Arandora Star: un’altra tragedia dell’emigrazione

Pubblicato il 15 luglio 2013 da redazione

ROMA:- Alle ore 6 del 2 luglio 1940, a pochi giorni dall’entrata in guerra dell’Italia (10 giugno), l’U-Boat 47 colpì la nave Arandora Star: un evento che con 446 vittime italiane, resta tra i più drammatici nella storia dell’emigrazione. Avevano una sola “colpa” quei cittadini strappati alle famiglie, alle case, alle attività costruite in anni di duro lavoro, quella di aver cercato in suolo britannico la speranza, un futuro per loro e per i loro figli; emigrati che per il governo erano diventati di colpo nemici, spie, e che pertanto meritavano di essere privati all’improvviso, in seguito all’entrata in guerra dell’Italia, dei loro diritti, anche quelli sanciti dalla Convenzione di Ginevra. La nave, salpata da Liverpool il 1 luglio con 1.564 deportati, 712 erano italiani, gli altri di nazionalità austriaca e tedesca, era destinata ad un campo di prigionia canadese. 86 erano i prigionieri politici, gli altri, uomini tra i 16 ed i 75 anni, erano stati rubati alle loro famiglie, e, ignari del proprio destino, caricati in sovrannumero sull’Arandora Star, stipati nelle cabine, in ogni angolo della nave incapace di contenere quel numero eccessivo di passeggeri. Persino il salone un tempo utilizzato per le serate danzanti, quando l’Arandor  Star era un’elegante nave da crociera, venne trasformato in un dormitorio.

Il viaggio si interruppe, per sempre, al largo della costa nord-ovest dell’Irlanda.  35 minuti, questo il lasso di tempo impiegato dall’Arandora Star per affondare mentre  800 cittadini perdevano la vita. Numerose, troppe le “coincidenze” sfavorevoli che provocarono il gran numero di vittime: in primis la mancanza di un qualsiasi segno di riconoscimento in grado di far capire al sommergibile tedesco che la nave trasportava deportati, (non c’era neanche il simbolo della Croce Rossa). Come affermò l’equipaggio dell’U-boot, l’Arandora Star era facilmente scambiabile con un mercantile militare, anche per il suo colore grigio. E poi nessuna istruzione sulle procedure di emergenza. 14, infine, le scialuppe… in pratica, la cronaca di una morte annunciata.

Fu un prigioniero, il comandante della nave tedesca SS Adolph Woermann, Otto Burfeind, a guidare le operazioni di evacuazione, mentre l’incrociatore canadese St. Laurent, grazie all’SOS, riuscì a portare in salvo 586 passeggeri. Ma anche per i sopravvissuti, nessuna pietà: il 10 luglio vennero di nuovo imbarcati su una nave con destinazione Australia.

E forse la tragedia, il dolore più grande, fu l’indifferenza con cui la stampa italiana diede la notizia: non una parola sulle vittime, ma solo la soddisfazione di una “vittoria” nei confronti del nemico, mentre per i familiari iniziava un lungo periodo di attesa tra speranze e sofferenza.

Numerose le vittime dell’Emilia Romagna, della Toscana e del Lazio, ma c’erano anche lombardi, piemontese, campani, molisani, sardi, abruzzesi, siciliani… al pari di altre tragedie dell’emigrazione che toccavano tutte le regioni, in questo caso, persino la Val d’Aosta. Tra i più giovani, Luigi Gonzaga, di appena 16 anni, nato a Bedonia, in provincia di Parma. E proprio la provincia di Parma è la più colpita: erano di Bardi 48 deportati, in prevalenza emigrati nel Galles dove vivevano da anni, molti avevano figli nell’esercito britannico. A Bardi, il Comitato Pro Vittime Arandora Star, ricorda ogni anno i morti del naufragio. Numerose anche le altre cerimonie organizzate nel corso degli anni per mantenere viva la memoria delle nostre 446 vittime. Il 2 luglio del 2008, una delegazione delle Regioni Emilia-Romagna, Lazio, Toscana, e le province di Parma, Piacenza e Lucca, si è recata a Liverpool per una commemorazione che ha visto, per la prima volta, anche la partecipazione delle autorità britanniche.

“A ricordo dei laboriosi emigrati pontremolesi in Gran Bretagna sui quali l’entrata in guerra dell’Italia gettò l’ombra ingiusta del sospetto e che, destinati dal governo inglese alla prigionia, perirono nel tragico affondamento dell’Arandora Star il 2 luglio 1940”. Questa la frase dedicata dall’Istituto Storico della Resistenza Apuana e dall’Amministrazione Comunale di Pontremoli ai 17 pontremolesi emigrati in Inghilterra a 70 anni dalla tragedia. Il 16 maggio 2011 è stata inaugurata a Glasgow, in Scozia, l’Italian Cloister Garden, un monumento nei pressi della S. Andrew’s Cathedral che ricorda le vittime dell’Arandora Star ; erano presenti oltre alle autorità, l’ultimo superstite, Rando Bertoia, di Montereale Valcellina.

