Renzi provoca Letta: “L’Esecutivo deve fare non durare”

Pubblicato il 07 agosto 2013 da redazione

ROMA – Dopo i tuoni che arrivavano da destra, Enrico Letta torna a concentrare la sua attenzione a sinistra, dove intravede scogli altrettanto pericolosi per la navigazione del governo. Matteo Renzi interrompe il silenzio per tornare ad incalzarlo:

– Io tifo per Letta, ma l’Esecutivo deve fare, non durare e se non riesce a governare non può cercare alibi fuori dal Parlamento.

Come a dire: non incolpare me dell’impasse in cui è finita la maggioranza. Parole che rafforzano i timori sul fatto che il sindaco inizia a mordere il freno. Il presidente del Consiglio, del resto, lo ha sempre sostenuto: non sarà Berlusconi a staccare la spina, i problemi semmai arriveranno dal mio partito.

Ad impensierirlo non sarebbe tanto l’intervista di Guglielmo Epifani al Corriere. E’ vero che chiedendo il passo indietro di Berlusconi e ribadendo che il Pd non accetterà salvacondotti, il segretario ha scatenato la dura controffensiva del Pdl, contribuendo ad infiammare un clima già incandescente. Ma le sue parole vengono interpretate come il tentativo di compattare il partito, evitando di farsi “scavalcare a sinistra” e togliendo acqua al mulino del sindaco di Firenze e di quanti, nel Pd, soffrono l’alleanza con il Cavaliere. Un’interpretazione forse ottimistica, ma che trova conferma anche in ambienti vicini al presidente del Consiglio.

– Non c’è nessuna preoccupazione per le parole di Epifani, è naturale che il Pd dica la sua – spiega un parlamentare che ne ha parlato con Letta. Anche le “provocazioni” del sindaco di Firenze vengono derubricate dai ‘lettiani’ a “discorso normale, quasi scontato e comunque senza novità” di rilievo.

– Il primo che non vuole durare, ma fare è proprio Letta. Come ripete lui stesso quasi quotidianamente – ricorda un parlamentare vicino al premier. Letta, assicurano i suoi, non avrebbe neanche ascoltato la diretta dell’intervento perché ancora in riunione palazzo Chigi con Saccomanni. Eppure, a scandagliare il composito gruppo di deputati e senatori che si dicono vicini al capo del governo, un timore emerge: la possibilità cioè che all’alleanza Epifani-Letta per far durare il governo, si sostituisca un asse Bersani-Epifani-Renzi. L’obiettivo sarebbe quello di ‘spartirsi’ la torta: con i primi due che offrono al sindaco di Firenze la possibilità di correre per palazzo Chigi e Renzi che rinuncia a correre per la segreteria.

– Ai bersaniani il partito e ai renziani il governo – sintetizza un parlamentare democratico, spiegando che l’unica vittima designata di un simile disegno sarebbe, appunto, il governo Letta. E a riprova di ciò vi sarebbero i passaggi dell’intervista di Epifani sul conflitto di interesse e sulla legge elettorale, che dimostrerebbero la crescente insofferenza per l’alleanza con il Pdl. Uno scenario che, tuttavia, non convince i ‘lettiani’ di stretta osservanza.

– E’ un’ipotesi che al momento non esiste perché nessuno, nemmeno Renzi, se la sentirebbe di buttare giù il governo e di restare con il cerino in mano – taglia corto un deputato che parla spesso con il premier, indicando proprio nelle parole del sindaco la prova di ciò. Per non parlare del fatto che il voto non è affatto scontato, vista la posizione del capo dello Stato. Insomma, è la conclusione del ‘lettiano’, se il governo realizza le cose promesse non dovrebbe correre rischi. Per questo oggi, davanti alla direzione del Pd, Letta si concentrerà sulla necessità di andare avanti con il programma di governo, di risolvere i problemi del Paese, di mantenere la promessa del Pd di sostenere il programma votato in Parlamento. Magari ampliandolo, e persino migliorandolo, ma rispettando quel patto. Perché, sarà la sua conclusione, lo stare al governo, anche con Berlusconi, non drena consensi: anzi, come dimostrano le amministrative e i sondaggi, la responsabilità verso il Paese paga. Mentre chi dovesse buttare tutto all’aria, ora che si intravede la ripresa, rischierebbe di essere punito proprio dagli elettori. Una presa di posizione che potrebbe rappresentare la scintilla per un duello vero con il sindaco, anch’esso intenzionato a partecipare, domani, gira voce, alla riunione del partito per ribadire le sue convinzioni su congresso e governo.

