Festa azzurra col San Marino: no al razzismo e 4 gol

Pubblicato il 31 maggio 2013 da redazione

BOLOGNA  – Un no al razzismo chiaro e forte. Una città che ritrova la nazionale. Quattro gol a zero con i dilettanti del San Marino per scaldare cuore e muscoli in vista del decisivo appuntamento di Praga, tra sette giorni, per le qualificazioni mondiali. Bologna fa festa con l’Italia, ritrovando l’azzurro e l’identico risultato dell’ultima volta contro il Galles, un 4-0 netto. Manca solo il gol di Balotelli, il protagonista più applaudito nella serata dedicata alla lotta alle discriminazioni, e che pure qualche centinaia di tifosi della curva bolognese ha in piccola parte macchiato, con un coro contro i napoletani.

Prandelli ha avuto l’occasione di vedere giovani di prospettiva (Bonaventura), terzini di ritorno (Antonelli) vecchie conoscenze (Aquilani) e brillanti alternative (Cerci). Di più, oltre a valutazioni individuali, non si poteva oggettivamente chiedere a un’amichevole volutamente light, in un finale di stagione che per gli azzurri si prolungherà ora tra Repubblica Ceca e Confederations. Il 4-0 e la serata carica di messaggi sono dunque bilancio sufficiente, più del sei politico che va d’obbligo allo sparring partner sammarinese.

Bologna ritrova la nazionale dopo 14 anni e i motivi per far festa ci sono tutti, a cominciare dalla simpatia che questa Italia si porta dietro in misura inversamente proporzionale ai casi di ‘disturbo’ denunciati dal suo ct. Ultimo, il caso Scampia-Balotelli. Il personaggio della serata dovrebbe esser lui. Ci sono però il mal di schiena di Supermario oltre che le sue arrabbiature, e soprattutto l’imminente impegno di Praga per le qualificazioni mondiali, a consigliare il riposo iniziale del centravanti. Cui prima della partita arriva l’incoraggiamento del ministro Cecile Kyenge, presente in tribuna. Con lei accolgono una nazionale assai sperimentale in 29 mila: in attacco ci sono i beniamini di casa, Diamanti e Gilardino, completati nel tridente da un esordiente assoluto, l’atalantino Bonaventura. Per il resto tante riserve in difesa, a centrocampo redini a Pirlo con Poli e Aquilani: per lui gli esami azzurri non finiscono mai. Di fronte, i dilettanti puri della repubblica di San Marino, una sola vittoria nella loro giovane storia: avversari ideali per un match che pare destinato alla goleada e invece per un’intera mezzora si rivela perfino avaro. Logico che tra i più attivi ci sia Bonaventura. Al 6′ va al tiro due volte sottoporta dopo un bello scambio con Antonelli – in serata di grandi corse – ma è parato. Subito prova a imitarlo Gilardino su respinta corta del portiere. Anche in allenamento è difficile sfondare se l’avversario è blindato, ci provano allora da fuori prima Pirlo, alto all’11’, e poi un Diamanti in serata velleitaria. L’occasione più limpida capita sottoporta sul sinistro di Aquilani, un po’ sorpreso sul secondo palo dal buco della difesa avversaria; la respinta di Simoncini é di istinto. Sull’angolo successivo Maggio mette in rete su doppio rimpallo, fuorigioco.

San Marino respira appena un po’ conquistando un corner, ed ecco il vantaggio dell’Italia. Lo sigla Pioli su azione personale al 28′: palla rubata al limite, percussione e destro sul palo opposto. A scaldare il Dall’Ara anche una serpentina di Pirlo, metallo prezioso e raro in una serata così. L’Italia si scioglie, il raddoppio arriva proprio da Gilardino: Poli pesca in area Aquilani, tiro al volo respinto e sul rimpallo duetto col centravanti che dal dischetto non sbaglia. Due a zero, è il minuto 33. Tutto si fa più semplice, come la discesa pulita pulita di Antonelli che due minuti dopo mette ancora una volta Gilardino davanti alla porta, e poi al 41′ arriva in area e sfiora il gol ma prende anche la botta che lo costringerà a uscire per De Sciglio. Intanto Gilardino allo scadere è troppo generoso e cede palla in area a Diamanti. Per i due è l’ultima chance: a ripresa appena iniziata Prandelli cambia il tridente, dentro Cerci Balotelli e Sau per Diamanti-Gilardino-Bonaventura. E’ lo stesso minuto del 3-0, siglato da Pirlo al 4′ su punizione. Nel frattempo Buffon si è dovuto finalmente impegnare, uscita e parata da lontano. Ma ora gli occhi sono tutti per Balotelli: al quarto d’ora la sua punizione rasoterra scheggia il palo. La seconda volta Pirlo non gli lascia la batutta, e sul calcio fermo Aquilani firma il quarto gol sfruttando la ribattuta del portiere, al 34′. Ma il 9 azzurro vuole essere protagonista, e un minuto dopo si libera al destro da fuori, ed è parato. Ancora più prepotente la discesa e tiro – appena fuori – al 43′, mentre al 45′ è la sfortuna di una traversa a negargli il gol. L’unica candelina che manca alla festa azzurra di Bologna.

