Santiago, Farnesina conferma: un italiano tra le vittime

MADRID – E’ stata confermata la morte di Dario Lombardo, studente siciliano di 25 anni, nell’incidente ferroviario a Santiago di Compostela. Lo hanno reso noto fonti della Farnesina, precisando che la famiglia è stata informata.

Sconcerto e dolore a Forza d’Agrò, il paese del messinese di cui Dario Lombardo era originario. Prima della conferma della Farnesina tutti continuavano a sperare. Poi l’ufficialità della notizia ha gettato nello sconforto tutto il paese, che si è chiuso nel silenzio.

– Non abbiamo voglia di parlare in questo momento – dicono familiari e conoscenti del giovane.

– Siamo sconvolti, tutta la nostra comunità è profondamente rattristata – afferma don Luciano Zampetti, parroco di Forza d’Agrò – Dario era un ragazzo davvero speciale, intelligente e sensibile. Sono qui a Forza D’Agrò dal 2011 ma ho avuto modo di conoscere Dario molto bene e fino al 19 maggio scorso aveva con me seguito il corso di preparazione alla cresima. Lungo questa giornata – aggiunge il sacerdote – abbiamo pregato sperando che il nostro Dario potesse essere ancora vivo.

La polizia spagnola ha formalizzato l’arresto di Francisco Jose Garzon Amo, il macchinista del treno deragliato. L’uomo, che ha ammesso di aver guidato in curva a una velocità di 190 chilometri orari, anziché a 80 all’ora come previsto, si trovava fino a ieri in stato di fermo in ospedale.

Francisco Jose Garzon è un veterano delle ferrovie spagnole. Figlio di un ferroviere, è nato 52 anni fa a Monforte de Lemos in Galizia, lavora da circa 30 anni per la società ferroviaria Renfe e guida treni dal 2000. Dopo aver coperto per un lungo periodo la tratta tra Madrid e Barcellona, da un anno gli era stato affidato il tratto tra Madrid e Santiago di Compostela, in modo da potersi avvicinare alla madre anziana.

Quindi Garzon conosceva bene quella linea ferroviaria e la pericolosità di quella curva poco prima dell’ingresso nella stazione di Santiago. Un test fatto immediatamente dopo l’incidente non ha mostrato un alto tasso alcolico nel suo sangue. Separato, senza figli, Garzon finora aveva uno stato di servizio impeccabile.

– Una persona eccellente, una brava persona – ha dichiarato Angel Rodriguez, sindacalista della sua città natale. Ma il tratto che emerge dalla pagina di Facebook è ben differente: vi sono infatti pubblicate foto del tachimetro della sua locomotiva per vantarsi dell’eccessiva velocità.

Condividi: