Imu: Mef; abolizione non equa, meglio service tax

Pubblicato il 08 agosto 2013 da redazione

ROMA – Il ministro dell’Economia Fabrizio Saccomanni pubblica le carte con tutte le ipotesi (già consegnate alla Cabina di Regia) sulla riforma della tassazione immobiliare. Riforma che comunque non arriverà prima di Ferragosto e che sarà definita nei dettagli molto probabilmente nell’ultimo Consiglio dei ministri utile (il 28) prima della scadenza del 31 agosto.

La decisione del ministro arriva nell’ennesima giornata di botta e risposta tra le forze politiche della maggioranza con il Pd che punta a una rimodulazione dell’imposta (con l’introduzione anche di una service tax e maggiore autonomia ai Comuni) e il Pdl fermo nella richiesta di eliminare del tutto l’Imu sulla prima casa. Ipotesi peraltro definita ”irrazionale” da Scelta Civica.

La posizione del Mef, tra le diverse ipotesi, sembrerebbe più vicina a quella del Pd, anche perchè – si spiega nel documento – l’abolizione tout-court sarebbe poco equa ed efficiente e avrebbe pure un effetto recessivo, visto che a trarne maggior vantaggio sarebbero i più ricchi. Viceversa la service tax e la maggior autonomia decisionale dei comuni sarebbero le ipotesi ”migliori”. E che la Service Tax (nella quale potrebbe confluire anche la Tares) sia tra le ipotesi ”maggiormente” in campo lo conferma anche il sottosegretario all’Economia Pier Paolo Baretta, spiegando, a RadioAnch’io, che sarebbe la soluzione che ”più può coniugare la necessità politica di superare l’Imu e l’esigenza di dare più spazio ai Comuni e al loro potere decisionale”.

Peraltro Baretta si spinge più in là, aggiungendo che in ogni caso a settembre non si dovrebbe pagare la prima rata, al momento solo sospesa, perché ”non si può fare pagare a settembre ciò che non si è fatto pagare a giugno”. E al Tesoro si sta effettivamente lavorando all’ipotesi, che costerebbe, come si legge anche nel documento, 2,4 miliardi e con la quale però non si affrontano ”i problemi strutturali del prelievo immobiliare”. La cancellazione dell’acconto sarebbe comunque il primo passo, cui far seguire la riforma complessiva, sulla quale l’intesa politica sembra ancora molto lontana.

– Su Imu e Iva – dice il segretario del Pd Guglielmo Epifani – vanno cercate ‘soluzioni logiche e compatibili.

Matteo Colaninno, ricorda di nuovo che il punto di mediazione non può che essere ”diverso dalle rispettive posizioni di partenza”. E però ribadisce che per il Pd investire 4 miliardi ogni anno è ”uno spreco ingiustificato di risorse” perché, come sottolinea il viceministro dell’Economia Stefano Fassina, tante sono le priorità, a partire da Iva, cassa integrazione in deroga ed esodati. Insomma, superare l’attuale sistema ”non vuol dire eliminare l’Imu sulla prima casa per tutti”.

Sul fronte opposto il Pdl: Renato Brunetta ripete che l’eliminazione del balzello sulla prima casa era nel programma di governo (”Pacta sunt servanda” chiosa Daniele Capezzone) e critica il ministro Saccomanni che, ad oggi, ancora non ha presentato la sua di proposta. Bocciata anche l’ipotesi di ”scaricare sui Comuni la responsabilità di gestire in autonomia le decisioni” sia sulle aliquote sia sulle categorie di immobili da tassare. Questione invece appoggiata dal Pd. E che lascia perplesso anche il leader della Cisl Raffaele Bonanni:

– Sono molto diffidente – spiega sempre a RadioAnch’io – non mi fido affatto’ perché i Comuni ‘stabiliscono gabelle al di fuori della trasparenza.

L’Anci ribadisce intanto da giorni la propria richiesta: destinare tutto il gettito dell’imposta proprio ai comuni.

– L’Imu deve essere un’imposta municipale – dice il vicepresidente Alessandro Cattaneo del Pdl – ho più paura a lasciarla a quei comparti dello Stato che fino ad ora non hanno fatto nessuna efficienza.

Ultima ora

17:44Torino: nuovo scontro su conti,revisori bocciano Consolidato

(ANSA) - TORINO, 14 DIC - Nuovo scontro tra Comune di Torino e revisori dei conti. L'organo di revisione, presieduto da Herri Fenoglio, ha espresso parere negativo al Bilancio consolidato 2016 perché - si legge nelle motivazioni - non è stato inserito il bilancio di Gtt, l'azienda del trasporto pubblico locale. Dal canto suo l'amministrazione pentastellata tira dritto e intende approvare entro l'anno il Consolidato, osservando che si tratta di un atto ricognitivo che fotografa i conti del 2016 senza alcun potere autorizzatorio. "Non approvare il consuntivo - spiega l'assessore al Bilancio Sergio Rolando - pregiudicherebbe in maniera irreparabile la corretta erogazione del servizio pubblico. Sarebbe un danno perché verrebbero bloccate le assunzioni, gli uffici e, di conseguenza, la Città, penalizzando i servizi e i cittadini". Di qui la decisione di recepire con un emendamento il parere dei revisori e, con un altro emendamento, le deduzioni degli uffici, così da proseguire con l'approvazione. (ANSA).

