L’Ue alla ricerca di fondi per l’occupazione Merkel: “No alla pentola dei soldi”

Pubblicato il 24 giugno 2013 da redazione

BRUXELLES – Solidarietà. Non è questo un concetto condiviso dai 27 che, giovedì e venerdì, parteciparanno al vertice europeo. In effetti, i paesi dell’Unione sono divisi tra chi cerca disperatamente fondi per affrontare l’ “emergenza occupazione” – specialmente quella giovanile – e chi, invece, fa un passo indietro per non metterceli. Nel summit i Paesi dell’Unione cercheranno di moltiplicare le poche risorse già diponibili anche se per la cancelliera Angela Merkel è sbagliato cercare sempre ‘’la prossima pentola coi soldi’’.

I 27 non sono solo divisi sul concetto di solidarietà ma ancora una volta anche sull’unione bancaria. I ministri dell’Economia, dopo il nulla di fatto nell’Ecofin di venerdì scorso, domani proveranno di nuovo a trovare una posizione comune sul ‘fallimento ordinato delle banche’. Ovvero, su quel meccanismo che dovrebbe evitare di salvare le banche in difficoltà con i soldi pubblici e pensato per ridare un po’ di fiducia nell’Europa ai cittadini euroscettici.

Al centro del vertice, come chiesto anche dall’Italia, il tema occupazione – in particolare quella giovanile che colpisce potenzialmente tutti i paesi -. Ma per finanziare le iniziative a favore dei giovani, le risorse non cambiano: è cosa risaputa che si potranno usare subito i sei miliardi di euro della ‘Youth Initiative’ (per l’Italia 400-600 milioni), che faranno partire la ‘Youth guarantee’ da gennaio 2014. Ma le risorse sono vincolate alla capacità degli Stati di organizzare in tempo un piano per creare uffici di collocamento efficienti; uffici di collocamento capaci di trovare posti di lavoro o di apprendistato ai giovani entro quattro mesi dalla fine degli studi.

C’è poi la riprogrammazione dei fondi strutturali non utilizzati del bilancio 2007-2013. Questi sono 31 miliardi, tra fondi Ue e cofinanziamenti nazionali. Ma solo una piccola parte – si parla di appena due-tre miliardi – può essere investita nel sostenere l’occupazione. Anche il fondo sociale del nuovo bilancio 2014-2020 verrà in soccorso, ma almeno per quel che riguarda l’Italia si tratta di 9 miliardi in sette anni. Il vertice europeo, inoltre, dovrebbe dare un nuovo impulso ai programmi di mobilità dei lavoratori, da ‘Erasmus for all’ e ‘Eures’, la rete europea di uffici di collocamento.

I leader, poi, faranno il punto sul ‘growth compact’. Cioè, su quei 120 miliardi sbandierati a giugno dell’anno scorso e mai utilizzati. A dire il vero, anche quelli sono la somma di risorse quali il Bei, i fondi di coesione e il fondo sociale; risorse già conteggiate, che probabilmente ora si proverà ad utilizzare. Si sa che la Commissione Ue considera che il nocciolo del problema non sia trovare nuovi fondi, ma essere più efficienti nell’uso di quelli già esistenti.

E’ proprio una maggiore incisività nell’impiego delle risorse già esistenti che giustifica in gran parte l’insistenza della Merkel sui ‘’compiti a casa’’; insistenza ribadita anche ieri. La cancelliera considera che è necessario un maggior impegno, uno sforzo di riforma dei Paesi più che un rubinetto di fondi sempre aperto.

Prima del vertice, sarà responsabilità dell’Ecofin ricompattare l’Ue: determinare definitivamente uno schema per far fallire le banche in modo tale che non arrechino danni alle casse degli Stati e, soprattuttio, alle tasche dei risparmiatori. Non sarà una impresa facile. Anzi, gli analisti coincidono nel sottolineare che sarà più dura del previsto.

Falchi e colombe. Nell’Ecofin e nel vertice europeo si affronteranno due blocchi dalle tendenze opposte. Da una parte, quello guidato dalla germania della cancelliera Angela Merkel, che vuole regole rigide e uguali per tutti (chi deve assorbire le perdite maggiori, quali i passivi esigibili da colpire) e quello guidato dalla Francia di Hollande che vuole invece flessibilità nella scelta di chi deve pagare il conto, i piatti rotti.

Juan Carlos Bafile

Ultima ora

14:36Ucciso per un pettegolezzo, un arresto nel Reggiano

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 16 DIC - Tutto sarebbe nato da un pettegolezzo: aveva detto che sua moglie era molto più bella di lui. Per fargliela pagare hanno escogitato un tranello, portato avanti per otto mesi, per attirarlo nel luogo dove poi lo hanno ucciso a Fabbrico, nel Reggiano, tre anni fa. I carabinieri hanno arrestato un pakistano di 38 anni, accusato di aver ucciso un connazionale di 20. E' l'evoluzione dell'inchiesta che aveva già portato nel maggio scorso, al fermo di un altro pachistano, accusato di aver illuso la vittima con un falso profilo Facebook, di una ragazza benestante con cui fuggire in cerca di una vita più felice e lontano dai vincoli delle proprie tradizioni. Il ventenne era stato seviziato, ucciso e sotterrato la notte di San Valentino di tre anni fa. Il suo corpo, in stato di decomposizione, era stato trovato casualmente solo tre mesi dopo nel corso di lavori in un cantiere. (ANSA).

