Gli azzurri oggi in campo contro i samurai di Zac

Pubblicato il 18 giugno 2013 da redazione

RECIFE – Addio Rio. Forse arrivederci. L’Italia sbarca nel nord-est del Brasile, nella capitale dello stato di Pernambuco e cerca di dare un senso compiuto alla prima vittoria di Confederations contro il Messico.

A Recife oggi c’é il Giappone di Zaccheroni, è necessario evitare passi falsi per non rimandare allo scontro diretto col Brasile il discorso qualificazione, e complicare così la strada verso la finale di Rio. Nell’Arena che porta il nome della regione ma che per Recife rischia di essere, come dicono qui, un altro ‘elefante bianco’, ovvero un impianto troppo dispendioso e troppo grande per il dopo, gli azzurri affrontano la nazionale rivelazione allenata da una vecchia conoscenza del calcio italiano.

Italia-Giappone è un match per il quale in città c’é attesa, perché gli azzurri sono popolari anche da queste parti, ma la torcida si augura che non si ripetano i disagi che a molti hanno impedito di arrivare in tempo per il calcio d’inizio di Spagna-Uruguay, a causa del pessimo funzionamento dei trasporti pubblici.

La squadra di Prandelli non avrà questo tipo di problemi, piuttosto il ct riflette se sia il caso di fare il turnover. Una vittoria contro i ‘Blue Samurai’ vorrebbe dire qualificazione garantita, il problema è vedere con quali uomini ottenerla, quindi se mandare in campo la squadra titolare e poi far rifiatare qualcuno sabato contro il Brasile, oppure se non sia il caso di fare subito qualche avvicendamento. C’é ad esempio la netta impressione che Maggio possa prendere il posto di Abate sulla fascia destra, e che qualcosa possa cambiare nel settore avanzato, dove Marchisio potrebbe essere avvicendato da qualcuno con maggiori propensioni offensive.

Negli ultimi allenamenti è apparso molto tonico Giovinco, ma visto che dovrebbe essere confermato Giaccherini, che a Prandelli è piaciuto molto contro il Messico, la mossa di inserire la ‘formica atomica’ accanto a un altro peso piuma potrebbe non essere quella giusta. Ecco allora che il tecnico ha dedicato particolare attenzione ad Aquilani, indiziato per una maglia da titolare. In attacco Balotelli ci sarà, nonostante il rischio squalifica in caso di nuova ammonizione, perché in questo momento il tecnico non vuole privarsene. Starà a Mario comportarsi a dovere, visto che non vuole perdersi il match di Salvador contro il Brasile. Di fronte ci sarà un Giappone messo non bene dopo la botta presa al ‘Garrincha’ di Brasilia, un 3-0 frutto anche della stanchezza accumulata durante i viaggi per gli impegni nelle qualificazioni mondiali asiatiche e poi per arrivare in Brasile. In più Zaccheroni ha un elemento fondamentale come il laziale mancato Honda non al meglio della forma. Il ‘nuovo Nakata’, anche come campione di marketing, è tornato dopo un noioso infortunio, e non ha ancora i 90 minuti nelle gambe. Promette comunque di dare tutto, mentre l’assistente di “Zac”, Giampaolo Colautti, dice che “uno come lui nella serie A italiana ci starebbe benissimo”.

Problemi analoghi a quelli di Honda li hanno anche Kagawa e Uchida, mentre l’interista Nagatomo continua a giocare pur avendo un menisco rotto. E’ una squadra particolare questa nazionale giapponese, frutto di un sistema calcistico che si fonda per prima cosa sullo sport universitario, un po’ come negli Usa. Così chi arriva alla J-League, o va all’estero, proviene dal mondo delle squadre universitarie, con tanto di permesso che va chiesto dai club ai genitori degli studenti-calciatori prima della firma di contratti professionistici.

Si spiega così che tra i 23 convocati di Zaccheroni ce ne sia soltanto uno, il n.16 Kurihara, non laureato. Gli altri, compreso il figlio di olandesi Havenaar, sono tutti dottori, e in questi hanno già stravinto la sfida con l’Italia.

Tra loro spicca il portiere Eiji Kawashima, laureato in lingue: ne parla cinque, tra cui l’italiano, imparato ai tempi degli stage a Parma assieme al rivale di stasera Gigi Buffon.

Zaccheroni non ne mette in dubbio la presenza a Recife, nonostante qualche errore contro il Brasile. Kawashima è anche il calciatore che durante una partita del campionato belga (giocava nel Lierse) fece fermare una partita dall’arbitro perché non sopportava più i cori “Kawashima, Fukushima” cantati dai tifosi dell’Anversa dietro la sua porta. Kawashima alla fine raggiunse gli spogliatoi tra le lacrime. Ma ora tra i dottori di Zac e gli azzurri di Prandelli è un’altra storia.