17:43Traffico rifiuti: ‘I bambini? Che muoiano’

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - "Ci mancavano anche i bambini che vanno all'ospedale, che muoiano". Così uno degli indagati nell'inchiesta della Dda di Firenze per traffico illecito di rifiuti, che oggi ha portato all'arresto di sei persone, parlando dei rischi di stoccare abusivamente rifiuti pericolosi in una discarica situata vicino a una scuola. "Non mi importa nulla dei bambini che si sentono male - prosegue l'uomo senza sapere di essere intercettato -, io li scaricherei in mezzo alla strada i rifiuti".

17:30Etruria: Boschi, non ho mentito, mai pressioni

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Anche oggi ricevo attacchi dalle opposizioni sulla vicenda Banca Etruria. Confermo per filo e per segno tutto ciò che ho detto in Parlamento due anni fa. Tutto. Chi mi chiede le dimissioni perché avrei mentito in Parlamento deve dirmi in quale punto del resoconto stenografico avrei mentito. Ho incontrato più volte il presidente della Consob in varie sedi come ho incontrato altri rappresentanti istituzionali: mai e poi mai ho fatto pressioni. Mai". Così Maria Elena Boschi su facebook.

17:25Calcio: De Magistris, il Napoli va sempre sostenuto

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non mi inserisco in polemiche che non condivido ed esprimo massimo sostegno e vicinanza alla squadra. Sullo stadio noi facciamo fatti e stiamo realizzando un lavoro che sarà portato a compimento nella sua interezza prima delle Universiadi". Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha così risposto ai cronisti che gli hanno chiesto di commentare le dichiarazioni del presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, il quale in una intervista a Il Mattino ha detto di non aspettare più de Magistris sulla questione stadio. Rispetto al momento che vive la squadra, il sindaco ha affermato: "Va sostenuta da tutti nei momenti belli e in quelli difficili. Siamo fra i primi in campionato e abbiamo grandi prospettive".

17:19Berlusconi, da Salvini puntiglio che sarà superato

(ANSA) - BRUXELLES, 14 DIC - "Non è una cosa che non fa trovare un accordo con la Lega e con Fratelli d'Italia, è un puntiglio che sarà presto superato". Lo ha detto Silvio Berlusconi, rispondendo alle critiche arrivate da Matteo Salvini sull'iter della legge Molteni, all'uscita dalla riunione del Ppe.

17:18Cadavere donna vegliato in casa da figlio per una settimana

(ANSA) - GENOVA, 14 DIC - Il cadavere di una anziana donna di 78 anni è stata vegliata per almeno una settimana dal figlio, malato psichiatrico, di 47 anni. Il corpo è stato trovato oggi dai medici del 118 e dai carabinieri in un'abitazione di Borgoratti, quartiere popolare di Genova. I militari non escludono alcuna ipotesi: il cadavere presenta segni sul collo compatibili con uno strozzamento anche se il medico legale Marco Salvi, intervenuto per il primo sopralluogo, avrebbe accertato la presenza di altri segni che potrebbero far pensare che la donna si possa essere ferita in seguito a una caduta. Il magistrato titolare delle indagini ha disposto l'autopsia per accertare le cause del decesso. Sul posto gli investigatori del nucleo operativo e gli esperti della sezione rilievi.

17:11Calcio: Schick ci crede, la Roma è da scudetto

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Sono venuto qui perché credo nella strada che ha intrapreso la Roma. Siamo sempre in una posizione di classifica che ci permette di pensare allo scudetto. Possiamo vincerlo già quest'anno". Nonostante i due pareggi consecutivi in trasferta con Genoa e Chievo, Patrik Schick è convinto che la i giallorossi possano puntare al titolo. Il giocatore ceco, intervistato da Sky Sport24, spera di poter dare il proprio contributo: "Sono un attaccate e penso fare gol, quando gioco voglio segnare, questo è il mio obiettivo - sottolinea -. Essere il giocatore più pagato nella storia della Roma non mi pesa, anzi è al 100% una grande motivazione per me, farò tutto il possibile per non deludere nessuno". Schick rivela poi di aver legato in particolar modo con Dzeko nello spogliatoio di Trigoria: "Edin parla molto bene la mia lingua. E penso che anche il feeling in campo vada bene. Potenzialmente forse possiamo formare la coppia di attaccanti più forte della Serie A, ma poi dobbiamo confermarlo sul campo".

Archivio Ultima ora