Ultima ora

00:07Juve: Dybala “Il campionato non è finito per niente”

(ANSA) - ROMA, 28 APR - "Siamo un po' rammaricati anche per il primo tempo che abbiamo fatto, dove siamo stati troppo leziosi. Nel secondo tempo siamo migliorati ma torniamo a casa amareggiati. Il campionato non è per niente finito, se avessimo vinto avremmo mandato un grosso messaggio alla Roma. Per questo volevamo vincere". Così Paulo Dybala a Premium dopo il pareggio della Juve a Bergamo. "Distratti dalla sfida col Monaco? No, sapevamo che l'Atalanta qui ha sempre fatto bene. Dovevamo fare di più ma al Monaco penseremo da domani. Questo è punto importante ma noi volevamo vincere. Allegri e Buffon hanno detto che potrò essere tra i primi tre al mondo? Non sento pressione. Loro mi vogliono bene e pensano questo. Sono contento ma io penso solo a giocare e a fare bene per la squadra".

23:41Calcio: Allegri “Commessi errori non da Juventus”

(ANSA) - ROMA, 28 APR - A Massimiliano Allegri il pari di Bergamo non va giù e a Premium Sport non nasconde l'amarezza: "A un minuto dalla fine eravamo in vantaggio e non abbiamo vinto. Bastava restare attaccati alla gara ma siamo stati scollegati, abbiamo subito nel primo tempo ma una volta ribaltata dovevamo chiuderla - spiega il tecnico della Juventus - La Juventus di solito non prende mai gol in quel modo. Questo è un segnale di questo match che abbiamo giocato a fasi alterne. Abbiamo allungato di un punto sulla Roma e ora dovremo fare altre vittorie. Gli scudetti si vincono sempre alla fine, la squadra ha fatto 84 punti, possiamo arrivare a 96 punti e stiamo facendo un percorso importante. Avessimo vinto stasera avremmo dato un colpo decisivo al campionato. Questa partita ci servirà per capire come sarà la partita con il Monaco che gioca in maniera simile all'Atalanta".

23:16Serie A: Atalanta rallenta la Juve, a Bergamo è 2-2

(ANSA) - ROMA, 28 APR - Prima la paura, poi la rimonta e il sorpasso, infine il rimpianto: sono gli umori attraversati dalla Juventus fermata sul 2-2 dall'Atalanta a Bergamo, nell'anticipo della 34ma giornata di Serie A. A Bergamo partita double face, con i padroni di casa meglio nei primi 45' e gli ospiti che incalzano e dominano la ripresa. Nerazzurri avanti con Conti proprio allo scadere del primo tempo (45'), ma nella ripresa cambia la musica e prima un autogol di Spinazzola (50') riapre i giochi, poi un colpo di testa di Dani Alves all'82' sembra chiudere il match. Ma ll'89' un messo pasticcio della difesa bianconera permette a Freuler di agguantare l'insperato pari che porta i bianconeri a +9 sulla Roma, mentre gli orobici agganciano la Lazio al quarto posto.

