Sono 375 mila i laziali sparsi nel mondo

Pubblicato il 04 luglio 2013 da redazione

ROMA – È stato presentato il secondo rapporto “Il Lazio nel Mondo. Immigrazione ed emigrazione” dell’Assessorato alle Politiche sociali della Regione Lazio.

Le chiavi di lettura contenute nel Rapporto presentano la regione non solo come una terra dalla storia secolare ma anche, da diversi decenni, come centro di attrazione, come già avvenuto nelle grandi città europee. Gli immigrati provengono da tutto il mondo spinti dal desiderio di una vita migliore e ricordano che così è stato anche in regione per tanti immigrati partiti dalla Ciociaria e da altri comuni. La presenza degli immigrati, secondo Rita Visini, Assessore regionale alle Politche Sociali, “stimola a pensare in grande, a rinnovare il passato, a essere creativi e non ripetitivi”, facendoci carico della loro tutela.

Un po’ di storia
L’emigrazione dei laziali iniziò fin dall’Unità d’Italia e nella provincia di Frosinone indusse lo spopolamento di diversi comuni della zona di Sora e della valle del Comino. Si partiva per lavorare come braccianti agricoli e manovali, artigiani e ambulanti, negozianti e gelatai, e anche come domestiche, casalinghe e minori (nelle vetrerie di Parigi e di Lione). Non mancavano quelli che oggi chiameremmo gli artisti di strada. Nel 1876, la gendarmeria parigina registrò 12mila artisti girovaghi ciociari, costretti a dormire all’addiaccio: giocolieri, pifferai, musicanti, cantanti, ballerini, suonatori di organetto, ambulanti, spesso con cani o scimmie al seguito. L’emigrazione continuò anche nel periodo successivo alla seconda guerra mondiale e il picco si ebbe negli anni ’60 (43mila cancellazioni per l’estero). A emigrare erano i più poveri e i meno istruiti: la Missione Cattolica Italiana di Parigi parlava, con realismo, di persone “trés chrétiens, mais ni instruits ni cultivés”. Si emigrava praticamente da tutti i comuni laziali, ma specialmente da Cassino e da Sora, aree devastate dalla guerra.

Secondo stime, nel 2000 i laziali nel mondo erano 196mila, residenti in 183 Paesi del mondo. L’esodo continuò tra il 2000 al 2010, quando a trasferire la residenza furono 47.209 laziali (su un totale nazionale di 450.161 persone) a fronte di 35.138 corregionali rimpatriati (su totale nazionale 404.952 persone). La media fu di oltre 4mila espatri l’anno in uscita e 3mila rientri, mentre attualmente la quantificazione è più difficile perché specialmente i giovani non si cancellano dall’anagrafe al momento dell’espatrio.

Al 1° gennaio 2012 sono risultati 375.510 i laziali all’estero, quasi un decimo rispetto ai 4,2 milioni di italiani iscritti all’anagrafe degli italiani residenti all’estero. Dopo la Sicilia, la Campania e la Calabria, il Lazio si afferma quarta regione con una presenza di emigrati così caratterizzata: gli ultrasessantacinquenni, a differenza di quanto avviene in Italia, non prevalgono sui minori (entrambe le classi di età si attestano sul 16%); le seconde generazioni sono maggioritarie (il 61,3% degli iscritti è nato all’estero); per lo più si tratta di celibi e di nubili (65,9%); i maschi incidono per il 51,2%. Si tratta inoltre di una comunità in continuo movimento (per nascita o per emigrazione) e il 44,5% degli iscritti è stato registrato negli ultimi cinque anni (e di essi, il 26% nell’ultimo anno). Gli insediamenti riguardano in prevalenza l’America (233.971 presenze e 62,3%) e l’Europa (118.188 presenze e 31,4%), rispettivamente con la prima collettività in Brasile e in Francia. Quanto ai comuni più coinvolti sono quelli della provincia di Frosinone (ma anche Latina è ben rappresentata), mentre Roma è al primo posto anche a seguito dell’attribuzione residuale dei casi incerti; rispetto a quelli rimasti sul posto, per diversi comuni il numero dei residenti all’estero è superiore (Casalattico e San Biagio Saracinisco) o pari o quasi pari (Terelle e Settefrati, Acquafondata, Terelle, Settefrati). Singolare è il caso di Pisterzo, che conta a Montreal 5.000 persone originarie del comune a fronte di appena 80 abitanti rimasti in Italia. Sono numerose infine le associazioni di emigrati laziali iscritte al registro della Regione Lazio, che fanno capo all’omonima Consulta: 15 in Europa, 27 in Australia, 17 in Sud America, 5 negli Stati Uniti, 35 in Canada, 1 in Sud Africa.

