Renzi provoca Letta: “L’Esecutivo deve fare non durare”

Pubblicato il 07 agosto 2013 da redazione

ROMA – Dopo i tuoni che arrivavano da destra, Enrico Letta torna a concentrare la sua attenzione a sinistra, dove intravede scogli altrettanto pericolosi per la navigazione del governo. Matteo Renzi interrompe il silenzio per tornare ad incalzarlo:

– Io tifo per Letta, ma l’Esecutivo deve fare, non durare e se non riesce a governare non può cercare alibi fuori dal Parlamento.

Come a dire: non incolpare me dell’impasse in cui è finita la maggioranza. Parole che rafforzano i timori sul fatto che il sindaco inizia a mordere il freno. Il presidente del Consiglio, del resto, lo ha sempre sostenuto: non sarà Berlusconi a staccare la spina, i problemi semmai arriveranno dal mio partito.

Ad impensierirlo non sarebbe tanto l’intervista di Guglielmo Epifani al Corriere. E’ vero che chiedendo il passo indietro di Berlusconi e ribadendo che il Pd non accetterà salvacondotti, il segretario ha scatenato la dura controffensiva del Pdl, contribuendo ad infiammare un clima già incandescente. Ma le sue parole vengono interpretate come il tentativo di compattare il partito, evitando di farsi “scavalcare a sinistra” e togliendo acqua al mulino del sindaco di Firenze e di quanti, nel Pd, soffrono l’alleanza con il Cavaliere. Un’interpretazione forse ottimistica, ma che trova conferma anche in ambienti vicini al presidente del Consiglio.

– Non c’è nessuna preoccupazione per le parole di Epifani, è naturale che il Pd dica la sua – spiega un parlamentare che ne ha parlato con Letta. Anche le “provocazioni” del sindaco di Firenze vengono derubricate dai ‘lettiani’ a “discorso normale, quasi scontato e comunque senza novità” di rilievo.

– Il primo che non vuole durare, ma fare è proprio Letta. Come ripete lui stesso quasi quotidianamente – ricorda un parlamentare vicino al premier. Letta, assicurano i suoi, non avrebbe neanche ascoltato la diretta dell’intervento perché ancora in riunione palazzo Chigi con Saccomanni. Eppure, a scandagliare il composito gruppo di deputati e senatori che si dicono vicini al capo del governo, un timore emerge: la possibilità cioè che all’alleanza Epifani-Letta per far durare il governo, si sostituisca un asse Bersani-Epifani-Renzi. L’obiettivo sarebbe quello di ‘spartirsi’ la torta: con i primi due che offrono al sindaco di Firenze la possibilità di correre per palazzo Chigi e Renzi che rinuncia a correre per la segreteria.

– Ai bersaniani il partito e ai renziani il governo – sintetizza un parlamentare democratico, spiegando che l’unica vittima designata di un simile disegno sarebbe, appunto, il governo Letta. E a riprova di ciò vi sarebbero i passaggi dell’intervista di Epifani sul conflitto di interesse e sulla legge elettorale, che dimostrerebbero la crescente insofferenza per l’alleanza con il Pdl. Uno scenario che, tuttavia, non convince i ‘lettiani’ di stretta osservanza.

– E’ un’ipotesi che al momento non esiste perché nessuno, nemmeno Renzi, se la sentirebbe di buttare giù il governo e di restare con il cerino in mano – taglia corto un deputato che parla spesso con il premier, indicando proprio nelle parole del sindaco la prova di ciò. Per non parlare del fatto che il voto non è affatto scontato, vista la posizione del capo dello Stato. Insomma, è la conclusione del ‘lettiano’, se il governo realizza le cose promesse non dovrebbe correre rischi. Per questo oggi, davanti alla direzione del Pd, Letta si concentrerà sulla necessità di andare avanti con il programma di governo, di risolvere i problemi del Paese, di mantenere la promessa del Pd di sostenere il programma votato in Parlamento. Magari ampliandolo, e persino migliorandolo, ma rispettando quel patto. Perché, sarà la sua conclusione, lo stare al governo, anche con Berlusconi, non drena consensi: anzi, come dimostrano le amministrative e i sondaggi, la responsabilità verso il Paese paga. Mentre chi dovesse buttare tutto all’aria, ora che si intravede la ripresa, rischierebbe di essere punito proprio dagli elettori. Una presa di posizione che potrebbe rappresentare la scintilla per un duello vero con il sindaco, anch’esso intenzionato a partecipare, domani, gira voce, alla riunione del partito per ribadire le sue convinzioni su congresso e governo.

