Renzi provoca Letta: “L’Esecutivo deve fare non durare”

Pubblicato il 07 agosto 2013 da redazione

ROMA – Dopo i tuoni che arrivavano da destra, Enrico Letta torna a concentrare la sua attenzione a sinistra, dove intravede scogli altrettanto pericolosi per la navigazione del governo. Matteo Renzi interrompe il silenzio per tornare ad incalzarlo:

– Io tifo per Letta, ma l’Esecutivo deve fare, non durare e se non riesce a governare non può cercare alibi fuori dal Parlamento.

Come a dire: non incolpare me dell’impasse in cui è finita la maggioranza. Parole che rafforzano i timori sul fatto che il sindaco inizia a mordere il freno. Il presidente del Consiglio, del resto, lo ha sempre sostenuto: non sarà Berlusconi a staccare la spina, i problemi semmai arriveranno dal mio partito.

Ad impensierirlo non sarebbe tanto l’intervista di Guglielmo Epifani al Corriere. E’ vero che chiedendo il passo indietro di Berlusconi e ribadendo che il Pd non accetterà salvacondotti, il segretario ha scatenato la dura controffensiva del Pdl, contribuendo ad infiammare un clima già incandescente. Ma le sue parole vengono interpretate come il tentativo di compattare il partito, evitando di farsi “scavalcare a sinistra” e togliendo acqua al mulino del sindaco di Firenze e di quanti, nel Pd, soffrono l’alleanza con il Cavaliere. Un’interpretazione forse ottimistica, ma che trova conferma anche in ambienti vicini al presidente del Consiglio.

– Non c’è nessuna preoccupazione per le parole di Epifani, è naturale che il Pd dica la sua – spiega un parlamentare che ne ha parlato con Letta. Anche le “provocazioni” del sindaco di Firenze vengono derubricate dai ‘lettiani’ a “discorso normale, quasi scontato e comunque senza novità” di rilievo.

– Il primo che non vuole durare, ma fare è proprio Letta. Come ripete lui stesso quasi quotidianamente – ricorda un parlamentare vicino al premier. Letta, assicurano i suoi, non avrebbe neanche ascoltato la diretta dell’intervento perché ancora in riunione palazzo Chigi con Saccomanni. Eppure, a scandagliare il composito gruppo di deputati e senatori che si dicono vicini al capo del governo, un timore emerge: la possibilità cioè che all’alleanza Epifani-Letta per far durare il governo, si sostituisca un asse Bersani-Epifani-Renzi. L’obiettivo sarebbe quello di ‘spartirsi’ la torta: con i primi due che offrono al sindaco di Firenze la possibilità di correre per palazzo Chigi e Renzi che rinuncia a correre per la segreteria.

– Ai bersaniani il partito e ai renziani il governo – sintetizza un parlamentare democratico, spiegando che l’unica vittima designata di un simile disegno sarebbe, appunto, il governo Letta. E a riprova di ciò vi sarebbero i passaggi dell’intervista di Epifani sul conflitto di interesse e sulla legge elettorale, che dimostrerebbero la crescente insofferenza per l’alleanza con il Pdl. Uno scenario che, tuttavia, non convince i ‘lettiani’ di stretta osservanza.

– E’ un’ipotesi che al momento non esiste perché nessuno, nemmeno Renzi, se la sentirebbe di buttare giù il governo e di restare con il cerino in mano – taglia corto un deputato che parla spesso con il premier, indicando proprio nelle parole del sindaco la prova di ciò. Per non parlare del fatto che il voto non è affatto scontato, vista la posizione del capo dello Stato. Insomma, è la conclusione del ‘lettiano’, se il governo realizza le cose promesse non dovrebbe correre rischi. Per questo oggi, davanti alla direzione del Pd, Letta si concentrerà sulla necessità di andare avanti con il programma di governo, di risolvere i problemi del Paese, di mantenere la promessa del Pd di sostenere il programma votato in Parlamento. Magari ampliandolo, e persino migliorandolo, ma rispettando quel patto. Perché, sarà la sua conclusione, lo stare al governo, anche con Berlusconi, non drena consensi: anzi, come dimostrano le amministrative e i sondaggi, la responsabilità verso il Paese paga. Mentre chi dovesse buttare tutto all’aria, ora che si intravede la ripresa, rischierebbe di essere punito proprio dagli elettori. Una presa di posizione che potrebbe rappresentare la scintilla per un duello vero con il sindaco, anch’esso intenzionato a partecipare, domani, gira voce, alla riunione del partito per ribadire le sue convinzioni su congresso e governo.

Ultima ora

17:19Calcio: Benevento, Vigorito “in A serve vincere”

(ANSA) - BENEVENTO, 22 AGO - "Se giochi bene e non vinci in Serie A diventa difficile. Vanno bene i complimenti, ma bisogna portare a casa anche i risultati. In questa fine di mercato e con il lavoro di tutto lo staff mi auguro di riuscire a mettere le toppe giuste". Così il patron del Benevento, Oreste Vigorito, ha commentato la sconfitta nell'esordio della sua squadra a Genova contro la Sampdoria, a margine dell'incontro svoltosi al Comune per mettere a punto la convenzione tra l'ente e la società sportiva. Sui rapporti "freddi" con il direttore sportivo Di Somma, Vigorito ha replicato: "Sono solo chiacchiere della stampa".