L’immigrazione
Per presentare l’attrattività dell’area romano-laziale nei confronti degli immigrati, oltre che alla recente emigrazione dei laziali, può tornare utile un riferimento ai tempi di Augusto, quando Roma contava 1 milione di abitanti ed era polo di attrazione per tutti i popoli del mondo.

Oggi, come avveniva per i ciociari, gli immigrati esteri provengono da aree del mondo contrassegnate da forti disagi economici e occupazionali e sono spinti dal desiderio di un futuro migliore, rendendosi utili, con le rimesse, anche per i loro Paesi.

Se alla fine degli anni ’90 solo un sesto degli immigrati soggiornanti in provincia di Roma viveva al di fuori della Capitale, oggi si tratta di un terzo e ciò induce a parlare di un “polo romano-laziale” tripartito: da una parte la città di Roma, contesto di assoluta priorità nel panorama migratorio; quindi, i comuni di cintura, strettamente collegati con la Capitale; infine, le altre province, che, pur con caratteristiche specifiche rispetto a Roma, con essa sperimentano una crescente simbiosi. Sono ormai molti gli immigrati, che di giorno lavorano nella Capitale e di sera ritornano nei comuni dove abitano.

Gli immigrati per il 37,0% sono operai e per un altro 33,2% svolgono professioni non qualificate (manovale, bracciante, collaboratore domestico, ecc.); mentre un quinto di essi lavora la sera.

Il Lazio è passato da 167mila nel 2002 a 543mila residenti stranieri nel 2010, e la provincia di Roma da 142mila a 442mila residenti, con 252mila famiglie che hanno almeno un componente straniero al proprio interno (il 32,9% degli immigrati è coniugato). Ne è derivato un effetto di ringiovanimento della popolazione; gli immigrati hanno 10 anni in meno rispetto agli italiani e incidono di meno sui flussi di pensionamento.

In regione, la prima collettività, con quasi 200mila unità, è quella romena (anche la prima per numero di infortuni: 1.744, pari a un terzo delle denunce riguardanti i lavoratori nati all’estero). Queste le altre principali provenienze: 40mila immigrati dalle Filippine; 20mila da Polonia, Bangladesh, Albania, Ucraina, Cina e India; 15mila da Perù, Moldova ed Egitto; 10mila da Marocco e Sri Lanka; 5mila da Ecuador, Tunisia, Brasile e Macedonia.

Il modello d’integrazione degli immigrati nell’area romano-laziale, analizzato secondo gli indici del CNEL, mostra che in regione l’indice di inserimento sociale (che misura il grado di accesso degli immigrati ad alcuni beni e servizi fondamentali di welfare come, ad esempio, la casa e la scuola) non è soddisfacente e relega il Lazio all’ultima posizione in graduatoria e, tra l’altro, a Roma la situazione è peggiore rispetto alle altre province laziali.

La Provincia di Roma continua ad essere il principale polo italiano di partenza delle rimesse verso l’estero con l’invio di ben 2.040.017.000,00 euro nel 2011 (27,6% su 7,4 miliardi complessivi), più di un quarto degli invii di denaro degli immigrati presenti in Italia, in prevalenza verso l’Asia (73,3%).

Ultima ora

01:11Calcio: Foggia-Venezia 2-2

(ANSA) - FOGGIA, 15 DIC - Il Foggia riesce ad acciuffare negli ultimi secondi del recupero il pareggio (2-2) insperato contro un Venezia ben organizzato che aveva mostrato per quasi tutta la partita di poter sovrastare e controllare facilmente gli avversari rossoneri. Una partita che poteva finire tranquillamente con tre o quattro gol di vantaggio per gli uomini di Pippo Inzaghi, ma che e' stata recuperata con la forza della disperazione da un Foggia molto confusionario ma comunque volitivo.