 Prandelli: “Ho visto cose buone”

“Volevo vedere delle cose stasera e sono soddisfatto”: così Cesare Prandelli dopo la vittoria dell’Italia contro San Marino.

– Ci manca ancora un po’ di manovra dal basso più veloce – le sue parole – ma dal punto di vista fisico stiamo bene.

Prandelli non si sbilancia sui ‘tagli’:

– Non faccio nomi, tutti meritano di venire, ma dovrò fare delle scelte. Però mi piace lo spirito che i ragazzi hanno messo in campo.

Quanto a Balotelli “mi è piaciuto molto”, aggiunge Prandelli ai microfoni della Rai.

 

ITALIA-SAN MARINO 4-0

ITALIA (4-3-3): Buffon sv (26′ st Sirigu sv), Maggio 6 (31′ st Abate sv), Ranocchia sv, Ogbonna sv, Antonelli 6.5 (44′ pt De Sciglio 6), Poli 6.5, Pirlo 6.5, Aquilani 6.5, Diamanti 5.5 (3′ st Cerci 6), Gilardino 6 (3′ st Balotelli 6.5), Bonaventura 6 (3′ st Sau 6). (17 Agazzi, 19 Bonucci, 3 Chiellini, 15 Barzagli, 8 Marchisio, 18 Montolivo, 23 Giaccherini, 14 El Shaarawy, 10 Giovinco). All.: Prandelli 6.5

SAN MARINO (4-4-2): A.J. Simoncini 6.5 (1′ st Valentini 5.5), F. Rinaldi 5, D. Simoncini 5, Della Valle 5 (26′ st G. Bollini sv), F. Vitaioli 5, Gasperoni 5.5 (14′ st Berretti sv), Bollini 5.5 (22′ st Buscarini sv), Cervellini 5, M. Vitaioli 6 (33′ st D. Rinaldi sv), Selva 5, Coppini 5 (1′ st Cibelli 5) (13 Bollini G, 13 Genghini, 15 Andreini, 17 Calzolai, 20 Mazza, 21 Bianchi). All.: Mazza 6

Arbitro: Borg (Malta) 6. Reti: nel pt 28′ Poli, 33′ Gilardino; nel st 4′ Pirlo, 34′ Aquilani Angoli: 12 a 1 per l’Italia Recupero: 1′ e 2′ Ammoniti: Della Valle per gioco falloso. Spettatori: 29.000.

Note: in tribuna il ministro dell’integrazione Cecile Kyenge.

I GOL — 28′ st: Poli da limite ruba palla, entra in area e di destro batte Simoncini da posizione defilata 33′ st: Aquilani è pescato nel suo inserimento in area da Poli, il suo tiro è respinto, la ribattuta provoca un duetto con Gilardino che dal dischetto sigla il raddoppio. 4′ st: punizione da 25 metri conquistata da Diamanti. Pirlo aspetta che entrino i primi tre cambi azzurri ma non cede il pallone a Balotelli, il suo destro a giro è preciso sotto l’incrocio. 34′ st: Balotelli si conquista una punizione dal limite, Pirlo la batte e Aquilani sottoporta è pronto a ribattere sulla mancata trattenuta del portiere.

Ultima ora

16:54Calcio: Mourinho, City diversamente educato

(ANSA) - LONDRA, 12 DIC - "Una diversa educazione", così José Mourinho spiega il comportamento del Manchester City al termine del derby di domenica, da cui è scaturita la rissa negli tunnel dell'Old Trafford. In precedenza il suo collega Pep Guardiola aveva escluso che i suoi giocatori avessero mancato di rispetto agli avversari appena battuti. "Pep dice quello che vuole e io non intendo commentare le sue parole - la replica stizzita del portoghese -. L'unica cosa che posso dire è che per me è tutta una questione di diversa educazione, niente più che questo". Secondo la stampa britannica gli animi si erano surriscaldati in seguito alla richiesta, rivolta dallo stesso Mourinho ai giocatori del City, di contenere i festeggiamenti e mostrare maggior rispetto allo United.

16:53Clima: Macron posa con cartello Make our planet Great Again

(ANSA) - BOULOGNE-BILLANCOURT (FRANCIA), 12 DIC - ''Make Our Planet Great Again": nel giorno del summit informale sul clima all'Ile Séguin di Boulogne-Billancourt, alle porte di Parigi, il presidente francese e padrone di casa, Emmanuel Macron, ha posato davanti ai fotografi con il suo celebre slogan in risposta a Donald Trump. A inizio giugno, in seguito all'annuncio shock del presidente Usa di uscire dall'accordo di Parigi, il leader trentanovenne deformò la frase cult di Trump 'Make America great again' rilanciandola in chiave ecologica - 'Make our planet great again' - e invitò studiosi e ricercatori Usa a lasciare la madre patria per lavorare in Francia. Oggi, il governo di Parigi ha annunciato il nome dei primi 18 progetti di studiosi e ricercatori soprattutto americani, selezionati dalla Francia.