17:18Calcio: Figc, Tavecchio scrive a Tommasi

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Il presidente della Figc, Carlo Tavecchio - sentiti i vicepresidenti Cosimo Sibilia e Renzo Ulivieri e il direttore generale Michele Uva -, ha scritto al presidente dell'Associazione italiana calciatori, Damiano Tommasi, ribadendo il proprio impegno per sottoporre all'attenzione del prossimo Consiglio Federale le istanze presentate dallo stesso Tommasi nel corso dell'incontro avvenuto venerdì scorso a Coverciano. Nella sua lettera, informa la Figc, Tavecchio auspica che "l'impegno profuso in questi giorni consenta un sereno avvio dei campionati". L'Aic aveva confermato ieri lo stato di agitazione della categoria, auspicando la soluzione di alcune questioni relative in particolare alla serie C - ripescaggi, pagamenti, impiego degli over - per evitare un possibile sciopero all'avvio del campionato.

17:13Incidenti montagna: alpinista italiano morto su Monte Bianco

(ANSA) - AOSTA, 22 AGO - Un alpinista italiano è morto dopo essere precipitato sul versante francese del Monte Bianco. L'uomo - secondo quanto riferito all'ANSA da un portavoce del Peloton de gendarmerie d'haute montagne di Chamonix - stava percorrendo un canalone, il couloir du Gouter, quando, "probabilmente per un errore tecnico", è scivolato ed è caduto dal versante. Con lui c'era un compagno di scalata che è illeso e che, una volta recuperato, potrà aiutare la gendarmeria a ricostruire l'accaduto. L'intervento di soccorso in elicottero è in corso in questi minuti. L'incidente si è verificato durante la fase di discesa lungo la via normale francese alla vetta, che ha un passaggio obbligato nel canalone, noto per i diversi incidenti che si verificano ogni anno a causa di passaggi delicati e della caduta di frane e slavine.(ANSA).

16:57Calcio: Spal, dalla Sampdoria arriva Bonazzoli

(ANSA) - FERRARA, 22 AGO - Nuovo innesto in attacco, dopo l'arrivo di Marco Borriello, per la Spal. Il club estense - spiega una nota - ha acquistato il 20enne Federico Bonazzoli. Il giocatore arriva dalla Sampdoria in prestito annuale con diritto di riscatto. Cresciuto nelle giovanili dell'Inter, Bonazzoli - che indosserà la maglia numero 9 - è passato ai blucerchiati nel 2015, militando poi nella Virtus Lanciano e nell'ultima stagione a Brescia, dove ha collezionato 25 presenze con 2 reti.

16:25Ragazza aggredita e ferita al viso con temperino a Trieste

(ANSA) - TRIESTE, 22 AGO - Aggredita e ferita al viso con un temperino, in maniera non grave (dieci giorni di prognosi), appena scesa da un bus nei pressi della stazione ferroviaria di Trieste. E' successo ieri sera tardi, nel capoluogo giuliano. La vittima è una ragazza di 24 anni, che oggi ha presentato denuncia in Questura. Ad aggredirla - da quanto si è riusciti a sapere - sono stati tre uomini, di nazionalità straniera, uno dei quali l'ha avvicinata per chiederle una sigaretta che lei gli ha dato. I tre sono tuttora ricercati dalla Polizia. L'episodio si è verificato alle 20.30: la ragazza era appena scesa dal bus quando è stata avvicinata da tre uomini, uno dei quali le ha chiesto una sigaretta che lei gli ha consegnato. L'hanno poi seguita e aggredita. Lei è riuscita però a liberarsi e a fuggire rivolgendosi al pronto soccorso dell'ospedale di Cattinara dopo qualche ora.

16:24Moto: Silverstone, Marquez “pista mi piace, voglio il podio”

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "Abbiamo trovato una buona base per la moto e questo è molto positivo. Il mio obiettivo è stare sempre davanti, essere efficace e ottenere il massimo su tutte le piste e in tutte le condizioni. Ci proveremo anche a Silverstone, una pista che mi piace e che sapremo sarà esigente dove i nostri avversari sono molto forti". Queste le parole del leader del mondiale MotoGp, Marc Marquez, in vista della gara di domenica sul circuito britannico. "L'anno scorso abbiamo interpretato un buon gran premio e solo in gara forse ci è mancato qualche cosa. Quest'anno faremo di tutto per raggiungere il podio", ha aggiunto lo spagnolo della Honda in dichiarazioni riportate sul sito ufficiale della MotoGp.

16:24Terremoto Ischia: sindaco a Mattarella,orgoglioso Paese

(ANSA) - ISCHIA, 22 AGO - "Mi sento orgoglioso di essere italiano: l'ho detto al capo dello Stato". Il sindaco di Casamicciola Giovanbattista Castagna riferisce così del colloquio telefonico con il presidente Mattarella. Orgoglioso perchè, spiega, "c'è stata una vera gara di solidarietà con tutte le istituzioni che hanno fatto a pieno ogni sforzo per soccorrere le persone in difficoltà".

Archivio Ultima ora