell’Africa, che non è più una delega unica e che mira a rafforzare la presenza italiana nel continente grazie anche alla messa in campo di eccellenze consolidate.

Al sottosegretario Mario Giro (Scelta civica-Sant’Egidio), oltre all’America Latina va l’Africa australe che comprende i Paesi della Sadc (Southern African Development Community) tra i quali il Mozambico, dove La Comunità di Sant’Egidio ha mediato la fine della guerra civile (1992). Giro si occupa anche della diffusione della cultura e della lingua italiana all’estero e delle attività internazionali delle Regioni.

Il viceministro Bruno Archi (Pdl) ha la delega all’Asia, Oceania e Pacifico, agli italiani all’estero e ai dossier internazionali G8 e G20.

Ultima ora

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

21:57Salvini, Cav non è candidabile e non può fare il premier

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Se la Lega prende un voto in più rispetto agli altri alleati è chiaro che sono io il premier, Berlusconi non è candidabile quindi non può essere premier. Una cosa che voglio dire è che chi vota Lega non vota governi di inciuci e questo Berlusconi lo deve aver chiaro...". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini a "Zapping" su Radio1 Rai.

21:53Germania: nuovo aeroporto ‘Ber’ aprirà ad ottobre 2020

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - Il nuovo aeroporto della capitale tedesca 'BER', dopo ripetuti ritardi, dovrebbe entrare in funzione ad ottobre 2020. Lo ha comunicato il numero uno del consiglio di sorveglianza, Rainer Bretschneider, oggi a Berlino. I lavori sono cominciati nel 2006 e l'aeroporto avrebbe dovuto entrare in attività nel 2011. Ma i ritardi si sono accumulati e i costi sono lievitati da 2 a 6,5 mld, fino all'ultimo piano finanziario previsto per la primavera del 2018.

21:41Calcio: Fassone,no a strategie per ridurre valore Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - "Nessuno pensi di adottare strategie per far sì che Donnarumma possa essere ceduto a valori di mercato inferiori rispetto al suo reale valore. A gennaio non abbiamo intenzione di fare nuovi acquisti e non abbiamo necessità di cassa". Così l'ad del Milan Marco Fassone, in un video sul sito del club, commenta le voci sul futuro del portiere, dopo il botta e risposta tra il ds Mirabelli e Mino Raiola. "Donnarumma è un patrimonio umano, tecnico ed economico del club. Siamo qui per tutelarlo e non c'è nessuna volontà di cederlo - aggiunge il dirigente - Mi ha fatto piacere la sua dichiarazione distensiva, ha confermato che non c'è stata nessuna forzatura. Oggi l'ho visto più sereno. Se sarà lui a dirci che vorrà andar via, saremo aperti a valutare le offerte".

21:07Terremoti: sisma 6.5 su costa Java, in Indonesia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Un sisma di magnitudo 6.5 è stato registrato sulla costa di Java, in Indonesia e si sontano un numero imprecisato di vittime. Lo riferisce l'Usgs americano. Le autorità indonesiane hanno emesso un'allerta tsunami. L'epicentro del sisma è stato localizzato a 92 chilometri di profondità, 50 km a sudovest della città di Tasikmalaya. Il portavoce dell'agenzia locale per il contenimento dei disastri, Sutopo Purwo Nugroho, ha riferito di alcuni edifici danneggiati nell'area ovest dell'isola. Nugroho ha aggiunto che il sisma è stato sentito per 20 secondi nella capitale Giacarta ed in altre città e villaggi di Giava.

20:59Milan:Fassone, richieste Uefa impossibili per chiunque

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - ''La Uefa ci ha chiesto due cose impossibili, non solo per noi ma per qualunque club che si trova nelle condizioni del Milan''. Così l'ad Marco Fassone spiega, con un video sul sito del club, perché l'Uefa ha negato al Milan la richiesta di Voluntary Agreement. ''L'Uefa - aggiunge Fassone - ci ha chiesto di completare prima il rifinanziamento del debito con Elliott e di fornire garanzie per dimostrare la capacità della proprietà di sostenere le perdite del club con un deposito. La nostra documentazione era sufficiente''.

20:44Nuoto: Europei, bronzo di Dotto nei 50 stile libero

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Bronzo di Luca Dotto nei 50 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen, con il tempo di 20"78. L'oro è andato al russo Vladimir Morozov (20"31), l'argento al britannico Benjamin Proud (20"66). Ottavo ed ultimo tempo della finale per Marco Orsi.

Archivio Ultima ora