21:52Cerca di scendere dal treno in corsa, orribile morte 16enne

(ANSA) - PARONA (PAVIA), 28 APR - Scende dal treno già partito, cade sui binari e le ruote del convoglio la tagliano a metà. Così è morta oggi, intorno alle 18.50, una ragazza romena di 16 anni, I.V., ospite di una comunità a Vigevano e giocatrice di pallavolo a Pavia. La ragazza era in compagnia del fidanzato sul treno Trenord numero 10548, partito da Mortara e diretto a Milano Porta Genova. Alla stazione di Parona il ragazzo è sceso dal vagone mentre la giovane ha tergiversato, finendo per restare incastrata tra le porte del convoglio. Il fidanzato, che ha cominciato a chiedere aiuto, ha cercato di strattonare la ragazza per aiutarla a scendere. A quel punto la 16enne sarebbe caduta sui binari, finendo sotto il treno. Secondo quanto riferisce Trenord, il treno è ripartito regolarmente dalla stazione di Parona. I tecnici che hanno effettuato i primi sopralluoghi hanno però trovato una porta 'spiombata', ovvero aperta da qualcuno dall'interno. La linea tra Abbiategrasso e Mortara rimarrà chiusa fino a tarda sera.

21:39Calcio: Belotti si confessa, clausola? Penso alla Champions

(ANSA) - ROMA, 28 APR - "Nel mondo di oggi ormai si parla di cifre esorbitanti. Vai a pagare tanti giocatori anche 70-80 milioni o arrivi anche ai 100. Ormai il valore del mercato si è alzato a dismisura rispetto agli ultimi anni. Questa cosa per me non è un peso, e nemmeno per mio papà perché, seguendo il mercato, si sente parlare di cifre veramente eccessive". Così ha parlato, in esclusiva a Sky sport, Andrea Belotti, attaccante del Torino e della Nazionale. "Il Campionato del mondo è un sogno per qualsiasi giocatore, così come la Champions - ha concluso -. Sono le due cose che quasi tutti i calciatori penso sognino di poter vincere. La prima sensazione che ho avuto, quando ho varcato Coverciano da giocatore della Nazionale maggiore, è stata proprio l'unione del gruppo. Anche dopo un Europeo dove si è usciti in malo modo con la Germania, il gruppo non si è disunito, è rimasto ancora più compatto".

21:16Calcio: Juve, Marotta “non sarà facile trovare nuovo Buffon”

(ANSA) - ROMA, 28 APR - "Alternative a Mandzukic per la prossima stagione? Questa è una rosa di altissimo livello e, nel corso della stagione, avremo molti impegni. Se ci saranno opportunità di mercato per migliorare la rosa, lo faremo. Interessati a Schick? Piace a tutti, è un giocatore giovane e interessante, ma non abbiamo mai fatto un incontro nè un'offerta: non c'è stato nessun approccio con la Sampdoria". Così l'ad della Juve, Beppe Marotta, parlando a Mediaset premium. "Investimento importante per un nuovo portiere quando lascerà Buffon? Intanto, ci godiamo ancora Buffon che è un eterno giovane - aggiunge -. E' il nostro capitano, l'uomo-spogliatoio, speriamo possa giocare a lungo. Non sarà facile trovare un campione come Buffon che è uno dei portieri più forti della storia del calcio italiano. Voto alla stagione della Juve? Meglio aspettare la fine. Siamo arrivati all'ultimo chilometro ma, per esprimere un voto positivo vogliamo vincere tutte le competizioni". "Rinnovo per Allegri? Quello verrà in automatico", conclude.

20:56Calcio: Torneo Nazioni, Under 16 femminile in finale

(ANSA) - ROMA, 28 APR - La Nazionale Under 16 femminile è in finale nel Torneo delle Nazioni. Dopo il pareggio contro le campionesse in carica della Francia (0-0) e la bella vittoria contro la Germania (1-0), a Torviscosa, nella terza partita del torneo, le Azzurrine hanno conquistato contro il Belgio (1-1) il punto utile per raggiungere l'obiettivo. In svantaggio al 3' della ripresa su calcio di rigore, l'Under 16 Femminile ha pareggiato al 25' ancora con un gol dell'attaccante del Ligorna Teresa Fracas e domani a Gradisca d'Isonzo (ore 18,30), affronterà in finale gli Usa.

Archivio Ultima ora