16:50Calcio: Guardiola, giusto festeggiare dopo derby

(ANSA) - LONDRA, 12 DIC - Pep Guardiola respinge l'accusa rivolta ai suoi giocatori da José Mourinho di aver mancato di rispetto al Manchester United al termine del derby di domenica, vinto 2-1 dal City e proseguito con una sorta di rissa tra giocatori e membri dello staff tecnico. "Quando perdi devi accettare la sconfitta, ma quando vinci è giusto festeggiare - le parole del tecnico catalano -. Sono stato io ad incoraggiare i miei giocatori a festeggiare. Ma non abbiamo mancato di rispetto a nessuno. Eravamo felici per aver vinto un derby. Tutte le squadre del mondo quando vincono un derby sono felici. E festeggiano dentro il proprio spogliatoio". Marca scrive oggi che all'origine della rissa, nella quale sarebbero stati coinvolti una ventina tra giocatori e membri degli staff, ci sarebbe una battuta di Guardiola a Ibra: "Parli molto ma ti muovi poco in campo". Il tecnico catalano si è però rifiutato di entrare nei dettagli di quanto successo "Quello che dovevo dire l'ho già detto a chi sta svolgendo un'indagine per conto della Fa".

16:34Grenfell Tower: consiglieri Tory non graditi alla messa

(ANSA) - LONDRA, 12 DIC - Aria di polemica in vista della messa di suffragio in programma giovedì 14 nella cattedrale londinese di St Paul, a sei mesi esatti dalla tragedia, in memoria delle vittime del rogo della Grenfell Tower, edificio popolare in cui persero la vita ben 71 persone. Lo scrive il giornale filo-conservatore Daily Telegraph, sostenendo che il rito - a cui è annunciata fra gli altri la partecipazione dei principi Carlo e William con consorti, nonché del principe Harry - è stato dichiarato off limits, per volere di familiari dei morti e superstiti, per tutti i consiglieri Tory del Municipio di Kensington and Chelsea. La decisione è stata formalizzata dal vescovo anglicano di Kensington - che co-celebrerà la liturgia - il quale invece ha confermato l'invito ai consiglieri laburisti, graditi agli ex inquilini e ai loro familiari. "A tutti i consiglieri conservatori è stato chiesto di stare alla larga", ha confermato un portavoce del Municipio, sul cui territorio si consumò la strage.

16:32Calcio: Coppa Italia, in 4.000 partiti da Pordenone

(ANSA) - PORDENONE, 12 DIC - È iniziato l'esodo dei quattromila tifosi del Pordenone verso San Siro, dov'è questa sera la formazione neroverde affronterà l'Inter negli ottavi di finale di Coppa Italia. Alla volta di Milano è partita, attorno alle 14.00, una quarantina di pullman che hanno dato vita ad un festoso serpentone. A bordo dei bus anche tanti tifosi nerazzurri, che hanno colto l'occasione per ammirare dal vivo la capolista della serie A nel confronto con la squadra della loro città, unica di serie C rimasta in lizza nel torneo. Da Tricesimo (Udine), località di cui è originario, è partito un pullman di supporter personali di Michele De Agostini, figlio di Gigi, gloria della Juventus e della Nazionale, oltre che della stessa Inter anche se solo per una stagione, nel 1992-93.

16:31Brexit: Weber, primo accordo è vincolante, Londra chiarisca

(ANSA) - STRASBURGO, 12 DIC - La premier britannica "Theresa May deve intervenire e chiarire che quanto sarà scritto giovedì al Vertice europeo sarà vincolante dal punto di vista giuridico". Lo ha detto il capogruppo del Ppe al Parlamento europeo, Manfred Weber, chiedendo "chiarezza" a Londra in merito all'accordo preliminare siglato nei giorni scorsi sulla prima fase della Brexit da Regno Unito e Ue. "Se ora David Davis mette in dubbio la prima fase - attacca Weber -, ad esempio proponendo un congelamento dei pagamenti finché il processo non sarà concluso, tutto viene di nuovo messo in dubbio. Quanto sentito da Londra contrasta con l'idea di un rapporto di fiducia".

16:28Russia: 007, sventato piano attentati kamikaze durante feste

(ANSA) - MOSCA, 12 DIC - I servizi di sicurezza russi (FSB) hanno sgominato un gruppo terroristico composto da persone originarie dell'Asia centrale che pianificava attacchi suicida, nel corso del periodo festivo e nelle settimane precedenti alle elezioni presidenziali. Lo ha detto il direttore dell'FSB Alexander Bortnikov citato dalle agenzie russe.

Archivio Ultima ora