Berlusconi: confermati 4 anni di carcere. Il Cav: “Magistratura irresponsabile”

Pubblicato il 01 agosto 2013 da redazione

ROMA  – Confermata dalla Cassazione – con sette ore di camera di consiglio che rischiano di cambiare la vita politica del Paese – la condanna a quattro anni di reclusione per frode fiscale nei confronti dell’ex premier Silvio Berlusconi che, dagli ‘ermellini’, ha ottenuto un unico punto a favore: la disposizione, impartita alla Corte di Appello di Milano, di ricalcolare la pena accessoria della interdizione per cinque anni dai pubblici uffici che potrebbe diminuire da un massimo di tre anni fino a un minimo di dodici mesi.A un videomessaggio, con il volto teso a tratti vicino alle lacrime, il Cav ha affidato la sua reazione – nella quale non ha parlato di staccare la spina al governo – tacciando la sentenza di fondarsi “sul nulla assoluto che mi toglie la mia libertà personale e i miei diritti politici”, e i magistrati di essere “una variabile incontrollabile e incontrollata”.I legali del Cav Franco Coppi e Niccolò Ghedini, forse presagendo l’insuccesso, non si sono nemmeno affacciati al ‘Palazzaccio’ per la lettura del dispositivo e sono rimasti a Palazzo Grazioli insieme a Berlusconi. Probabilmente a decidere se scegliere la strada degli arresti domiciliari per quell’anno non coperto dall’indulto (che ha già cancellato tre anni di reclusione); o quella dell’affidamento ai servizi sociali che consentirebbe a Berlusconi più libertà di movimento.

Ma le ‘nuvole nere’ sul destino del leader del Pdl non sono finite perché, tra gli effetti del ddl anticorruzione, da poco approvato, ci sono anche l’incandidabilità e la decadenza dal Senato per chi riporta condanne anche fino a soli due anni. Tuttavia, questi sono tutti scenari aperti perché – rilevano fonti dei supremi giudici, quasi a frenare il ‘de profundis’ sulle sorti del Cav – sulle nuove norme “non c’è alcun indirizzo consolidato e non è certa la loro applicazione in presenza di pena condonata anche solo in parte”.

A stemperare la tensione è intervenuto il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, il quale ha detto che “la strada maestra da seguire è sempre stata quella della fiducia e del rispetto verso la magistratura”.

“In questa occasione – ha proseguito, apprezzando il nuovo fair play adottato dai difensori dell’ex premier – attorno al processo in Cassazione per il caso Mediaset e all’attesa della sentenza, il clima è stato più rispettoso e disteso che in occasione di altri procedimenti in cui era coinvolto l’on. Berlusconi. E penso che ciò sia stato positivo per tutti”.

Dello stesso tenore il commento del premier Enrico Letta. Mentre in casa ‘dem’ non mancano le fibrillazioni di chi, dopo questa condanna, vorrebbe troncare le larghe intese, come auspica il leader di Sel Nichi Vendola. Dopo un iniziale ‘no comment’, in serata Coppi, Ghedini e Piero Longo hanno detto di essere “sgomenti” perchè “c’erano solidissime ragioni ed argomenti giuridici per pervenire ad una piena assoluzione: valuteremo e perseguiremo ogni iniziativa utile anche nelle sedi europee per far sì che questa ingiusta sentenza sia radicalmente riformata”.

Da Milano, il procuratore Edmondo Bruti Liberati non ha commentato la decisione degli ‘ermellini’ ma ha sottolineato che “la pena principale è definitiva ed eseguibile”. In Cassazione, più di settanta giornalisti e operatori hanno aspettato il verdetto, oltre a una ventina di avvocati e curiosi. La lettura in diretta televisiva del verdetto fatta dal presidente Antonio Esposito è stata trasmessa dalle tv di tutto il mondo, dal Giappone all’Arabia Saudita. Imponente il dispositivo di sicurezza nella capitale dove le forze dell’ordine hanno blindato i ‘palazzi romani’ chiamando anche uomini di rinforzo da altre regioni. Nessun problema per la sicurezza, il passaggio in giudicato di Mediaset non ha scatenato reazioni di piazza. Solo qualche banana spiaccicata davanti all’ingresso della Cassazione e qualche cartello di uno sparuto drappello del ‘popolo viola’.

Ultima ora

15:52Champions: Malagò, poteva andare peggio

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "I sorteggi di Champions? Ora gli allenatori (Allegri e Di Francesco, ndr) diranno, come è giusto che sia, che serve la massima cautela, ma mi sembra che poteva andare peggio. Non ci si può lamentare". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, a margine della presentazione della partnership di Coni e Comitato Paralimpico con la Toyota avvenuta a Roma, commentando i sorteggi degli ottavi di finale di Champions League, che vedono la Juventus affrontare gli inglesi del Tottenham e la Roma gli ucraini dello Shakhtar Donetsk.

