Gli azzurri oggi in campo contro i samurai di Zac

Pubblicato il 18 giugno 2013 da redazione

RECIFE – Addio Rio. Forse arrivederci. L’Italia sbarca nel nord-est del Brasile, nella capitale dello stato di Pernambuco e cerca di dare un senso compiuto alla prima vittoria di Confederations contro il Messico.

A Recife oggi c’é il Giappone di Zaccheroni, è necessario evitare passi falsi per non rimandare allo scontro diretto col Brasile il discorso qualificazione, e complicare così la strada verso la finale di Rio. Nell’Arena che porta il nome della regione ma che per Recife rischia di essere, come dicono qui, un altro ‘elefante bianco’, ovvero un impianto troppo dispendioso e troppo grande per il dopo, gli azzurri affrontano la nazionale rivelazione allenata da una vecchia conoscenza del calcio italiano.

Italia-Giappone è un match per il quale in città c’é attesa, perché gli azzurri sono popolari anche da queste parti, ma la torcida si augura che non si ripetano i disagi che a molti hanno impedito di arrivare in tempo per il calcio d’inizio di Spagna-Uruguay, a causa del pessimo funzionamento dei trasporti pubblici.

La squadra di Prandelli non avrà questo tipo di problemi, piuttosto il ct riflette se sia il caso di fare il turnover. Una vittoria contro i ‘Blue Samurai’ vorrebbe dire qualificazione garantita, il problema è vedere con quali uomini ottenerla, quindi se mandare in campo la squadra titolare e poi far rifiatare qualcuno sabato contro il Brasile, oppure se non sia il caso di fare subito qualche avvicendamento. C’é ad esempio la netta impressione che Maggio possa prendere il posto di Abate sulla fascia destra, e che qualcosa possa cambiare nel settore avanzato, dove Marchisio potrebbe essere avvicendato da qualcuno con maggiori propensioni offensive.

Negli ultimi allenamenti è apparso molto tonico Giovinco, ma visto che dovrebbe essere confermato Giaccherini, che a Prandelli è piaciuto molto contro il Messico, la mossa di inserire la ‘formica atomica’ accanto a un altro peso piuma potrebbe non essere quella giusta. Ecco allora che il tecnico ha dedicato particolare attenzione ad Aquilani, indiziato per una maglia da titolare. In attacco Balotelli ci sarà, nonostante il rischio squalifica in caso di nuova ammonizione, perché in questo momento il tecnico non vuole privarsene. Starà a Mario comportarsi a dovere, visto che non vuole perdersi il match di Salvador contro il Brasile. Di fronte ci sarà un Giappone messo non bene dopo la botta presa al ‘Garrincha’ di Brasilia, un 3-0 frutto anche della stanchezza accumulata durante i viaggi per gli impegni nelle qualificazioni mondiali asiatiche e poi per arrivare in Brasile. In più Zaccheroni ha un elemento fondamentale come il laziale mancato Honda non al meglio della forma. Il ‘nuovo Nakata’, anche come campione di marketing, è tornato dopo un noioso infortunio, e non ha ancora i 90 minuti nelle gambe. Promette comunque di dare tutto, mentre l’assistente di “Zac”, Giampaolo Colautti, dice che “uno come lui nella serie A italiana ci starebbe benissimo”.

Problemi analoghi a quelli di Honda li hanno anche Kagawa e Uchida, mentre l’interista Nagatomo continua a giocare pur avendo un menisco rotto. E’ una squadra particolare questa nazionale giapponese, frutto di un sistema calcistico che si fonda per prima cosa sullo sport universitario, un po’ come negli Usa. Così chi arriva alla J-League, o va all’estero, proviene dal mondo delle squadre universitarie, con tanto di permesso che va chiesto dai club ai genitori degli studenti-calciatori prima della firma di contratti professionistici.

Si spiega così che tra i 23 convocati di Zaccheroni ce ne sia soltanto uno, il n.16 Kurihara, non laureato. Gli altri, compreso il figlio di olandesi Havenaar, sono tutti dottori, e in questi hanno già stravinto la sfida con l’Italia.

Tra loro spicca il portiere Eiji Kawashima, laureato in lingue: ne parla cinque, tra cui l’italiano, imparato ai tempi degli stage a Parma assieme al rivale di stasera Gigi Buffon.

Zaccheroni non ne mette in dubbio la presenza a Recife, nonostante qualche errore contro il Brasile. Kawashima è anche il calciatore che durante una partita del campionato belga (giocava nel Lierse) fece fermare una partita dall’arbitro perché non sopportava più i cori “Kawashima, Fukushima” cantati dai tifosi dell’Anversa dietro la sua porta. Kawashima alla fine raggiunse gli spogliatoi tra le lacrime. Ma ora tra i dottori di Zac e gli azzurri di Prandelli è un’altra storia.

Ultima ora

00:40Ovazione per Trump a concerto inaugurale

(ANSA) - NEW YORK, 19 GEN - Ovazione per Donald TRump all'ingresso al Lincoln Memorial, dove è in corso il concerto per l'inaugurazione. Dal pubblico si è alzato il coro 'Trump, Trump'. Il presidente eletto è arrivato mano nella mano con Melania al Lincoln Memorial. Un ingresso sulle note dei Rolling Stones, 'Heart of Stone'. Trump e Melania, sorridenti, hanno salutato il pubblico e hanno preso posto nel palco d'onore, in prima fila a fianco a Ivanka e Jared Kushner.