14:15Capotreno aggredito, fermati 4 minorenni

(ANSA) - PISA, 16 DIC - Quattro minorenni lucchesi sono stati fermati stamani dalla polfer alla stazione di Pisa dopo avere aggredito un capotreno che era intervenuto in soccorso di una ragazza infastidita dai quattro ragazzi a bordo di un treno regionale della linea Pisa-Lucca. Secondo quanto si è appreso, una volta giunti in stazione i giovani hanno letteralmente pestato il capotreno e reagito con violenza anche all'intervento della polizia: sia il dipendente di Trenitalia sia due agenti sono rimasti feriti e trasportati al pronto soccorso. I contorni dell'episodio, avvenuti intorno alle 11, sono ancora in fase di ricostruzione: i quattro minorenni si trovano all'interno degli uffici della polizia ferroviaria che sta ancora valutando i provvedimenti da prendere e le contestazioni di reato necessarie. L'aggressione è avvenuta davanti a decine di passeggeri e il 118 ha inviato sul posto almeno tre ambulanze mentre anche la polizia di stato ha inviato pattuglie a supporto degli agenti della polfer preventivamente avvertiti dal capotreno che poi è stato aggredito e che ha riportato ferite piuttosto serie.(ANSA).

14:12Sci: Goggia seconda e felice, “è scattato un click”

(ANSA) - VAL D'ISERE (FRANCIA), 16 DIC - "Sono riuscita finalmente a pensare solo a me stessa, a concentrarmi sulle cose giuste da fare e a sciare bene, senza sentirmi addosso pressioni: è scattato un click": sono state queste le prime parole della numero uno delle sciatrici azzurre, Sofia Goggia, tornata oggi sul podio, il 14/o in carriera, del SuperGigante di Val d'Isere.

14:10Calcio: Pescara, Zeman “l’1 settembre mi ero dimesso”

(ANSA) - PESCARA, 16 DIC - "L'1 settembre scorso mi ero dimesso da allenatore del Pescara perché c'erano troppi giocatori in rosa, 42. Non erano arrivati i calciatori che avevo richiesto. Poi sono stato convinto a restare dalla società". La clamorosa notizia è stata rivelata dallo stesso tecnico biancazzurro Zdenek Zeman questa mattina nel corso della consueta conferenza stampa per la presentazione della gara di domani all'Adriatico (ore 17.30) con il Novara. Il boemo ha poi parlato dei rapporti con il patron Sebastiani: "Con il presidente mi trovo bene a tavola. Calcisticamente abbiamo delle idee diverse. Il rapporto con lo spogliatoio? I giocatori cercano un allenatore amico. Io sono venuto qui a Pescara per lavorare".

14:05Calcio: Serbia,in carcere teppisti croati per violenze derby

(ANSA) - BELGRADO, 16 DIC - Un tribunale di Belgrado ha disposto la detenzione per 30 giorni a carico di 5 teppisti croati responsabili dei violenti scontri di mercoledì scorso allo stadio della capitale serba dove si giocava il derby di calcio fra Partizan e Stella Rossa. Un sesto imputato, anch'egli croato, si trova in ospedale. Nell'interrogatorio davanti ai giudici, i 5 hooligan sono rimasti in silenzio. Secondo la stampa belgradese, a organizzare gli incidenti e a pagare il gruppo di teppisti croati per la 'trasferta' a Belgrado -coprendo tutte le spese logistiche e di soggiorno- sarebbe stato Filip Korac, boss criminale alla guida dell'organizzazione cosidetta 'Skaljaski Klan'. Alcuni giornali hanno parlato di 10 mila euro sborsati da Korac per scatenate il caos durante il derby. Una ventina di persone erano rimaste ferite, una in modo grave, negli scontri di mercoledì sera allo stadio del Partizan la cui dinamica resta ancora poco chiara. La polizia ha effettuato in tutto 26 arresti, compresi i sei croati 'agitatori'.

14:05Sicilia: deputato Udc fa vedere voto a Miccichè, è caos

(ANSA) - PALERMO, 16 DIC - Caos in aula. Il deputato dell'Udc, Giovanni Bulla, dopo avere votato ha mostrato la scheda a Gianfranco Miccichè prima di metterla nell'urna e a sala d'Ercole, dove è in corso la votazione per l'elezione del presidente dell'Assemblea regionale siciliana, è esplosa la polemica. Miccichè ieri non è riuscito per due volte a essere eletto: nell'ultima votazione gli è mancato un voto.

14:04Stalking: investe sorella della ex, arrestato nel Potentino

(ANSA) - POTENZA, 16 DIC - Al culmine di diversi episodi persecutori nei confronti dell'ex fidanzata e della sua famiglia, ha investito la sorella, che ha riportato lievi ferite: con l'accusa di tentato omicidio, un giovane di 28 anni, di Rionero in Vulture (Potenza), con precedenti penali, è stato arrestato dalla Polizia. Nei confronti del giovane il Questore di Potenza aveva già emesso un provvedimento di ammonimento orale per stalking.

Archivio Ultima ora