00:34India: Sonia Gandhi lascia presidenza partito Congresso

(ANSA) - NEW DELHI, 15 DIC - Con una cerimonia solenne nella sede del comitato centrale a New Delhi, l'italo-indiana Sonia Gandhi lascerà la presidenza del partito del Congresso trasmettendola al figlio Rahul, designato all'unanimità quale successore. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti. Da tempo la Gandhi aveva avvertito che al compimento del 70/o compleanno avrebbe lasciato le sue responsabilità ai vertici del Congresso ed oggi il portavoce della storica formazione politica, Randeep Surjewala, ha sottolineato che "questo non significa affatto che lei abbandonerà la vita politica attiva". In un tweet Surjewala ha spiegato che "Sonia Gandhi ha abbandonato (dopo 19 anni) la presidenza del partito ma non la politica. La sua benedizione, saggezza e innato impegno nei confronti dell'ideologia del Congresso formeranno sempre la luce che ci orienterà".

00:07L’Spd apre a grande coalizione,sì a colloqui con Merkel

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - I socialdemocratici tedeschi hanno preso la loro decisione: affronteranno i colloqui per una possibile coalizione di governo con Angela Merkel all'inizio di gennaio, e nel giro di due settimane presenteranno i risultati a un congresso straordinario di partito, fissato il 14, per stabilire se sedersi al tavolo dei veri e propri negoziati per una nuova edizione della Grosse Koalition. "Colloqui dall'esito comunque aperto", ha ribadito il leader fresco di conferma, senza rinunciare all'ipotesi di nuove forme di collaborazione. La cancelliera ha apprezzato pubblicamente gli sforzi compiuti da un partito costretto ad una evidente, complicata retromarcia, e ha espresso "grande rispetto" per il percorso decisionale degli alleati-avversari, sottolineando poi però che all'Europa serve una Germania stabile. "Ce lo chiedono tutti", è il monito arrivato dopo il vertice di Bruxelles, a Norimberga, dove era ospite dei cristiano-sociali.

23:58Austria: chiuse trattative. Kurz, c’è accordo governo

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - In Austria, le trattative fra l'Oevp del conservatore Sebastian Kurz e il Fpoe del populista di destra Heinz Christian Strache sono concluse, e i due partiti sono pronti a governare. "C'è un accordo turchese-blu", ha affermato Kurz. "Alle elezioni del 15 ottobre si è deciso per il cambiamento, e insieme vogliamo mettere al sicuro questo cambiamento", ha affermato Kurz, che ha annunciato di voler stabilire un "nuovo stile". "La nuova coalizione si impegna per una politica che risparmia nel sistema, e non a carico della gente", ha continuato il cancelliere designato che ha promesso l'abbassamento delle tasse agli austriaci. A soli 31 anni, sarà lui il cancelliere più giovane della storia del suo Paese e dell'Europa. E questo è l'esito di uno stile politico spregiudicato, con cui il giovanissimo ex ministro degli Esteri ha conquistato la leadership del partito popolare e lo ha portato progressivamente più a destra, strappando il possibile successo elettorale dei populisti di destra del Fpoe.

23:57Gerusalemme: fonti Casa Bianca, Muro parte di Israele

(ANSA) - WASHINGTON, 15 DIC - La Casa Bianca manda segnali per far sapere che vede il Muro occidentale di Gerusalemme (il Muro del pianto) come parte di Israele, alla vigilia della visita del vicepresidente Usa Mike Pence nella regione. Benche' precisino che i confini definitivi della citta' santa devono essere definiti dai negoziati israelo-palestinesi, i dirigenti della Casa Bianca contattati dall'Ap escludono fondamentalmente qualsiasi scenario che non mantenga il controllo di Israele sui luoghi sacri dell'ebraismo.

23:55Basket: Eurolega, Panathinaikos-Milano 80-72

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - L'Olimpia ad Atene fa come Penelope ad Itaca: contro il Panathinakos tesse la tela per 15' e si costruisce un vantaggio di 13 punti (37-24), poi la disfa perdendo fluidità in attacco e consistenza in difesa fino al 80-72 che sancisce la quarta sconfitta consecutiva in Eurolega (3-9). Delusione e rimpianti si mischiano alla rabbia per un arbitraggio discusso e discutibile: con la gara in equilibrio a metà del terzo periodo viene fischiato un fallo tecnico per una simulazione molto dubbia a Theodore che costa al playmaker l'espulsione. In quel momento il Panathinaikos piazza un parziale di 7-0 che spacca in due l'incontro. Le triple di Rivers (20 punti, 6/9 da 3) e Lojeski (14, 2/4 dall'arco) e il predomino a rimbalzo di Gost (11 e 7) fanno il resto, lasciando l'AX Milano con il cerino in mano e con tanto amaro in bocca.

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

Archivio Ultima ora