Dopo anni di oblio, si torna a conoscere la tragedia dell’Arandora Star, grazie ai parenti delle vittime e ad alcuni autori, come Gian Antonio Stella, Maria Serena Balestracci (“Arandora Star. Dall’oblio alla memoria” – 2008, Mup editore-Parma), e Alfio Bernabei che non solo l’ha ricordata nel libro “Esuli ed emigranti italiani nel Regno Unito – 1920 -1940” (Mursia editore), ma ne ha fatto anche uno spettacolo teatrale dal titolo “Il sarto in fondo al mare” (vincitore del Premio di scrittura drammaturgica “Diego Fabbri 2006). L’opera è ispirata alla storia di una delle vittime, Decio Anzani, un sarto romagnolo che viveva a Londra, segretario della Lega Italiana per i Diritti dell’uomo, a conferma che gli internati erano lontani dal condividere le scelte politiche dell’Italia del tempo, ma che, anzi, nella maggior parte dei casi, erano antifascisti ed ebrei italiani fuggiti in Gran Bretagna all’indomani delle leggi razziali del 1938 e trasformati in vittime solo per il fatto di essere emigrati italiani. Per anni questa pagina della storia è stata dimenticata, abbandonata, poi, piano piano, grazie anche ai parenti, primi veri custodi di memoria, oggi accanto ad ogni nome dell’infinita lista di vittime, è possibile idealmente affiancare il racconto di una vita e restituire la dignità di persone con una forza, un coraggio speciali, che li ha portati a lasciare l’Italia per affrontare l’ignoto in un altro paese.

Tante le storie ricostruite e diffuse. Per tutte, riportiamo quella raccontata dal nipote di Leone Belotti, che, a conferma dell’essere custodi di memoria, porta lo stesso nome del nonno.

Leone Belotti:
una storia per tutte
Subito dopo la dichiarazione di guerra, l’11 giugno 1940, due ufficiali prelevano Leone Belotti nella sua abitazione, in un sobborgo residenziale di Londra. Belotti è un uomo di successo, direttore della più importante industria di bottoni, ha una bella moglie e un figlio di un anno e mezzo. Dopo averne accertato l’identità, viene arrestato. Nessuna spiegazione alla moglie, nessun cenno di quanto tempo starà via e del perché di quell’arresto. Leone rassicura la moglie, “ti scriverò presto”, nella speranza di poter tornare dopo quattro giorni, giusto in tempo per festeggiare il loro quinto anniversario di matrimonio. Leone sale sull’auto. E’ l’ultima immagine: la moglie non lo rivedrà più. Era per lei che Leone, bergamasco, aveva deciso nel 1934 di andare in Inghilterra per migliorare la sua situazione economica ed essere degno di quell’amore. Leone viene portato in un “Aliens Camp” a Lingfield. Nel periodo di prigionia, scrive alla moglie quattro lettere, le prime due in inglese, le altre in italiano. Le ultime parole per Lina e Roberto, sono del 23 giugno: “Io sto bene di salute e di morale e tutti si spera che questa situazione finisca presto e che la povera e travagliata Europa ritrovi la pace”. Poi, la notizia dell’affondamento dell’Arandora Star, ed i dubbi, infiniti, sulla sorte di Leone Belotti. Il ritrovamento di Pietro Pini, 30 anni, dato per disperso, riaccende le speranze dei familiari. Speranze che per Lina Belotti, si spengono, definitivamente, il 27 agosto 1940 all’arrivo della comunicazione del Segretario di Stato: “L. Belotti must be presumed missing and probably lost”. Anche l’industria di bottoni per cui lavorava Belotti, in un articolo, rende onore alla memoria del suo direttore, un “key man”, come altri italiani, fino al 10 giugno. A Lina, dopo alcune traversie, nel 1946 non resta che tornare in Italia con il piccolo Roberto. L’atto di morte di Leone Belotti arriverà il 12 gennaio 1954.

Giovanna Chiarilli

 

Ultima ora

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

00:54Calcio: Donadoni’C’è tanta rabbia, ci manca sempre qualcosa’

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo preso il secondo gol nel momento in cui il Milan era forse nel peggior momento: siamo stati ingenui ed è un peccato, perché in più di un'occasione siamo andati vicini al gol''. A Premium Sport l'allenatore del Bologna Roberto Donadoni non nasconde l'amarezza le occasioni sprecate: ''C'è tanta rabbia, prestazioni come questa non possono equivalere a zero punti, ma ci manca sempre qualcosa. Non c'è nessun complesso nei confronti delle big: forse a volte siamo eccessivamente preoccupati di quello che possono creare, ma se andiamo a vedere le partite che abbiamo giocato con le grandi non mi sembra ci siano state situazioni di superiorità da parte loro. Dobbiamo lavorare sul profilo mentale e anche su quello tecnico: un controllo fatto bene o fatto male si traduce in un'occasione colta o sprecata e quindi in una partita vinta o persa. Dobbiamo essere più centrati su noi stessi''.

