M5S contro Berlusconi, chiede di oscurare Mediaset

ROMA  – Il M5S chiede di ‘oscurare’ le Tv di Berlusconi. E’ il colpo di scena che avviene in Giunta per le autorizzazioni al Senato, quella che dovrà decidere sull’ineleggibilitá di Silvio Berlusconi in base alla legge del 1957 che prevede l’incompatibilitá di chi é titolare di concessioni o autorizzazioni da parte dello Stato. A sorpresa, nella Giunta finalmente riunita con questo odg dopo quattro mesi di pressing del M5S, esce fuori che non esisterebbe nessun atto autorizzativo che concede a Mediaset l’utilizzo delle frequenze. Questo almeno è quello che sostiene il senatore del Pdl, Giacomo Caliendo, che cita una legge del 2005 e replica così al CinqueStelle Michele Giarrusso che, come primo atto per l’avvio dell’istruttoria, ha chiesto di acquisire le autorizzazioni che consentono alle reti Mediaset di trasmettere.

– Se questo risulterà vero noi ci rivolgeremo direttamente alla Guardia di Finanza per chiedere che venga oscurata – controbatte Giarrusso. Un’eventualità che viene però smentita dalla stessa Mediaset.

”Abbiamo tutti i titoli per trasmettere” afferma l’azienda spiegando che le ”trasmissioni digitali hanno luogo in base ad ‘autorizzazione generale’ e ai ‘diritti d’uso’ sulle radiofrequenze, che la società possiede”.

Alla prima seduta dell’attesa Giunta, e mentre il Parlamento si infiamma proprio per le condanne del Cavaliere sul caso Mediaset, il caso ineleggibilità diventa così il nuovo campo minato nei rapporti di maggioranza.

Beppe Grillo spara a zero su Berlusconi, una ”mummia” che tiene ”in ostaggio” un intero Paese. E anche nel Pd i rapporti sono tesi. Dopo le polemiche per il via libera alla sospensione dei lavori del Parlamento, anche sull’ineleggibilità i democrat si dividono.

– Con la legge che c’è non ci si può pronunciare a favore dell’ineleggibilità di Berlusconi – garantisce Anna Finocchiaro. Una tesi sostenuta anche dal capogruppo alla Camera, Roberto Speranza secondo la quale il Pd sarebbe contrario a votare per l’ ineleggibilità.

– Non mi risulta che ci sia una linea del Pd sulla questione – replica però Felice Casson che, intanto, ha chiesto in Giunta di acquisire la sentenza d’Appello sul caso Mediaset ”molto utile per stabilire i reali rapporti tra Mediaset e Berlusconi”.