Concessa l’estradizione: Micciché torna in Italia

Pubblicato il 05 agosto 2013 da redazione

CARACAS – Concessa l’estradizione. E’ terminata, cosí, l’avventura venezolana di Aldo Micciché, il noto faccendiere apparentemente legato al Clan Piromalli, fino a ieri agli arresti domiciliari. Il Tribunale venezuelano competente ha definitivamente dichiarato procedente la sua estradizione. Quindi, il “faccendiere di Gioia Tauro” – ha precisato la Corte –  “rimarrà agli arresti domiciliari fino al momento della consegna alle autorità italiane»

Aldo Micciché è accusato di associazione mafiosa nell’ambito dell’inchiesta della Dda di Reggio Calabria ”Cent’anni di storia” contro le cosche Molè e Piromalli di Gioia Tauro, e deve già scontare una pena maggiore ai 20 anni per “associazione a delinquere di stampo mafioso”.

Secondo l’accusa, Miccichè aveva instaurato i suoi rapporti con i Piromalli quando viveva in Calabria, in particolare con Antonio, figlio del boss Giuseppe. Rapporti che sono proseguiti anche dopo. Fu a lui, secondo la Dda, che la cosca si rivolse per cercare di ottenere l’attenuazione del regime di 41 bis per il capo della famiglia, Giuseppe. Un progetto che, secondo quanto scritto nel provvedimento restrittivo, fallì per ”l’impossibilità dei referenti politici e istituzionali contattati di affrontare e risolvere la situazione per tutto un insieme di problemi dovuti sia alla paura dei soggetti di muoversi in un terreno così pericoloso, e sia alle difficoltà giudiziarie del Ministro della Giustizia”. Miccichè, inoltre, assecondò il progetto della cosca che voleva far ottenere l’immunità ad Antonio Piromalli con il conferimento di una funzione consolare per conto di un qualsiasi Stato estero. Quando un cugino di Antonio Piromalli gli illustrò il progetto, Miccichè, intercettato, risposte: «Questo lo possiamo fare».

Il poliedrico faccendiere calabrese era stato arrestato il 24 luglio dell’anno scorso in esecuzione di un mandato di cattura per l’estradizione emesso su richiesta della Direzione distrettuale antimafia (Dda) di Reggio Calabria.  Al momento dell’arresto era nell’isola di Margarita e, come un qualunque turista, era in un supermarket, in un noto centro commerciale, facendo la spesa. Da allora, attraverso cavilli vari, era riuscito a sfuggire all’estradizione; estradizione confermata ora dal Tribunale e che dovrebbe avvenire nei prossimi giorni.

Il “Faccendiere di Gioia Tauro” era riuscito ad evitare il rientro in Italia grazie ad una serie di cavilli legali legati alla sua nuova nazionalitá: la venezolana. Il Magistrato Héctor Coronado Flores, nel giustificare la decisione della Tribunale, ha spiegato che l’acquisto della nazionalitá venezolana, qualora questo avvenga dopo aver commesso i reati per i quali si é  condannati in altri paesi, non é giustificazione sufficiente per negare l’estradizione.

La nostra sede diplomatica a Caracas, ha riferito alla “Voce” il dottor Paolo Mari, primo Segretario d’Ambasciata, non è stata ancora informata ufficialmente. Una volta ricevuto la comunicazione dalle autorità venezolane, si attiverà per completare il percorso burocratico che dovrebbe concludersi con l’arrivo in Venezuela di due agenti di Polizia che scorteranno il facendiere calabrese in Italia, così come è accaduto recentemente per l’estradizione di Salvatore Bonomolo. Come si ricorderà, Salvatore Bonomolo, esponente di spicco della ‘famiglia’ di Palermo centro accusato di associazione mafiosa ed estorsione, fu arrestato durante un’operazione congiunta eseguita dalla Sezione Catturandi della Questura di Palermo, dal Servizio centrale operativo della polizia dell’Interpol e dalla Guardia Nazionale venezolana. Bonomolo, dopo quasi 6 anni di latitanza, è stato consegnato una quindicina di giorni fa a due agenti della Polizia italiana che lo hanno riaccompagnato in Italia.

