Abolite le province, si cambia pagina

Pubblicato il 05 luglio 2013 da redazione

ROMA  – A due giorni dalla bocciatura da parte della Corte costituzionale del decreto Monti, il Consiglio dei ministri vara un disegno di legge costituzionale che cancella la parola ”province” dalla nostra Costituzione. La soppressione delle province, ha ricordato Enrico Letta, era un impegno preso nel discorso per la fiducia alle Camere e non mostrare decisionismo su questo capitolo avrebbe mandato un segnale negativo ai cittadini.

Rimangono però aperti alcuni problemi tecnici ma anche i problemi politici dovuti all’ostilità di parte della classe politica alla scelta del governo. Mercoledì la Corte Costituzionale (con una sentenza criticata da Beppe Grillo secondo cui essa fa sprecare 17 miliardi) aveva azzerato gli accorpamenti delle province fatti da Monti sostenendo che non si sarebbe dovuto intervenire per decreto su Enti che hanno fondamento nella Costituzione. Il governo ha raccolto l’indicazione e ha risolto il problema alla radice, cancellando con un tratto di penna la parola ”province” dalla Carta.

– Se non si fosse agito subito dopo la sentenza della Consulta – ha spiegato Letta – si sarebbe creato nella pubblica opinione un atteggiamento di sfiducia perchè troppe volte si è annunciato l’abrogazione delle province senza poi che se ne facesse niente . Abbiamo ritenuto – ha aggiunto il premier – che fosse necessario fermarsi e ripartire da capo.

Per altro, disegni di legge analoghi a quello approvato ieri dal governo erano stati già presentati in Parlamento (alla Camera Pino Pisicchio e al Senato Linda Lanzillotta e Roberto Calderoli) ma l’esame non era nemmeno iniziato. L’approvazione di una legge Costituzionale richiede tempi piu’ lunghi, con doppio passaggio a Senato e Camera, che richiede almeno sei mesi. Per questo Letta ha sollecitato le Camere a procedere ”il più rapidamente possibile”.

Un grido di dolore si e’ levato dall’Upi, l’Unione delle province italiane, il cui presidente Antonio Saitta accusa il governo di ”voler cancellare 150 anni si storia”. Ora ci sono alcune questioni che il governo dovra’ affrontare nelle prossime settimane. Innanzi tutto ci sono una serie di province commissariate per tutto il 2013: con gli accorpamenti decisi dal governo Monti si attendeva che tutte scadessero per un rinnovo generale. Ora servirà una leggina per proseguire l’amministrazione fino al completamento della riforma. C’è poi il tema delle funzioni delle province, che andranno ripartite tra Regioni e comuni, e c’è la questione della funzioni che i piccoli comuni non riescono a espletare da soli, temi certo da affrontare dopo l’approvazione del ddl costituzionale. In alcune Regioni stanno nascendo unioni tra Comuni, dando vita alle cosiddette ”aree vaste”.

Forse pensando ad esse alcuni siti Internet hanno scritto che le province sarebbero state sostituite da ”collegi”, ipotesi smentita da Letta che ha invitato i siti di informazione a fare ”un esame di coscienza”. Infine i soldi: le province hanno debiti e patrimonio che andranno ripartiti, e forse comuni vorranno i secondi ma non i primi.

 Quinzi, provvedimento positivo
”Il provvedimento del governo sulle Province è positivo”. Lo ha detto Giorgio Squinzi, presidente di Confindustria, a Padova a margine della locale assemblea degli industriali.

– Il provvedimento è positivo – ha aggiunto – perchè è un passo nella direzione giusta nell’ambito di una riforma istituzionale più complessiva. Ciò vuol dire – ha rilevato – che si vuole andare nella direzione di ridurre i costi della macchina dello Stato. Non dimentichiamo – ha proseguito Squinzi – che abbiamo bisogno di ridurre i costi della macchina dello Stato per liberare le risorse da destinare alla crescita che è la priorità assoluta perchè ne abbiamo bisogno per dare lavoro.

Ultima ora

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

21:39Calcio: Var anche in Francia, da prossima stagione in Ligue1

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Var fa proseliti e dall'anno prossimo, dopo Italia, Germania e Portogallo (per citare i campionati più importanti) farà il suo esordio anche nella Ligue1 francese. Lo ha deliberato oggi, la Lega calcio transalpina (Lfp) che ha dato il via libera alla sua introduzione a partire dalla prossima stagione.

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

Archivio Ultima ora