15:49Champions: la carica di Di Francesco

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Lo Shakhtar Donetsk è una squadra forte, che ha saputo qualificarsi attraverso un girone molto difficile. Noi abbiamo lottato per guadagnarci questi ottavi, ce la metteremo tutta per continuare il nostro cammino. Forza Roma!". Questo il commento, via Twitter, del tecnico Eusebio Di Francesco dopo l'accoppiamento negli ottavi di Champions League tra la Roma e la formazione ucraina. La Roma in passato ha incrociato già lo Shakhtar nella massima competizione europea. Nel 2006 le due squadre si affrontarono nella fase a gironi (vittoria dei giallorossi per 4-0 all'Olimpico e sconfitta per 1-0 a Donetsk), mentre nel 2011 si sfidarono negli ottavi con due sconfitte per la Roma (2-3 e 3-0) e conseguente eliminazione.

15:44++ New York, esplosione a stazione bus Manhattan ++

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Un'esplosione è avvenuta a Port Authority, la stazione centrale dei bus a New York. La polizia e i vigili del fuoco sono sul posto, secondo i media americani, che riferiscono di scene di panico.

15:43Europa League: il quadro dei 16/i di finale

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il quadro dei sedicesimi di finale di Europa League dopo il sorteggio di Nyon (andata 15 febbraio 2018, ritorno 22 febbraio): Borussia Dortmund-Atalanta; Nizza-Lokomotiv Mosca; Copenaghen-Atletico Madrid; Spartak Mosca-Athletic Bilbao; Aek Atene-Dinamo Kiev; Celtic-Zenit San Pietroburgo; Napoli-Lipsia; Stella Rossa-Cska Mosca; Lione-Villarreal; Real Sociedad-Salisburgo; Partizan-Viktoria Plzen; Steaua Bucarest-Lazio; Ludogorets-Milan; Astana-Sporting Lisbona; Ostersunds-Arsenal; Sporting Braga-Marsiglia.

15:42Avvelenati tallio: killer ha usato acqua minerale

(ANSA)- MONZA, 11 DIC - Avrebbe utilizzato l'acqua minerale per avvelenare i suoi familiari Mattia Del Zotto, il 27 enne di Nova Milanese (Monza), reo confesso di aver ucciso volontariamente i nonni paterni e una zia e di aver tentato di uccidete i nonni materni, due zii e la badante, perché "soggetti impuri". È quanto emerso stamane dall'interrogatorio di garanzia reso dal giovane al Gip Federica Centonze sabato mattina in carcere a Monza. Le indagini della Procura di Monza si concentrano quindi sulle bottiglie a cui il giovane aveva accesso nella cantina comune della palazzina dove vive tutta la sua famiglia a Nova. Il veleno, senza sapore o odore, potrebbe essere inoltre stato inserito dal giovane anche in alcuni integratori destinati ai nonni materni e ad un infuso alle ortiche.

15:19Violenza sessuale: aggrediva minorenni, va ai domiciliari

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Un uomo di 50 anni, con una vecchia condanna per reati sessuali, è stato arrestato dai carabinieri di Milano con l'accusa di violenza e atti sessuali su minori nei confronti di tre ragazzine di 7, 12 e 13 anni. L'uomo, secondo quanto spiegato, le individuava a caso, per strada, e le seguiva negli androni quando rientravano a casa da scuola. Le avvicinava fulmineamente, le palpeggiava e scappava. I carabinieri lo hanno individuato dopo sei mesi di indagine dal primo caso, avvenuto ad aprile (gli altri due a maggio e ad agosto) e dopo altri sei mesi l'autorità giudiziaria ha emesso un'ordinanza che ha posto l'uomo, impiegato amministrativo, sposato e con figli, ai domiciliari. Al vaglio degli investigatori dell'Arma, però, ci sarebbero in totale una ventina di episodi. A indagare sui casi sono stati i carabinieri della stazione San Cristoforo, che incrociando telecamere e tabulati sono arrivati a uno scooter, guidato dall'uomo poi raggiunto dall'ordinanza mentre si trovava a lavoro.

15:17Maltempo: Umbria, tanti interventi per problemi vento

(ANSA) - PERUGIA, 11 DIC - Sono oltre un centinaio gli interventi nei quali sono impegnati i vigili del fuoco in quasi tutta l'Umbria a causa dei danni provocati dal forte vento. Al momento non vengono comunque segnalati problemi particolari. In provincia di Perugia gli interventi, più di un centinaio, riguardano rami e alberi caduti, danni ai tetti, ai cartelloni pubblicitari divelti dal vento ma anche a pali della luce. I vigili del fuoco del comando provinciale sono impegnati con tutte le squadre disponibili. Situazione analoga in provincia di Terni dove sono decine gli interventi, soprattutto a Terni e in periferia. (ANSA).

Archivio Ultima ora