Il “Caso Morales” e la nota di protesta del Mercosur

CARACAS –  Il ministro degli Esteri del Venezuela, Elías Jaua, ha convocato ieri i rappresentanti diplomatici della Francia, dell’Italia, del Portogallo e della Spagna per consegnare loro il documento, firmato dai membri del Mercosur, in cui si manifesta preoccupazione e indignazione per quanto accaduto recentemente al presidente della Bolivia, Evo Morales. Come si ricorderá, Francia, Spagna, Portogallo e Italia sono stati accusati di aver proibito all’aeromobile su cui viaggiava il capo di Stato boliviano di sorvolare il loro spazio aereo. Il ministro Jaua ha quindi annunciato che oggi vi sará una seconda riunione con i rappresentanti diplomatici per analizzare l’incidente e le cause dell’insolita decisione.

Il Venezuela, che ha subito espresso solidarietá al presidente boliviano, esige dai quattro paesi del Mediterranei,  scuse pubbliche al presidente Morales.

L’incontro odierno con i rappresentanti diplomatici, inoltre, dovrebbe anche servire per determinare i provvedimenti che il Venezuela potrebbe prendere nel caso in cui non fossero soddisfatte le esigenze del Paese e del Mercosur

Nella nota di protesta, firmata dal presidente Maduro in quanto presidente di turno del Mercosur, si chiedono le garanzie necessarie che fatti del genere, “contrari alle norme e ai principi fondamentali del diritto internazionale come lo é l’immu