Il “Faccendiere di Gioia Tauro”, il cui nome é assai noto in Italia per le sue relazioni con Marcello dell’Utri e i suoi presunti collegamenti con il clan Piromalli, balzó agli onori della cronaca, in seno alla nostra Collettivitá, in seguito ad una intercettazione telefonica in cui, conversando con Filippo Fani – collaboratore di Barbara Contini – confessava di aver dato fuoco a migliaia di schede elettorali per evitare il trionfo di quella che riteneva la “candidata comunista”. Durante la conversazione con Filippo Fani, il Micciché faceva anche riferimento a due noti esponenti della Collettivitá, presunti suoi complici. Fu grazie a questo “faló” che alla candidata del Venezuela, Mariza Bafile, fu negata la possibilitá di occupare nuovamente il suo scranno nel Parlamento italiano, e di continuare a lottare pre la difesa degli interessi degli italiani dell’America Latina e del Venezuela in particolare.

Chi permise ad Aldo Micciché l’accesso alle schede elettorali e chi lo aiutó ad incenerirle? A chi dava fastidio la candidatura di Mariza Bafile? A queste domande, ora, potrá dare risposta la magistratura italiana. Una volta in Italia, infatti, gli inquirenti potranno interrogare Aldo Micciché e far luce su quanto accaduto in Venezuela e non solo. La giustizia italiana, cosí lo dimostrano le ultime vicende che mantengono il mondo politico in fibrillazione, sará pure lenta ma é inesorabile.

A.P.

 

Ultima ora

18:32Calcio: Barzagli, rinnoverò presto con la Juve

(ANSA) - TORINO, 15 DIC - "Il rinnovo? Stiamo discutendo con la società, non ho firmato ma non c'è ansia: vedremo nelle prossime settimane o mesi". Andrea Barzagli conferma a Sky l'intenzione di proseguire con la Juventus, ma chiude la porta al ritorno in Nazionale. "Ho fatto il mio tempo, è giusto - dice il difensore bianconero - Peccato aver lasciare nel modo peggiore. Penso sia giusto ripartire con una Nazionale più giovane, abbiamo tempo per farla crescere. Speriamo sia rivoluzione, ma sensata. Nella rinascita della Juventus "ci ha messo molto del suo Allegri prosegue Barzagli - La cosa più importante è aver ricominciato a far fatica quello che alla fine ti fa vincere le partite e i campionati. Dybala è molto bravo a capire gli altri, quindi ha preso positivamente le parole di Nedved e Buffon: speriamo - conclude il difensore della Juventus - scatti qualcosa e lo faccia tornare quello di sempre".

18:22Mondiali: Rajoy, Spagna andrà in Russia e vincerà

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - La Spagna giocherà la Coppa del Mondo in Russia. "Non vedo altri scenari - ha detto il premier spagnolo, Mariano Rajoy, commentando le voci che potrebbero vedere escluse le Furie Rosse per ingerenze del Governo iberico sulle elezioni del presidente federale - sono assolutamente convinto che la Spagna andrà ai Mondiali in Russia e, inoltre, che vincerà", ha spiegato il premier aggiungendo di aver saputo che "il ministro dello Sport, Inigo Mendez de Vigo, non ha ricevuto alcun avviso dalla Fifa, solo una lettera di alcuni dirigenti della Federcalcio mondiale che chiedono di essere ascoltati", ha aggiunto Rajoy.

18:21Corea Nord: Tillerson, ‘inazione inaccettabile’

(ANSA) - NEW YORK, 15 DIC - La Corea del Nord continua a rappresentare la piu' grande minaccia alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti e del mondo. Lo ha detto il segretario di Stato americano Rex Tillerson: "L'inazione e' inaccettabile", ha detto Tillerson in Consiglio di Sicurezza dell'Onu.

