Lazzaro uno dei protagonisti del Zamora Campeón

Pubblicato il 28 maggio 2013 da redazione

CARACAS – Domenica lo Zamora ha superato con 110 e lode l’esame di maturità che doveva affrontare sul difficile campo del Deportivo Anzoátegui.

Adesso la squadra bianconera può vantarsi di aver appuntato sulla propria maglia la prima ‘estrella’ della sua storia e di aver frantumato il record di imbattibilità interna che ostentava la compagine orientale, 25 gare senza ko.
Questo sucesso è il più importante nella storia del calcio barinés nei suoi 36 anni, che in passato si chiamava Atlético Zamora. Uno dei protagonisti di questo successo è l’italo-venezuelano Maurizio Lazzaro, assistente del mister Noel Sanvicente.

“Fin da bambino volevo sempre vincere, anche quando giocavo con mio fratello. Dal momento che ho accettato l’impegno con lo Zamora avevo in mente come unico obiettivo quello di vincere il titolo” commenta Lazzaro.

Ai nastri di partenza la squadra bianconera non appariva tra le favorite, davanti avevano squadre più quotate: Mineros, Deportivo Táchira, Caracas e Deportivo Lara (campioni dello scorso campionato). Alla fine il lavoro sodo svolto da Noel Sanvicente e dal suo staff ha dato i risultati sperati, realizzare il sogno della ‘primera estrella’.

“Veramente noi, con una squadra che non schierava campioni, abbiamo preparato ogni partita come se fosse una finale. La nostra squadra è molto religiosa, prima di ogni match pregavamo ed avevamo molta fede che le cose sarebbero andate per il verso giusto”.

Vincere uno Scudetto per la prima volta é come scalare l’Everest, una cosa non da tutti i giorni. Prepararla non è una cosa facile, ti giochi tutta la stagione in novanta minuti.

“Abbiamo preparato la gara di ritorno facendo dei ritocchi in difesa.

Dovevamo essere pronti per le ripartenze e pressare i nostri avversari e poi anche per saperli attendere al loro ritorno. Il mister (Sanvicente ndr) durante la preparazione sosteneva che non dovevamo stancarci psicologicamente e non dovevamo inventare tattiche strane. Per far scendere la tensione ai nostri giocatori,abbiamo inventato dei giochi didattici durante gli allenamenti, cosí per distrarsi un po’”.

Lo Zamora nell’arco di tutto il torneo ha dimostrato di avere fame di vittorie e di lottare fino in fondo per ottenerle.

“Le partite vanno affrontate sempre in questo modo, volevamo a tutti i costi questa ‘estrella’. Domenica è stata la dimostrazione che la squadra si allena sempre bene e lo ha confermato non solo a Puerto La Cruz, ma anche durante tutto il campionato. Avevamo questa ambizione e ci siamo riusciti”.

La gara di domenica si è subito messa in discesa quando Juan Falcón ha segnato il 2-0 dopo appena 23’ di gioco. “Non pensavamo che l’incontro si sarebbe deciso così in fretta, sapevamo di avere due attaccanti fenomenali: Torres e Falcón (quando segnano entrambi lo Zamora non perde mai, ndr) ed un gruppo che aveva in mente solo lo scudetto. Abbiamo disputato un ottimo primo tempo durante il quale abbiamo segnato le due reti e provocato diverse azioni da gol. Nel secondo il nostro ritmo è calato un po’ e abbiamo subito di più il nostro avversario”.

Per un lungo tempo, lo Zamora è stata una delle squadre che facevano da comparsa nella Primera División, ma ultimamente è diventata una delle belle realtà del campionato.

“Grazie ad un’ottima pianificazione e molto lavoro, tanto in campo come dietro le scrivanie, questo é il segreto della vitorie. Lo staff tecnico, composto dalla nutrizionista Mariana Iglesias che ha elaborato le diete dei nostri calciatori e dallo psicologo Alexis Gonzalez, è stato fondamentale; senza dimenticare il nostro preparatore fisico Javier Milán.Lo Zamora era una delle squadre che correva di più in questo campionato. Siamo stata la squada con meno gol subiti e più gol segnati. La nostra preparazione è iniziata due mesi e mezzo prima dell’inizio del campionato, questo ci ha aiutato a gestire bene le nostre forze durante tutta la durata del torneo”.

“Io credo che non c’è stato un giocatore chiave. Tutti hanno apportato il proprio granellino di sabbia utile ad ottenere il successo finale. Ogni atleta ha lavorato duro in campo e fuori dal campo con un unico obiettivo: vincere il titolo. E non dobbiamo dimenticare l’apporto fondamentale di Juan Falcón e Gabriel Torres, in due hanno segnato 40 reti”.

La direttiva dello Zamora è già al lavoro per mantenere tutti i suoi pezzi pregiati per la prossima stagione e per trovarne altri che permettano di far tirare un po’ il fiato alla rosa dei titolari.

Fioravante De Simone

Ultima ora

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

Archivio Ultima ora