00:48Calcio: Gattuso “strada ancora lunga, difesa da migliorare”

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Dobbiamo ancora migliorare, specie in difesa, perché il Bologna ci ha messo in difficoltà. Ma devo ringraziare i ragazzi per la vittoria, per la mentalità e per lo spirito di sacrificio: mi tengo la prestazione e il risultato, ma dobbiamo ben tener presente che la strada è ancora lunga". Così l'allenatore del Milan, Gennaro Gattuso, dopo la vittoria a San Siro sul Bologna. Il tecnico ha elogiato il match winner Bonaventura: "Ha grandissima qualità. Sa fare gol, si sa inserire. Credo sia uno dei centrocampisti migliori d'Italia, deve migliorare un pochino sul fisico". Una battuta sul suo comportamento a bordo campo: "Le partite le sento tantissimo, pure quando gioco a calcio balilla con mio figlio, ma certo su questa di panchina è ancora più emozionante. Il Milan è la mia seconda pelle".

00:32Calcio: Spagna, Suarez-Messi, Barcellona sbanca a Villarreal

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Il Barcellona torna alla vittoria in Liga dopo due pareggi superando 2-0 in trasferta il Villarreal, alla terza sconfitta di fila. Restano cinque i punti di vantaggio della capolista sul Valencia, vittorioso ieri sul Celta Vigo, e sei sull'Atletico Madrid, che in un altro incontro domenicale della 15/a giornata è andato a vincere 1-0 a Siviglia sul campo del Betis. A Villarreal, i blaugrana hanno sbloccato il risultato solo nella ripresa, con le reti di Luis Suarez al 27' e Messi al 38', con l'argentino che porta così a 14 centri il bottino personale in campionato. Il Barcellona ha ancora un vantaggio di 8 punti sul Real Madrid, che prima del Clasico del 23 dicembre, forse l'ultima occasione per rientrare in corsa per il titolo, andrà in trasferta in settimana negli Emirati per la semifinale, e probabilmente la finale, del Mondiale per club.

00:23Basket: Serie A, Torino-Milano 71-59

(ANSA) - TORINO, 10 DIC - La Fiat Torino batte 71-59 l'EA7 Milano e aggancia in classifica i milanesi. Una vittoria di carattere quella conquistata dalla squadra dell'ex milanese Banchi, passata a condurre nella prima frazione per poi non lasciare più il comando della partita. Se all'inizio le percentuali di Milano hanno favorito la fuga torinese (32-27 al 20'), nella ripresa la difesa di Torino ha fatto la differenza. Washington ha chiuso le falle in difesa, Mbakwe ha fatto impazzire sotto canestro i lunghi milanesi, caricando di falli Tarczewski e Gudaitis. Un parziale di 17-6 a metà terzo quarto (51-33), propiziato da Mbakwe e Vujacic ha indirizzato la partita: Milano ha provato nel finale a riavvicinarsi, ma la Fiat ha controllato senza patemi il risultato. Ottima prova di Patterson (16), Mbakwe (15) e Vujacic (10) per Torino, mentre sulla sponda milanese il solo Jerrels è riuscito ad andare in doppia cifra chiudendo con 10 punti.

00:21Calcio: Bonaventura, vittoria sia punto di partenza Milan

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Era importante vincere e ce l'abbiamo fatta. Siamo felici, venivamo da un periodo in cui seminavamo tanto e raccoglievamo poco''. A Premium Sport, il centrocampista del Milan Giacomo Bonaventura racconta il suo match da protagonista contro il Bologna: ''Dovevamo tenere un po' più la palla una volta andati in vantaggio, ci servirà da lezione per le prossime. Sperando che questa vittoria possa essere un punto di partenza. Io sto meglio, piano piano sto arrivando al cento per cento e cerco sempre di dare tutto me stesso per la squadra''.

00:08Serie A: il Milan batte il Bologna 2-1 nel posticipo

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Una doppietta di Jack Bonaventura fa respirare il Milan di Rino Gattuso alla sua prima vittoria da quando ha preso il posto in panchina di Vincenzo Montella. In un Meazza congelato con fiocchi di neve a sprazzi, i rossoneri battono il Bologna 2-1 (1-1) nel posticipo della 16/a giornata della Serie A. Apre le marcature Bonaventura al 10' pt, bel pari di Verdi al 23' pt, decide di nuovo Bonaventura al 31' st. Con i tre punti conquistati questa sera il Milan si porta al settimo posto a quota 24 punti.

Archivio Ultima ora