Fundavag presenta la raccolta poetica Encantar tus Ojos

Pubblicato il 10 giugno 2013 da redazione

CARACAS – La fondazione Rosa e Giuseppe Vagnoni e la Fundavag Ediciones hanno presentato sabato scorso la nuova pubblicazione poetica di Luisana Triago, “Encantar tus Ojos”. L’evento ha avuto luogo presso la Librería Kalathos, all’interno del Centro de Arte Los Galpones, attirando una grande affluenza di pubblico e numerosissimi membri della nostra comunità.

Andreína Melarosa, presidente della Fundavag, ha introdotto questa nuova collaborazione sottolineando l’importanza della fondazione: “Siamo un’istituzione civile, di carattere privato e senza fini di lucro, che ha come obiettivo la diffusione dei contributi culturali apportati dagli emigranti, così come lo sforzo nel campo sociale-solidale”.

A questo proposito il lavoro della Fundavag si esplica in due diverse direzioni, ci ha ricordato il cofondatore Filippo Vagnoni: “Da una parte attivandosi in supporto delle comunità impegnate nel sociale, specialmente nei riguardi dei bambini in condizioni di abbandono o di difficoltà economiche. Dall’altra promuovendo la diffusione della cultura ad opera dei tanti residenti in paesi diversi da quello d’origine”.

-Questa raccolta – ha poi proseguito la presidente Melarosa – è contraddistinta da un linguaggio trasparente, ma allo stesso tempo evocativo e profondo, che indaga sul senso misterioso della vita.

Commentando la raccolta di poesia della Itriago il Sig. Vagnoni ci ha confermato che “si tratta di poesie intimiste e introspettive, da cui però traspare la capacità e la grande voglia dell’autrice di esprimere questi sentimenti verso il mondo esterno. Tutto ciò con un’elegante semplicità che le rende estremamente accessibili”.

In seguito ha preso la parola Ana María Del Re – docente di lingua e letteratura, saggista, nonché collega ed amica dell’autrice – che ha fornito un’interessante e approfondita chiave di lettura dell’opera poetica.

-La raccolta è articolata in dieci parti distinte ma consequenziali, i cui titoli sono in questo senso emblematici – ha spiegato – ognuna di esse racchiude tematiche diverse pur integrandosi in una linea di continuità univoca.

Secondo la professoressa Del re è lo stesso titolo del libro che spinge il lettore a porsi i seguenti interrogativi: “cosa guardano i nostri occhi?” – “cosa ci fa incantare?” – “non è forse la vita stessa un mistero e un incanto contemporaneamente?”

-Attraverso tali quesiti – ha continuato – i versi delle poesie ci guidano verso delle immagini di ampia risonanza che rappresentano il viaggio della vita e della ricerca esistenziale.

La professoressa e scrittrice ha anche elencato alcuni tra i temi fondamentali trattati nelle poesie.

Tra le tematiche ricorrenti ha ricordato  quella “amorosa nelle sue più variegate espressioni: dalla gioia al dolore”. Quella relativa “alla fugacità del tempo, alla nostalgia: anche se contradditorio i ricordi che tratteniamo sono di ciò che amiamo, tramite la forma delle parole ed il riflesso della memoria”. E ancora “il viaggio come metafora del trascorrere del tempo umano, anche nei suoi risultati di devastazione”, così come il “ritorno all’infanzia”.

L’insieme di questi contenuti mirano alla “ricerca del trascendente” – ha poi concluso – rappresentano infatti “l’intimo contatto con le diverse manifestazioni della natura umana, poiché colmi di senso che incontra gli occhi del cuore”.

Ha chiuso la presentazione l’intervento dell’autrice L. Itriago – poetessa, saggista e docente di letteratura presso l’Università Simon Bolivar di Caracas – che vistosamente emozionata, ma sempre ironica, ha voluto ringraziare la Fondazione con le seguenti parole: ”In circostanze difficili come quelle attuali, nel portare a termine progetti di carattere sociale e culturale, la Fondazione Rosa e Giuseppe Vagnoni rappresenta la luce in grado di aprire nuovi cammini della conoscenza”.

Lorenzo Di Muro

Ultima ora

17:28Calcio: Pjanic, Roma? Proveremo a batterla

(ANSA) - TORINO, 18 DIC - "Conosco bene la Roma, sa quello che vuole e sta facendo un ottimo campionato, sono una squadra importante di cui si parla poco". Tocca all'ex di turno Miralem Pjanic, protagonista nella bella vittoria di Bologna con un gol su punizione, parlare dei giallorossi, avversario della Juventus nel big match di sabato sera all'Allianz Stadium. La squadra di Di Francesco "ha tanta qualità - spiega il centrocampista bosniaco nell'intervista rilasciata a Jtv e anticipata sul sito ufficiale della società -. Giocheremo in casa nostra, il pubblico sarà importantissimo e proveremo a vincere". Prima, però, c'è un turno di Coppa Italia da superare, con i bianconeri impegnati mercoledì contro il Genoa. "Vogliamo farla nostra, il mister ce l'ha ripetuto anche oggi, puntiamo a vincere tutto - dice Pjanic -. Non sarà una partita semplice, ma da vincere assolutamente".