18:13Natale: paese-palcoscenico per Natività a Casole d’Elsa

(ANSA) - CASOLE D'ELSA (SIENA), 15 DIC - Un piccolo comune trasformato in un palcoscenico per una rappresentazione della Natività open air che coinvolgerà il paese: 350 le persone impegnate tra attori e comparse - altre 60 saranno invece 'dietro' le quinte' - e 100 gli animali impiegati tra cui cammelli, asini, pecore, galline. E' 'Praesepium', natività in forma di spettacolo, che andrà in scena, dalle 15 alle 19, del 26 e 30 dicembre e dell'1, 6 e 7 gennaio a Casole d'Elsa, nel Senese, che già dal 1998 ospitava, con cadenza biennale, un presepe vivente: 12mila i visitatori nel 2015. Promosso dall'Associazione 'CasoleEventi', la rappresentazione teatrale all'aria aperta si svolgerà per le vie del centro storico di Casole: su una superficie di 30.000 metri quadrati si svolgeranno in contemporanea 30 scene, da quelle classiche della Natività a quelle di un villaggio dell'epoca. Ci sarà cibo cucinato sul momento, compreso il pane e frutta fresca ad arricchire i banchetti. Sarà anche realizzata una 'via dei profumi'", con incensi, candele ed erbe aromatiche. Il pubblico attraverserà la rappresentazione senza dover interagire.(ANSA).

18:12Maltempo: forte mareggiata a Capri, collegamenti sospesi

(ANSA) - CAPRI (NAPOLI), 15 DIC - Sono di nuovo sospesi da oggi pomeriggio i collegamenti marittimi con l'isola di Capri colpita da una forte mareggiata. Il maltempo ha portato all'interruzione totale dei collegamenti di linea con la terraferma. Questa mattina le prime interruzioni, poi nel pomeriggio il peggioramento delle condizioni meteomarine ha portato alla soppressione totale delle corse di traghetti e aliscafi.

18:08Calcio: Spalletti, Pordenone non è stato sottovalutato

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 15 DIC - "Facendo giocare tutto un reparto nuovo non li ho agevolati. La differenza l'ha fatta la mia scelta. Non è vero che i calciatori non si sono impegnati o che abbiano preso sottogamba la partita contro il Pordenone": lo dice l'allenatore dell'Inter Luciano Spalletti sulla partita di Coppa Italia di martedì scorso contro il Pordenone, alla vigilia di quella di campionato con l'Udinese. "Se metto Karamoh - che era dispiaciutissimo per le occasioni che non ha concretizzato - per 30 minuti in una squadra che per 8/11 è sempre la stessa, vi farà vedere le sue qualità, così come Cancelo". Spalletti spiega anche motiva la squadra nerazzurra prima delle partite: "Io riporto spesso un esempio prima delle partite: vengo dalla campagna vera, dalla natura, so quale è il comportamento di un predatore con la sua preda: non valuta mai la stazza della sua vittima, ci mette sempre la stessa forza".

17:42Etruria:Di Battista,Boschi da due anni prende per culo gente

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Banalizzare le proprie immense responsabilità politiche chiudendosi nel guscio del sessismo lo considero volgare e stucchevole. Oltretutto, questo atteggiamento rafforza le discriminazioni già presenti nel nostro Paese. Se un domani rinunciassi ad attaccare politicamente un Ministro solo perché donna mi macchierei io stesso di un atto discriminatorio. Noi attacchiamo con forza la Boschi non in quanto donna (difesa ridicola) ma in quanto Maria Elena Boschi, un politico che da due anni prende per il culo gli italiani, tutti gli italiani: uomini e donne!". Lo scrive su facebook Alessandro di Battista, deputato M5s

Archivio Ultima ora