22:39Moda: Pitti Bimbo, Trussardi Junior partner di Brave Kid

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - Debutta oggi a Pitti Bimbo 84 la prima collezione Trussardi Junior prodotta e distribuita in licenza mondiale da Brave Kid, azienda del gruppo Otb di Renzo Rosso. "Abbiamo trovato in Brave Kid il partner ideale in grado di rappresentare al meglio i valori Trussardi nell'ambito del kidswear", dice Tomaso Trussardi, Ad del gruppo. La collezione, da 4 a 14 anni, propone una versione mignon dei codici di stile dell'azienda fondata a Bergamo nel 1911: dettagli con l'iconico levrieo, stampe floreali, loghi all over. E' un total look completo, con cappottino, bomber in pelle, piumini bi-color, completi di felpa, gilet, giubboni di nylon, T-shirts.

22:11Poliziotto cede mitraglietta a pregiudicato, due in carcere

(ANSA) - LECCE, 19 GEN - Un poliziotto in servizio alla Questura di Lecce è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria, trasferito in carcere e sospeso dal servizio per aver rubato un'arma da guerra, una pistola mitraglietta Beretta M12, custodita nell'armeria della Questura, cedendola ad un pregiudicato di Merine, frazione di Lizzanello (Lecce), arrestato per detenzione illegale di arma da guerra. La mancanza dell'arma è stata scoperta durante una verifica in armeria e l'indagine interna è scattata immediatamente. L'agente sospettato ha subito ammesso le proprie responsabilità e di aver ceduto l'arma ad un pregiudicato di Merine, nella cui abitazione è stata trovata. Il poliziotto dovrà rispondere di furto e detenzione illegale di arma da guerra. Il questore di Lecce, Pierluigi D'Angelo: "E' un episodio di estrema gravità che ci addolora profondamente, ma è significativo che a portarla alla luce ed a sventare il tentativo siano stati altri poliziotti e che la struttura sia stata in grado di reagire tempestivamente".

22:11Polemica su spettacolo transgender, Arcigay invita assessore

(ANSA) - VENEZIA, 19 GEN - Ha scatenato una polemica in Veneto la programmazione il 7 marzo prossimo al teatro Astra di Vicenza dello spettacolo "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro", lavoro del regista siciliano Giuliano Scarpinato il quale racconta la storia di un bambino che non ha ancora deciso se essere maschio o femmina, o meglio, vorrebbe essere tutti e due. L'Arcigay di Vicenza ha ringraziato l'assessore regionale veneto Elena Donazzan (Fi), che ieri aveva inviato una lettera al ministro dell'istruzione, Valeria Fedeli, chiedendole di non consentire alle scuole di proporre lo spettacolo sul bambino transgender. "Ringraziamo l'assessore regionale Elena Donazzan per la notevole visibilità offerta a "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro'" scrive l'Arcigay, che invita l'esponente regionale a vedere assieme lo spettacolo, disposto ad offrirle il biglietto di ingresso. (ANSA).

22:01Terremoto: Salvini, ho riportato voci dei sindaci arrabbiati

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Polemiche sul terremoto? Io ho riportato la voce dei sindaci e dei cittadini arrabbiati. Se la Boldrini dice che è grave il ritardo dei soccorsi, è un richiamo delle istituzioni, ma se lo dice Salvini scoppia la polemica...". Così il leader della Lega Nord Matteo Salvini, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7. "La nomina di Errani a comandante in capo per la ricostruzione, è una nomina politica per un organismo che è tecnico e secondo me non è una cosa buona. Renzi - conclude - aveva bisogno di sistemare una casella politica".

21:59Terremoto: domani in cdm estensione stati di emergenza

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Il consiglio dei ministri, a quanto si apprende da fonti di governo, dovrebbe domani mattina alle 11 procedere, con provvedimenti fuori sacco, con l'estensione degli stati di emergenza nei territori colpiti negli ultimi giorni da nuove scosse di terremoto e dai danni dell'eccezionale ondata di maltempo. Saranno aumentati, a quanto si apprende, gli interventi sui territori colpiti senza allargare il cratere dei comuni colpiti già definiti nei mesi scorsi.

21:48Hotel Rigopiano: Curcio, finora due vittime

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 19 GEN - Finora dall'hotel Rigopiano "sono state estratte due vittime": lo ha detto a Penne il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio. "I numeri li da' la prefettura, che qui ha parlato di due vittime e quindi io mi attengo a questo numero", ha aggiunto Curcio, a margine del vertice sui soccorsi all'Hotel Rigopiano. "Si continuerà a lavorare tutta la notte, compatibilmente con le esigenze di sicurezza degli operatori, tenendo presente che si tratta di un'operazione molto complicata - ha aggiunto Curcio - sono all'opera 135 persone, con più di 20 mezzi". Curcio ha rimarcato: "Ci sono persone che stanno lavorando al limite del possibile e che stanno svolgendo il proprio compito con grande professionalità e passione. È un lavoro di soccorso, in una situazione difficile".

Archivio Ultima ora