Ultima ora

01:34Venezuela: nuove proteste, almeno tre dimostranti morti

(ANSA) - CARACAS, 25 APR - Nuove proteste di piazza nel Venezuela contro il governo di Nicolas Maduro, e almeno tre giovani manifestanti uccisi: due colpiti da "paramilitari filo-governativi" a Barinitas, nello stato di Barinas, nell'ovest del Venezuela, secondo quanto rivelato dal deputato dell'opposizione Pedro Luis Castillo, e uno a merida, capoluogo dello stato omonimo, secondo informazioni dell'Ombudsman nazionale, Tarek William Saab. Tutti e tre, secondo le prime informazioni, sarebbero stati raggiunti da colpi d'arma da fuoco.

01:16Terremoti: Cile, scossa 6.9, ma niente allerta tsunami

(ANSA) - SANTIAGO DEL CILE, 25 APR - Una forte e lunga scossa di terremoto è stato avvertito a Santiago del Cile e in un'ampia zona nell'area centrale del Cile. La magnitudo è stata pari a 6.9 con l'epicentro a 25 km da Valparaiso. Lo riporta il centro sismologico dell'Università del Cile. Non si ha ancora notizia di vittime, ma è stato lanciato l'allarme tsunami, che però è stato revocato pochi minuti dopo. Prima della cancellazione dell'allerta, in alcune zone delle regioni di Valparaiso e O'Higgins era già scattata l'evacuazione preventiva della popolazione nelle località costiere. La scossa, avvertita alle 18.39 ora locale a una profondità di 13,2 kilometri, è stata particolarmente intensa, soprattutto nelle regioni di Coquimbo e Biobio. Nella zona di Valparaiso, dove è stato localizzato l'epicentro, dalla notte dello scorso sabato si sono verificate circa 100 scosse. Il terremoto è stato avvertito anche in Argentina, nelle regioni di Mendoza e San Juan, confinanti con il Cile.

01:08Musica: paura per Elton John, ‘ha rischiato di morire’

(ANSA) - LONDRA, 25 APR - Paura per Elton John, leggenda del pop internazionale, che ha rischiato di morire a causa di un'infezione rara e maligna contratta durante un tour in Sudamerica e che lo ha costretto in ospedale fino a sabato. La disavventura, a lieto fine, è stata resa nota stanotte in un comunicato diffuso a Londra, nel quale è stata annunciata fra l'altro la cancellazione di alcuni show negli Usa. Secondo il comunicato, la star britannica, 70 anni, è stata contagiata da un'infezione "potenzialmente mortale", sfociata in "un violento" malessere sul volo di ritorno da Santiago del Cile. Ricoverato in terapia intensiva all'arrivo a Londra, è adesso a casa convalescente e sta meglio. Ma per un po', niente concerti. "Ci dispiace informarvi che, per ragioni mediche, Elton John è costretto a cancellare il suo intero programma di esibizioni previste per aprile-maggio" a Las Vegas, è scritto nella nota. "Elton annulla anche la performance prevista per sabato 6 maggio a Bakersfield, in California".

23:55Le Pen, mi sospendo da presidenza Fn, solo candidata

(ANSA) - PARIGI, 24 APR - "Mi sospendo dalla presidenza del Front National. Da questo momento in poi sono soltanto la candidata alle presidenziali": lo ha annunciato questa sera al tg di France 2 Marine Le Pen.

23:12Calcio: la Roma vince 4-1, Pescara matematicamente in B

(ANSA) - ROMA, 24 APR - La Roma batte 4-1 il Pescara e lo condanna alla serie B con cinque giornate di anticipo sulla fine del campionato. Gli abruzzesi, con 14 punti, non possono più raggiungere l'Empoli, quart'ultimo con 29 e in vantaggio negli scontri diretti. I giallorossi salgono a quota 75 punti, a +4 sul Napoli e a -8 dalla Juventus. Di Strootman e Nainggolan le prime reti degli ospiti, venute entrambe alla fine del primo tempo. Salah segna una doppietta a inizio ripresa. Nel finale la rete della bandiera degli abruzzesi con Benali.

22:22Siria: sanzioni Usa al centro ricerca armi chimiche

(ANSA) - WASHINGTON, 24 APR - Gli Usa hanno emesso oggi sanzioni nei confronti dei dipendenti del Centro di ricerca siriano ritenuto responsabile dello sviluppo di armi chimiche: lo ha annunciato dalla Casa Bianca il segretario al Tesoro Steven Mnuchin, come risposta "all'orribile attacco con armi chimiche contro civili innocenti". Nella 'lista nera' sono finiti 271 dipendenti del centro di ricerche. Si tratta di una delle cifre più alte di persone sottoposte a sanzioni nella storia degli Stati Uniti.

20:47Pd: Renzi, vince chi ha un voto in più, stop discussioni

(ANSA) - ROMA, 24 APR - Vince le primarie Pd "chi ha un voto in più. Ma se votasse solo un milione di persone, quindi molte meno di quelle che pensiamo, o se votasse una sola persona, sarebbero comunque 999.999 in più a decidere rispetto a quelle che decidono ad Arcore o nel blog". Lo dice Matteo Renzi a Radio Capital. "Un milione sarebbe un flop? E' un giudizio politico, io spero siano di più, faccio un appello alla partecipazione a questa grande festa della democrazia ma non posso accettare che si metta in discussione il risultato", sottolinea.

Archivio Ultima ora