Ultima ora

19:31Voto Saarland: Schulz, non è buona giornata per l’Spd

(ANSA) - BERLINO, 26 MAR - "Ci sono giorni buoni e meno buoni: non direi che quello di oggi appartiene a quelli buoni per l'Spd". Lo ha detto il leader dei socialdemocratici tedeschi Martin Schulz, commentando il risultato delle elezioni nel Saarland, dove ha vinto la Cdu con 10 punti di vantaggio, secondo gli exit poll. "Sono un vecchio calciatore", ha aggiunto, "e i giorni meno buoni rappresentano una motivazione".

19:28Attacco Londra: arrestato un 30enne a Birmingham

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Un uomo di 30 anni è stato arrestato a Birmingham nell'ambito delle indagini sull'attacco a Londra: è sospettato - riferisce la Press Association - di preparare attentati terroristici.

19:21Trump cancellerà le norme di Obama contro il gas serra

(ANSA) - WASHINGTON, 26 NOV - Il capo dell'Agenzia per la protezione dell'ambiente (Epa), Scott Pruitt, ha annunciato alla Abc che martedì il presidente Donald Trump firmerà un nuovo ordine esecutivo che cancella il piano di Obama per ridurre il surriscaldamento globale. Si tratta del Clean Power Plan, una normativa che limita i gas serra nelle centrali a carbone. Normativa che tuttavia è stata sospesa lo scorso anno in attesa che una corte federale esamini il ricorso presentato da alcuni stati repubblicani favorevoli all'energia fossile e di oltre cento società.

19:14Trump: Wsj, Flynn discusse con turchi ‘rapimento’ Gulen

(ANSA) - WASHINGTON, 26 NOV - L'ex consigliere per la sicurezza nazionale Usa Mike Flynn, mentre era ancora tra i collaboratori di Trump durante la campagna elettorale, incontrò alti dirigenti del governo turco e discusse l'ipotesi di portare in Turchia, senza estradizione legale, Fethullah Gulen, l'imam residente in Usa che secondo Ankara avrebbe orchestrato il fallito colpo di stato del luglio scorso. Lo ha rivelato al Wall Street Journal James Woolsey, direttore della Cia sotto Bill Clinton, divenuto poi collaboratore della campagna di Trump. L'idea, ha raccontato Wollsey, era "una iniziativa coperta nel cuore della notte per portare via questa persona", ma non sarebbero stati discussi piani specifici né è dato sapere chi lanciò la proposta. All'incontro, svoltosi in un hotel di Manhattan il 19 settembre scorso, parteciparono anche il ministro degli esteri turco Mevlut Cavusoglu e Berat Albayrak, genero del presidente Recep Tayyip Erdogan. Un portavoce di Flynn ha negato che si sia discusso di alcunché di illegale.

19:04Russia: polizia conferma, circa 500 fermi oggi a Mosca

(ANSA) - MOSCA, 26 MAR - La polizia di Mosca ha confermato che "circa 500 persone" sono state fermate oggi dalle forze dell'ordine durante la manifestazione non autorizzata indetta da Alexei Navalny. "Sono state portate nelle stazioni distrettuali della polizia per sbrigare le pratiche di violazione delle disposizioni amministrative". Lo riporta la Tass che cita un portavoce della polizia.

18:50Prostituta uccisa Bologna: confessa uomo sentito in questura

(ANSA) - BOLOGNA, 26 MAR - Ha confessato di essere l'autore dell'omicidio l'uomo interrogato in questura a Bologna per la morte di Ana Maria Stativa, la prostituta 30enne trovata deceduta per un colpo al capo ieri pomeriggio nella sua abitazione di via Varthema, in zona Murri. L'uomo, Francesco Serra, 55enne, era un cliente che si era invaghito della donna. Assistito da un avvocato è stato sentito a lungo dagli investigatori della squadra mobile e dal Pm Roberto Ceroni: alla fine ha ammesso l'omicidio e fatto ritrovare l'arma utilizzata per uccidere, una piccola pistola di quelle utilizzate per uccidere i maiali. Serra è ora in stato di fermo per omicidio aggravato premeditato. La scintilla che ha fatto scattare la volontà omicida sarebbe il fatto che Ana Maria voleva tornare in Romania e lui non voleva. Le indagini vagliano anche possibili problemi di ordine economico tra omicida e vittima. La donna era stato trovata morta dal fidanzato che aveva dato l'allarme.(ANSA).

18:42Germania: exit poll Saarland, Cdu in testa con il 40%

(ANSA) - BERLINO, 26 MAR - Resta la Cdu di Angela Merkel il partito più forte del Saarland, in Germania, con il 40% dei voti, stando al primo exit poll. L'Spd avrebbe conquistato invece il 30% dei voti. Stando a questi dati resta fuori dal parlamentino regionale l'Fdp con il 3,5%, mentre i populisti dell'Afd sono dentro con il 6%.

Archivio Ultima ora