17:23Calcio: Milan, annullata cena di Natale

(ANSA) - MILANO, 18 DIC - All'indomani della figuraccia di Verona è stata annullata la cena di Natale del Milan, prevista per questa sera fra la squadra e la dirigenza. Non sono ancora chiari i motivi di questo cambio di programma.

17:18F1: Marchionne, se Circus diventa formula Nascar andiamo via

(ANSA) - MARANELLO (MODENA), 18 DIC - "Se le macchine diventano tutte uguali, modello Nascar, se le piste sono tutte noiose come quella di Abu Dhabi, se prima di discutere argomenti più importanti come la libertà di disegnare una macchina, si pensa di togliere le donne dalla griglia di partenza come ha detto Ross Brawn alla Bbc, il bello è che la Ferrari ci mette un minuto ad andarsene". Lo ha ribadito il presidente e ad di Ferrari, Sergio Marchionne, nel pranzo per lo scambio degli auguri di Natale con la stampa specializzata.

17:15Coniugi uccisi a Viterbo: figlio resta in carcere

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Convalida del fermo e emissione di un ordine di carcerazione per Ermanno Fieno, figlio di Rosa Franceschini, 79 anni, e Gianfranco Fieno, 83, trovati morti a Viterbo la settimana scorsa rinchiusi in sacchi di plastica. Lo ha deciso il gip di Imperia in quanto l'uomo era stato fermato a Ventimiglia, mentre era in procinto di lasciare l'Italia. Oggi Fieno si è avvalso della facoltà di non rispondere anche al gip, dopo aver fatto lo stesso sabato scorso col pm di Viterbo. Il gip si è poi dichiarato incompetente a procedere nei confronti dell'uomo accusato almeno dell'omicidio della madre (il padre potrebbe essere morto per cause naturali, attesa per esiti autopsia), e trasferito gli atti nel capoluogo della Tuscia. Qui la procura, guidata da Paolo Auriemma, dovrà procedere con una nuova richiesta di arresto. Alla base dell'omicidio della madre ci sarebbe stata una lite legata al proposito dell'uomo, difeso dagli avvocati Valentini e De Santis, di continuare a usufruire della pensione del padre.

17:13Gb: base Raf in ‘lockdown’

(ANSA) - LONDRA, 18 DIC - La base della Raf di Mildenhall, nel Suffolk, che ospita anche gli aerei dell'aviazione militare Usa, è in 'lockdown' dopo che un uomo a bordo di un'auto avrebbe cercato di forzarne l'ingresso. Ne dà notizia Sky News, secondo cui sarebbe stato compiuto un arresto.

17:10Gb: ecco la foto Natale di William e Kate coi figli

(ANSA) - LONDRA, 18 DIC - I duchi di Cambridge scelgono il colore azzurro per la foto ufficiale di questo Natale. William e Kate coi figli George e Charlotte sono stati immortalati per le festività dal fotografo reale Chris Jackson e tutti hanno indossato abiti di tonalità simili. L'immagine, che appare sui biglietti di auguri della famiglia, viene diffusa nello stesso giorno in cui Kensington Palace annuncia che la piccola Charlotte, due anni, a partire da gennaio frequenterà l'asilo: si tratta della prestigiosa, e costosa, Willcocks Nursery School, che si trova vicino alla residenza londinese dei duchi.

17:00Da Tribunale Napoli ok status rifugiato a lesbica nigeriana

(ANSA) - NAPOLI, 18 DIC - Il Tribunale di Napoli ha concesso ad una ragazza lesbica di origini nigeriane lo status di rifugiato. La ragazza, rende noto Arcigay Napoli, era scappata dal proprio paese nel 2015 dopo che il padre aveva saputo della sua omosessualità: per evitare il linciaggio e la morte ha attraversato il Niger e la Libia per approdare infine in Italia dove nel 2016 ha inoltrato la domanda di protezione internazionale. La domanda è stata in un primo momento rigettata dalla Commissione territoriale di Crotone che ha considerato, si legge nella nota, "poco credibile il racconto della ragazza, acquisito attraverso una videoregistrazione". A seguito di un ricorso e alla convocazione personale della ragazza, il Tribunale di Napoli ha riconosciuto lo status. "Una decisione molto importante - afferma Mara Biancamano, referente legale dello sportello MigraAntino di Arcigay Napoli - Il giudice ha ritenuto che non esistono parametri oggettivi ai quali si possa ancorare il giudizio sull'orientamento sessuale".

Archivio Ultima ora